Il prezzo dell’elettricità aumenta del 35% e supera per la prima volta da marzo i 60 euro/MWh

Il prezzo dell’elettricità aumenta del 35% e supera per la prima volta da marzo i 60 euro/MWh
Il prezzo dell’elettricità aumenta del 35% e supera per la prima volta da marzo i 60 euro/MWh

Il prezzo dell’elettricità torna a salire a maggio (Europa Press)

Lui prezzo medio dell’energia elettrica Nel mercato all’ingrosso si è registrato un aumento giornaliero del 35% rispetto a mercoledì 22 maggio. Si troverà in 60,45 euro per megawattora (MWh), superando i 60 euro per la prima volta dallo scorso 18 marzo, prima che i cali di prezzo si registrassero tra il terzo e il quarto mese dell’anno. Secondo i dati pubblicati dall’operatore del mercato elettrico OMIE, l’elettricità raggiungerà il suo prezzo massimo della giornata tra le 23:00 e le 24:00 (92,30 euro/MWh), e il minimo (26,10 euro/MWh) tra le 16:00. e le 17:00

Fino ad oggi, il prezzo medio dell’elettricità nel mese di maggio era stato di 31,97 euro più del doppio di quello registrato ad aprile (13,66 euro/MWh), il più basso da quando esistono registrazioni. Supererebbe anche i 20,27 euro/MWh di marzo. Sarebbe ancora lontano dalla media di 39,99 euro registrata a febbraio, mese in cui, nell’ultima settimana, si sono cominciati a registrare prezzi medi giornalieri molto bassi, che non superavano la doppia cifra.

Potrebbe interessarti: Ad aprile, per la prima volta nella storia, tre fonti rinnovabili hanno guidato la domanda nazionale di elettricità

Dal 20 maggio non sono stati registrati prezzi pari a zero o negativi in nessuna parte della giornata, a differenza del mese di aprile, quando per la prima volta si sono osservati prezzi negativi sul mercato spagnolo. In questa seconda metà di maggio i prezzi si sono normalizzati, anticipando un aumento dei prezzi dell’energia elettrica con l’arrivo dell’estate, dato che la minore produzione di energie rinnovabili e l’aumento dei consumi dovuti all’uso dell’aria condizionata lasciano presagire un aumento dei costi.

Domani, La Spagna avrà un prezzo dell’elettricità più alto rispetto alla Francia, che ha registrato prezzi più bassi negli ultimi giorni e raggiungerà giovedì la media di 48,43 euro/MWh. In Germania e Italia il prezzo supererà ampiamente quello spagnolo, rispettivamente con 93,87 euro/MWh e 102,38 euro/MWh. Nel Regno Unito il prezzo sarà di 63,32 sterline/MWh (74,11 euro/MWh).

Come interpretare la bolletta elettrica, se sei nel mercato libero o regolamentato, e i concetti che compaiono in essa

Questi aumenti dei prezzi sono dovuti al declino del ruolo delle energie rinnovabili nel “mix” energetico. Ad aprile le energie rinnovabili hanno generato 13.515 GWh, il 21% in più, raggiungendo una quota di mercato del 64,6%. Per la prima volta nella storia, tre tecnologie di questo tipo hanno guidato il “mix” spagnolo: vento (con il 22,2%), idraulica (19,7%) e Solare fotovoltaico (18,8%).

Nel mese di aprile la domanda nazionale lorda è salita a 18.938 GW/ora, che rappresenta il 4,2% in più rispetto ad aprile 2023. Tuttavia, con i dati adeguati al calendario e alle temperature, l’aumento sarebbe limitato allo 0,9% in più. Secondo i dati provvisori più recenti, il L’energia eolica è rimasta al primo posto nel mix energetico spagnolo per il settimo mese consecutivocon una produzione di 4.643 gigawattora (GWh), dimostrando il suo consolidamento come spina dorsale della produzione di elettricità rinnovabile nel Paese.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Risultati Mega Millions oggi, 14 giugno | Numeri vincenti e estrazione di premi
NEXT Ecco la nuova Renault Kangoo 100% elettrica: tutti i dettagli