Terra: come si è mossa sul mercato oggi

Terra: come si è mossa sul mercato oggi
Terra: come si è mossa sul mercato oggi

LUNA di Terra è una criptovaluta di tipo stablecoin che cerca il suo supporto in un valore esterno per ridurre la sua volatilità (Infobae)

LUNA, la criptovaluta nativa della terra blockchainè stata fondata nel gennaio 2018 ed è diventata rapidamente una delle altcoin più famose, soprattutto tra gli argentini, che hanno dovuto cercare alternative agli alti e bassi finanziari che il loro paese ha dovuto affrontare per diversi decenni.

Per comprendere LUNA è necessario parlare di terra, la rete blockchain realizzata tramite il software Cosmos SDK e che ha la peculiarità la creazione delle cosiddette stablecoin che, come dice il nome, sono criptovalute che cercano stabilità attraverso un collegamento con valute legali, materie prime, tra le altre, che “eliminano la volatilità che caratterizza le risorse digitali.

Terra cerca di eliminare gli scenari in cui una criptovaluta può salire e scendere in un batter d’occhiocome nel caso del bitcoin, per ottenere un’adozione di massa e affinché questa valuta possa essere utilizzata in transazioni e istituzioni decentralizzate.

In questo scenario, terra vuole che gli utenti LUNA possano effettuare acquisti con i propri portafogli elettronici e chi riceve i pagamenti può avere un cambio automatico con un’altra valuta, come il dollaro o il peso, con commissioni inferiori all’1%.

Mentre il dibattito si fa ogni giorno più acceso sulla comodità o meno del suo utilizzo, Terra viene scambiato oggi alle 11:00 (UTC) a 0,588532$, che rappresenta una variazione del -2,22% riguardanti le ultime 24 ore e una variazione dello 0,15% con riferimento al suo valore raggiunto nell’ultima ora.

In termini di popolarità sul mercato, ha mantenuto la posizione #155 tra le criptovalute.

Criptovalute Non sono più elementi estranei e hanno cominciato a entrare nel linguaggio della vita quotidiana, risvegliando l’interesse di chi si preoccupa delle finanze o addirittura raggiungendo il livello dell’essere legalizzato in alcune regioni del mondo.

Rappresentazioni fisiche di varie criptovalute. (REUTERS/Edgar Su)

Come suggerisce il nome, criptovalute usano metodi crittografici o di crittografia effettuare transazioni in un sistema decentralizzato e, la maggior parte di esse, attraverso catene di blocchi (blockchain), che lo allontana dai modelli tradizionali in cui le banche fungono da intermediari.

La sua innovazione ha portato molte persone a interessarsi a investire in valute digitali, poiché il suo valore è aumentato notevolmente negli ultimi anni bitcoin, ethereum e dogecoin i più popolari e quelli con la più alta capitalizzazione sul mercato.

Ognuna di queste unità viene fondata attraverso un processo chiamato “mining” e gli utenti possono acquisirli attraverso diversi agenti o scambi di valuta virtuale, quindi archiviarli in “portafogli crittografici” o effettuare varie transazioni con essi utilizzando chiavi univoche.

Sebbene Era il 2009 quando il bitcoin è entrato nel mercato come la prima criptovaluta al mondo.la verità è che questi stanno vivendo un boom nel settore finanziario, quindi si prevede che il loro utilizzo aumenterà in un futuro non così lontano.

Le criptovalute hanno diverse caratteristiche che le rendono uniche: non essere controllato da alcuna istituzione; non richiedere intermediari nelle transazioni; e utilizzano quasi sempre blocchi contabili (blockchain) per evitare che vengano create illegalmente nuove criptovalute o che vengano alterate transazioni già effettuate.

Un bancomat per acquistare criptovalute. (EFE/EPA/JUSTIN LANE/File)

Tuttavia, non avendo regolatori come una banca centrale o entità simili sono accusati di essere inaffidabili, di essere volatilipromuovono la frode, non dispongono di un quadro giuridico che supporti i propri utenti, consentono, tra le altre cose, lo svolgimento di attività illegali.

Anche se potrebbe essere un paradosso, allo stesso tempo le criptovalute garantiscono sicurezza ai propri miner riguardo alla rete in cui si trova (rete) e ciò implica la gestione del codice; Violare questa sicurezza è possibile ma difficile poiché chiunque lo provasse dovrebbe avere una potenza di calcolo superiore addirittura a quella di Google stessa.

Chi investe in questo tipo di asset digitali deve avere ben chiaro che questa forma porta con sé un rischio elevato per il capitaleEbbene, così come può esserci un aumento, può anche bloccarsi inaspettatamente e spazzare via i risparmi dei suoi utenti.

Per memorizzarli, gli utenti devono avere un file borsa o portafoglio digitale, che in realtà è un software attraverso il quale è possibile salvare, inviare e negoziare criptovalute. In realtà, questo tipo di portafoglio memorizza solo le chiavi che segnano la proprietà e il diritto di una persona su una determinata criptovaluta, quindi questi codici sono quelli che dovrebbero effettivamente essere protetti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Prodotti per la pulizia dell’auto a Dollarcity che sono economici