Come sapere se il tuo lavoro sarà sostituito dall’intelligenza artificiale

Come sapere se il tuo lavoro sarà sostituito dall’intelligenza artificiale
Come sapere se il tuo lavoro sarà sostituito dall’intelligenza artificiale

La teoria utopica secondo cui gli esseri umani sarebbero stati sostituiti dalle macchine diventa ogni giorno più possibile con l’arrivo dell’intelligenza artificiale. (Informazioni immagine illustrativa)

Attualmente, l’intelligenza artificiale (AI) e il progresso tecnologico sono argomenti di grande interesse e studio per il loro rapido sviluppo e le implicazioni che hanno su numerosi aspetti della vita quotidiana e professionale.

In questo ambiente in costante cambiamento emerge MoAiJobs, un nuovo strumento creato dallo sviluppatore indipendente Nithur, che cerca di valutare l’impatto futuro dell’automazione sul mercato del lavoro.

MoAiJobs si posiziona come una soluzione accessibile e praticaprogettato per fornire ai propri utenti una valutazione rapida ma significativa del potenziale di automazione delle diverse professioni, ovvero della probabilità che vengano sostituite dall’intelligenza artificiale.

MoAiJobs funziona in modo pratico. Devi caricare il tuo curriculum e genererà un’analisi della probabilità di essere sostituito dall’IA (Foto: screenshot)

Utilizzando i curriculum degli utenti come base per l’analisi, la piattaforma è in grado di determinare la probabilità che determinate carriere professionali vengano sostituite in futuro da tecnologie di intelligenza artificiale. Questo processo di valutazione è straordinariamente efficiente e fornisce risultati in meno di 10 secondi.S.

Un aspetto particolarmente interessante di MoAiJobs è la sua capacità di evidenziare la vulnerabilità specifica dei diversi ambiti lavorativi all’automazione.

Diversi settori che hanno utilizzato la piattaforma hanno rivelato che nel campo giornalisticoun settore in cui la generazione di contenuti è essenziale, MoAiJobs suggerisce un rischio relativamente moderato, inferiore al 50%, di essere colpito dall’intelligenza artificiale nei prossimi 10 anni.

Nel caso dei media si vocifera che l’intelligenza artificiale possa sostituire determinati lavori. (Informazioni immagine illustrativa)

L’utilizzo di questo strumento e le sue proiezioni rivelano una visione cautamente ottimistica di come l’automazione potrebbe trasformare, anziché eliminare, alcune professioni, adattandone le funzioni e le esigenze nei prossimi anni.

Tuttavia, è fondamentale capire che, nonostante la sua innovazione e rilevanza, MoAiJobs si propone di offrire una prospettiva iniziale e giocosa su un tema di grande serietà e complessitàcosì come lo è il futuro del lavoro nell’era dell’automazione e dell’incursione dell’intelligenza artificiale.

Le loro analisi non dovrebbero essere prese come previsioni irrefutabili.ma come punti di partenza per una riflessione più approfondita sulle possibili direzioni in cui potrebbe andare la società.

Per molti, vedere i robot nei bar o nelle aziende può essere sorprendente, ma dietro potrebbe esserci una forza lavoro interessata. (Informazioni immagine illustrativa)

Parallelamente a queste riflessioni di importanti personalità, l’integrazione dell’intelligenza artificiale in diversi settori sta già lasciando tracce tangibili, come dimostra la comparsa di Alba Renai, conduttrice virtuale generata da questa tecnologia, la cui presenza sulla scena mediatica ha suscitato fascino e polemiche.

Questo esempio specifico evidenzia la dimensione e le capacità attuali dell’intelligenza artificiale, sollevando al contempo domande essenziali su come dovrebbero essere la sua regolamentazione e applicazione nel prossimo futuro e se il futuro apocalittico proposto dalla finzione sarà possibile.

La viralità della conduttrice televisiva Alba Renai, creata con l’AI, ha generato un dibattito mediatico. (Foto: Mediaset Spagna)

L’umanità e la funzione sul pianeta Terra sono in un momento chiave. Il Parlamento Europeo ha recentemente compiuto un passo importante approvando una legislazione specifica per regolamentare il progresso dell’IAmostrando una chiara risposta alla preoccupazione globale su come questi progressi tecnologici potrebbero ridefinire il concetto di lavoro.

Il dibattito sull’impatto dell’automazione e dell’intelligenza artificiale sul mercato del lavoro è vasto e sfaccettato. Figure influenti come Bill Gatescofondatore di Microsoft, hanno suggerito la possibilità di ridurre l’orario di lavoro grazie all’efficienza che queste tecnologie potrebbero offrire.

D’altro canto, altri specialisti sottolineano l’urgenza di affrontare le sfide legate alla potenziale perdita di posti di lavoro e la necessità di sviluppare strategie di adattamento e formazione che preparino la forza lavoro per il futuro.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’uso circolare dell’acqua farebbe risparmiare fino al 79% di acqua nella produzione di celle solari
NEXT Il prezzo del Bitcoin crolla: 245 milioni di dollari liquidati in posizioni lunghe su criptovalute