Mercato delle criptovalute: qual è il prezzo del decentralizzato

Mercato delle criptovalute: qual è il prezzo del decentralizzato
Mercato delle criptovalute: qual è il prezzo del decentralizzato

Nel metaverso di Decentraland, gli utenti possono utilizzare la criptovaluta per acquisire appezzamenti di terreno virtuali o creare contenuti (come i lavori NFT) e venderli. (Informazioni)

Decentreland è una piattaforma di realtà virtuale tridimensionale supportata da Ethereumdove hai bisogno della tua criptovaluta per effettuare qualsiasi tipo di acquisizione, che viene identificata con l’acronimo MANNA.

Nel decentralizzato e nel metaverso Gli utenti possono creare, sperimentare e monetizzare contenuti e applicazioni. Una delle caratteristiche principali della piattaforma è la possibilità di acquisire terreni nella sua realtà virtuale, edificarci sopra ed eventualmente monetizzarli.

A differenza di altre piattaforme, in decentralizzazione gli utenti sono i proprietari invece che qualche azienda . Poiché MANA è la criptovaluta ufficiale nel metaverso decentralizzato, è importante conoscerne il valore sul mercato.

Il costo della criptovaluta decentralizzata per questo giorno alle 10:00 (UTC) è 0,45699 dollari. Ciò significa che la risorsa digitale aveva una variazione del -1,9% nelle ultime 24 ore, nonché un movimento dello 0,3% nell’ultima ora.

A causa del suo livello di capitalizzazione, questa valuta digitale occupa il posizione #98 tra le più apprezzate.

Criptovalute Non sono più elementi estranei e hanno cominciato a entrare nel linguaggio quotidiano, risvegliando l’interesse di chi si preoccupa delle finanze o addirittura raggiungendo il livello dell’essere legalizzato in alcune regioni del mondo.

Rappresentazioni fisiche di varie criptovalute (REUTERS/Banco Santander)

Come suggerisce il nome, valute digitali usano metodi crittografici o di crittografia effettuare transazioni in un sistema deregolamentato e, la maggior parte di esse, attraverso catene di blocchi (blockchain), che lo allontana dai modelli tradizionali in cui le banche fungono da intermediari.

La sua innovazione ha portato molte persone a interessarsi a investire in valute digitali, poiché il suo valore è cresciuto notevolmente negli ultimi anni bitcoin, ethereum e dogecoin i più popolari e quelli con la più alta capitalizzazione sul mercato.

Ognuna di queste unità viene fondata attraverso un processo chiamato “mining” e gli utenti possono acquisirli tramite diversi agenti o scambi di valuta digitale, quindi archiviarli in “portafogli crittografici” o effettuare varie transazioni con essi utilizzando chiavi univoche.

Sebbene Era il 2009 quando il bitcoin è entrato nel mercato come la prima criptovaluta al mondo.la verità è che questi stanno vivendo un boom nel settore finanziario, quindi si prevede che il loro utilizzo aumenterà nel prossimo futuro.

Le criptovalute hanno vari elementi che le rendono uniche: non essere regolamentato da alcuna istituzione; non richiedere intermediari nelle transazioni; e utilizzano quasi sempre blocchi contabili (blockchain) per evitare che vengano create illegalmente nuove criptovalute o che vengano alterate transazioni già effettuate.

Schermata ATM per acquistare criptovalute. (REUTERS/Arnd Wiegmann)

Tuttavia, non avendo regolatori come una banca centrale o entità simili sono accusati di essere inaffidabili, di essere volatilipromuovono la frode, non dispongono di un quadro giuridico che supporti i propri utenti, consentono, tra le altre cose, lo svolgimento di attività illegali.

Anche se potrebbe essere un paradosso, allo stesso tempo le criptovalute garantiscono sicurezza ai propri miner riguardo alla rete in cui si trova (rete) e ciò implica la gestione del codice; Infrangere questa sicurezza è possibile ma difficile poiché chiunque lo provasse dovrebbe avere una potenza di calcolo superiore addirittura a quella di Google stessa.

Chi investe in questo tipo di valute digitali deve avere ben chiaro che questa forma porta con sé un rischio elevato per il capitaleEbbene, così come può esserci un aumento, può anche bloccarsi inaspettatamente e spazzare via i risparmi dei suoi utenti.

Per memorizzarli, gli utenti devono avere un file borsa o portafoglio digitale, che in realtà è un software attraverso il quale è possibile salvare, inviare e negoziare criptovalute. In realtà, questo tipo di portafoglio memorizza solo le chiavi che segnano la proprietà e il diritto di una persona su una determinata criptovaluta, quindi questi codici sono quelli che dovrebbero effettivamente essere protetti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Giocata vincente e risultato dell’ultimo pareggio di Bonoloto
NEXT Tre ragioni dietro il forte calo degli asset argentini nell’ultimo mese: gli ADR locali a Wall Street hanno perso fino al 20%