Il rame diminuisce perché prevalgono le preoccupazioni per la debole domanda cinese

Il rame diminuisce perché prevalgono le preoccupazioni per la debole domanda cinese
Il rame diminuisce perché prevalgono le preoccupazioni per la debole domanda cinese

Giovedì i prezzi del rame hanno esteso le perdite, spinti dalle preoccupazioni che il recente rally del mercato ai massimi di due anni fosse basato sulla speculazione, mentre la domanda fisica rimane debole in Cina.

Alle 10.20 GMT, il rame trimestrale sul London Metal Exchange (LME) è sceso dello 0,9% a 4,44 dollari la tonnellata, allontanandosi dal massimo di due anni di 4,63 dollari toccato all’inizio della settimana.

“Possiamo chiederci se non siamo saltati fuori dal blocco di partenza troppo presto”, ha detto Ole Hansen della Saxo Bank di Copenaghen. «Ritorno in campo neutro. “Mi piace la visione a lungo termine, ma a seconda della domanda effettiva sul campo, potremmo rischiare un consolidamento o addirittura una correzione”.

Hansen ha citato segnali deboli provenienti dal principale consumatore mondiale di metalli, la Cina, poiché il premio per il rame di Yangshan, che riflette la domanda di rame importato in Cina, è sceso a zero la scorsa settimana da 42,50 dollari per tonnellata all’inizio di aprile. Nella sua ultima quotazione operava a 5 dollari.

Un rapporto di martedì ha mostrato un rallentamento della crescita nei settori manifatturiero e dei servizi in Cina nel mese di aprile, suggerendo una perdita di slancio per la seconda economia mondiale.

I produttori cinesi di rame stanno pianificando di esportare fino a 100.000 tonnellate di metallo, il volume più grande degli ultimi 12 anni, per raffreddare il recente aumento dei prezzi che ha colpito gli ordini, hanno detto fonti a Reuters.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Prospettive sull’oro per un taglio dei tassi negli Stati Uniti
NEXT Wenia, questa è la nuova piattaforma crittoattiva di Bancolombia