Il miglior meccanico della Spagna spiega la verità sulla manutenzione delle auto elettriche

La Spagna è uno dei paesi europei in cui si vendono meno veicoli elettrici. Nel 2023 sono stati consegnati 51.614 esemplari di questa tecnologia che, nonostante rappresenti un aumento del 33,05% rispetto all’anno precedente, rappresenta solo il 5,4% delle immatricolazioni totali, secondo i dati forniti dall’Associazione dei costruttori di automobili d’Europa (ACEA) . Secondo diversi sondaggi tra i consumatori, sono tre i fattori principali che rallentano la penetrazione delle auto elettriche in Spagna: il prezzo, l’autonomia e la disponibilità di un’adeguata rete pubblica di ricarica.

Al contrario, la sua maggiore efficienza energetica, il livello di emissioni e la manutenzione sono aspetti di cui gli utenti dovrebbero tenere conto, secondo diversi studi e analisi. Questi fattori non solo influenzano la decisione di acquisto, ma possono anche avere un impatto significativo sui costi a lungo termine e sulla sostenibilità dei trasporti.

Il motore di un’auto elettrica è più semplice di un motore a combustione interna

Getty Images/iStockphoto

Ora, la manutenzione di un’auto elettrica è davvero più economica rispetto a un’auto a combustione interna? Per risolvere ogni dubbio, abbiamo contattato Javier Sendín, della Talleres Cardiocar de Salamanca, che è stato recentemente scelto come miglior meccanico di Spagna 2023 nel concorso organizzato dal sito ‘La Comunidad del Taller Official’. Questo professionista, che dopo aver battuto più di 1.000 candidati, prende il posto di Joel Becerra, vincitore dell’ultima edizione, ci offre la sua visione esperta su questo argomento di cui i consumatori dovrebbero tenere conto.

“La manutenzione di un’auto elettrica è solitamente più semplice ed economica rispetto a un’auto a combustione interna”, afferma Javier Sendín.

“La manutenzione di un’auto elettrica è solitamente più semplice ed economica rispetto a un’auto a combustione interna”, afferma con enfasi Javier Sendín. “I motori elettrici hanno meno parti mobili e non richiedono cambi d’olio o regolazioni ai sistemi di scarico o di trasmissione. Nota inoltre che le pastiglie dei freni tendono a durare più a lungo sulle auto elettriche grazie alla frenata rigenerativa che riduce l’usura dei freni convenzionali.


Sendín, con il trofeo che lo accredita come vincitore del concorso

Cardiocar

Tuttavia, sottolinea che è importante effettuare una manutenzione regolare per garantire il corretto funzionamento della batteria e degli altri componenti elettrici del veicolo. Inoltre, sebbene le auto elettriche siano più facili da manutenere, condividono alcuni componenti con le auto tradizionali, come freni, pneumatici, sospensioni e sistemi di sterzo. “Questi elementi richiedono una manutenzione simile a quella dei veicoli a combustione interna”, sottolinea il meccanico Cardiocar.

La batteria non è solo il componente più costoso di un’auto elettrica ma anche il più sensibile

Javier Sendín evidenzia anche altri due aspetti rilevanti della manutenzione delle auto elettriche: i sistemi di raffreddamento, che non servono solo a raffreddare il motore ma anche le batterie, e gli aggiornamenti del software. Riguardo quest’ultimo, si sottolinea l’importanza di mantenere gli ultimi aggiornamenti per correggere i difetti e garantire un funzionamento ottimale del veicolo. “Man mano che il produttore produce automobili, si rende conto dei difetti che presenta ed è necessario eseguire una serie di carichi per mantenere l’ultimo aggiornamento e correggere gli errori.”

Il caricabatterie realizzato dai ricercatori della Cornell University, negli Stati Uniti, permette di ricaricare le batterie delle auto in tempi record

La batteria di un’auto elettrica perde capacità di carica nel tempo

P.T.

Secondo il miglior meccanico spagnolo, la manutenzione di un’auto elettrica e di un’auto a combustione varia in termini di frequenza. Mentre un’auto a benzina o diesel segue solitamente un programma di manutenzione standard basato sui chilometri percorsi, nelle auto elettriche non esiste un criterio unificato. “Ogni anno o ogni due anni è necessario effettuare la manutenzione su un’auto elettrica, anche se questa può variare a seconda del produttore e del modello. In un’auto termica, invece, la manutenzione viene generalmente effettuata ogni un certo numero di chilometri o secondo le indicazioni del produttore, che di solito sono ogni 10.000 o 15.000 chilometri.”

Quando si quantifica il costo di manutenzione di un veicolo elettrico, si osservano differenze significative rispetto ai veicoli a combustione interna. Sendín sottolinea che, in generale, la manutenzione di un’utilitaria per 5 anni può costare circa 2.000 euro, mentre per un veicolo ecologico la spesa è solitamente inferiore. Bisogna però considerare altri dettagli. “La batteria di un’auto elettrica si deteriora ogni anno ed è il componente più costoso del veicolo. Per fare un esempio, la batteria di un modello base, come la Renault Zoe, costa 6.000 euro”.

Proprio quest’ultimo componente è quello che solitamente genera maggiori preoccupazioni in termini di costi di manutenzione, tenendo conto che, secondo Sendín, ogni anno una batteria standard perde tra il 2 e il 5% della capacità di carica, anche se l’auto viaggia poco chilometri. Questo aspetto contrasta con i veicoli a combustione interna, poiché, come sottolinea il meccanico della Cardiocar, “un’auto termica, anche se la lasci in garage e fai solo 2.000 chilometri all’anno, dopo cinque anni è sempre la stessa”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Come saranno i robot del futuro secondo Jensen Huang, il “guru” dell’intelligenza artificiale
NEXT Prodotti per la pulizia dell’auto a Dollarcity che sono economici