Quali sono le differenze di stipendio tra un insegnante di una scuola pubblica e di una privata?

Quali sono le differenze di stipendio tra un insegnante di una scuola pubblica e di una privata?
Quali sono le differenze di stipendio tra un insegnante di una scuola pubblica e di una privata?

Un insegnante insegna in classe il giorno dell’inizio del corso nella scuola Alameda de Osuna, a Madrid. (Marta Fernández/Europa Press)

La professione dell’insegnante è una delle più complesse e importanti della società, poiché gli insegnanti sono responsabili della formazione e dell’educazione di ogni nuova generazione. Dal loro lavoro e dalla loro dedizione emergono le persone che comporranno la società del futuro, dato che molti insegnanti trascorrono più tempo con i bambini e gli adolescenti rispetto ai propri genitori.

È cruciale non solo la formazione sui contenuti accademici, ma anche l’educazione ai valori e ai principi etici. In Spagna, l’istruzione obbligatoria copre dai 6 ai 16 anni, periodo in cui gli insegnanti esercitano un’influenza fondamentale sullo sviluppo dei bambini, che in questa fase evolvono verso l’adolescenza.

Potrebbe interessarti: Come sapere se sei stato approvato per la borsa di studio MEC

Gli insegnanti delle scuole pubbliche, senza esperienza precedente, ricevono in genere uno stipendio base di circa 1.700 euro al mese. A questo stipendio base vengono aggiunti diversi supplementi che possono variare. Il complemento specifico, ad esempio, dipende dalla responsabilità o dalla pericolosità della posizione; mentre il complemento delle destinazioni varia a seconda della comunità autonoma. Inoltre, alcune comunità come le Isole Baleari, Castilla-La Mancha, Castilla y León ed Estremadura, offrono un ulteriore complemento regionale specifico.

Con queste integrazioni, lo stipendio medio degli insegnanti della scuola pubblica in Spagna ammonta a circa 2.400 euro lordi mensili. Un ulteriore vantaggio è che, in quanto dipendenti pubblici, gli insegnanti hanno il posto garantito a vita, poiché non possono essere licenziati. Secondo un rapporto UGT sugli stipendi degli insegnanti nel 2022, le differenze salariali tra comunità possono arrivare fino a 630 euro lordi al mese.

La situazione è diversa nelle scuole charter. Il Contratto Collettivo per l’istruzione privata finanziata in tutto o in parte con fondi pubblici stabilisce che gli insegnanti dell’Istruzione Primaria abbiano uno stipendio minimo di 1.800 lordi mensili. comunque, il mancanza di stabilità La manodopera è evidente, poiché gli insegnanti non sono dipendenti pubblici e, quindi, non hanno la sicurezza di un lavoro per tutta la vita.

La differenza salariale tra insegnanti delle scuole pubbliche e private può essere significativa, raggiungendo facilmente i 500 euro al mese, e in alcuni casi anche di più, a seconda della comunità autonoma.

Potrebbe interessarti: Madrid sta lavorando internamente ad una proposta per i sindacati educativi in ​​risposta alla loro richiesta “ragionevole” dopo due mesi di mobilitazioni

Lo stabilisce la legislazione spagnola i centri sovvenzionati non dovrebbero addebitare costi tasse per offrire lezioni “gratuite” o imporre alle famiglie “l’obbligo di versare contributi a fondazioni o associazioni o istituire servizi obbligatori, connessi alle tasse scolastiche, che richiedono contributi economici da parte delle famiglie degli studenti”. Tuttavia, un rapporto preparato da Esade intitolato Il costo di accesso alla scuola charter in Spagna ha rivelato che il Il 90% delle famiglie Coloro che si recano in questi centri devono pagare delle tasse.

Il Ministero dell’Istruzione, della Formazione Professionale e dello Sport ha proposto alle comunità autonome di non utilizzare i telefoni cellulari durante l’orario scolastico nell’istruzione primaria e secondaria. (Fonte: Ministero dell’Istruzione)

Basandosi sull’Indagine sulle spese delle famiglie per l’istruzione (EGHE) e sull’Indagine sui finanziamenti e sulle spese dell’istruzione privata (EFGEP), i ricercatori hanno sviluppato uno studio che mostra la diversità dell’istruzione concertata in Spagna, in cui a malapena Il 10% degli studenti sostiene il 45% della spesa.

Le tariffe sono più comuni e più costose in tre comunità: Catalogna in cima alla lista, con una quota media di 1.696 euro ai livelli analizzati (secondo ciclo dell’educazione della prima infanzia, Primaria ed ESO). È anche la regione in cui il pagamento è più standardizzato, poiché è presente in quasi il 100% dei centri. Seguono Madrid (1.156 euro), dove il 90% degli studenti paga queste tasse, e i Paesi Baschi (959 euro), dove tra il 92 e il 97% degli studenti deve sostenere queste tasse. Dall’altra parte della classifica c’è l’Andalusia, dove solo sei studenti su dieci pagano le tasse (453 euro in media) e la Comunità Valenciana (597 euro), un’autonomia in cui tra l’82 e l’87% degli studenti paga le tasse.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Borsa, in diretta | L’Ibex 35 avanza con l’inflazione americana e la riunione della Fed sotto i riflettori | Mercati finanziari
NEXT È responsabilità dell’industria analizzare quali messaggi stiamo raggiungendo