Le 4 agenzie immobiliari che vendono appartamenti di lusso ai colombiani in Spagna

La vittoria elettorale di Gustavo Petro due anni fa ha innescato il desiderio di molti ricchi colombiani di cercare un’alternativa nel caso in cui il governo avesse intrapreso una strada di sinistra radicale. Per altri è stata l’occasione per fare un investimento sicuro all’estero. Madrid è entrata nei radar.

In precedenza, altre persone benestanti avevano già acquistato buoni appartamenti nella capitale spagnola. È il caso dell’ex procuratore Néstor Humberto Martínez, con il suo studio legale di successo, e ora è Jaime Gilinski che ha fatto della Spagna un luogo di residenza complementare alle sue case a Londra e in Florida.

Néstor Humberto ha acquistato il suo appartamento nell’agosto del 2014 ma ha potuto abitarci solo dopo essersi dimesso dalla carica di pubblico ministero nel 2019. Ha una superficie di 120 metri quadrati e si trova al quarto piano di un edificio ad angolo tra le vie Ortega y Gasset e Claudio Coello. un luogo esclusivo nel quartiere di Salamanca.

L’appartamento dell’ex procuratore ha un balcone che dà su via Claudio Coello

Sempre a Salamanca, Jaime Gilinski ha acquistato il suo appartamento Lagasca 99, nell’esclusivo Miglio d’Oro. L’edificio ha appena acquisito notorietà, nonostante il segreto che circonda i suoi 44 proprietari: ha raggiunto il record dell’affitto più caro di 16.000 euro al mese. Il giornale Paese di Madrid, lo segnala come il più esclusivo della città e il ritratto della nuova élite della capitale della Spagna. Ci sono 2 colombiani lì, Gilinski e il secondo che è un mistero. Il progetto fu avviato dieci anni fa da un facoltoso venezuelano che vive a Miami e la multinazionale canadese Colliers commercializzò gli immobili con prezzi compresi tra 3 e 17 milioni di euro.

Carlos Mattos è stato uno dei primi a sbarcare nell’esclusivo quartiere La Castellana. Nello stesso edificio in cui visse la famosa stilista Agatha Ruiz de la Prada prima di separarsi dal giornalista Pedro J. Ramírez, che era direttore del giornale Il mondoprima di assumere il Lo spagnolo, di cui Mattos è socio. Raffinato ospite della nobiltà e del jet set madrileno, visse nel suo appartamento finché non dovette rispondere del caso Hyundai, un caso di corruzione milionaria in ambito giudiziario.

James Rodríguez è arrivato in Spagna dopo aver vinto la Scarpa d’Oro ai Mondiali del 2014 in Brasile, per unirsi al Real Madrid. Da star quale era all’epoca, James visse in una lussuosa villa che acquistò vicino a Madrid, a Pozuelo de Alarcón, nel condominio chiamato La Finca, il preferito dei calciatori più pagati. Con Daniela Ospina e la figlia Salomé ha vissuto lì fino alla partenza dal Real Madrid e per il quale ha chiesto, all’epoca, un contratto di locazione di 17.000 euro al mese. Non ottenendo alcun interessato è sceso a 15.000 euro, ha riferito il portale Diario Gol il 14 marzo 2017.

A La Finca ogni casa è unica su un minimo di 3.000 metri quadrati di terreno

I colombiani interessati alla seconda residenza in Spagna, dove non è richiesto il visto per viaggiare e soggiornare fino a tre mesi, stanno sfruttando i benefici che il Paese concede a chi dimostra solidità economica per ottenere soggiorni più lunghi. Il Golden Visa, ad esempio, accelera i permessi di soggiorno per chi acquista beni immobili per più di 500.000 euro (2,1 miliardi di dollari), tanto che 600 famiglie colombiane lo hanno elaborato negli ultimi anni, diventando la popolazione latina con più richieste . 20.000 colombiani hanno chiesto la nazionalità spagnola per origine sefardita, 8.000 l’hanno ottenuta.

Immobiliare Chila

L’interesse dei colombiani con solidità economica e potere d’acquisto è diventato una combinazione molto attraente per le agenzie immobiliari spagnole incaricate di trovare loro appartamenti confortevoli. I favoriti sono quattro e tra questi il ​​più noto ai colombiani è Silverinm, fondato da Chila Pérez, che vive a Madrid da 40 anni.

Da allora, il caso ha unito la donna di Bogotà con Margarita Otañez de Pla di Caracas per proporre alle sue rinomate proprietà esclusive a Madrid e consigliarle al loro arrivo in Spagna. Dalla scelta della casa, alle questioni legali e fiscali e perfino “alla scuola dei bambini”, spiega Chila. Le sue connessioni e la conoscenza del business sono state fondamentali.

Inizialmente Inverinm operava all’angolo tra Caracas e Almagro, i cui clienti erano fondamentalmente ricchi colombiani e venezuelani. Alla morte di Margarita Otañez, l’azienda rimase nelle mani di Chila e Marisol Oteiza, di Caracas e ora di Madrid. Aggrappandosi al proprio prestigio personale, Chila ha superato tutte le crisi internazionali, compresa la devastante crisi finanziaria del 2008. 10 anni fa la società ha cambiato nome in Silverinm, opera ad Argenzola N⁰2, e si sono aggiunte due giovani consulenti aziendali che servono una clientela ampliata ai centroamericani: nicaraguensi, salvadoregni e panamensi.

Leggi anche: La guerra tra 5 compagnie aeree per portare i colombiani a Madrid

Il rapporto di Telefónica con il Paese in seguito all’acquisto di Telecom durante il governo di Álvaro Uribe (2017) ha creato legami con imprenditori spagnoli. Due ex funzionari di Telefónica in Spagna, Daniel Hermoso e Sandra Cabello, avevano creato anni prima quella che oggi è una delle più grandi agenzie immobiliari spagnole, Home Select, che ha tra i suoi clienti colombiani e altri latinoamericani.

L’idea, nata per la coppia a Los Angeles e iniziata con immobili di conoscenti e suoceri, si è evoluta con una villa a Granada, importanti case nelle Asturie, e ha fatto il grande salto quando hanno deciso di offrire, oltre alla vendita e noleggio, un pacchetto personalizzato che comprende anche decorazioni e visite filmate delle proprietà, per lo più “prime”. Da parte sua, l’affitto premium Home Club offre 708 case progettate da esperti a Madrid, Barcellona, ​​Malaga, Valencia e Miami. La sede principale è in Hermosilla 21, nel cuore di Salamanca di Madrid.

Il lusso e la Costa del Sol

Tra gli acquirenti colombiani ce ne sono alcuni che cercano una casa di lusso. Una boutique immobiliare con 14 anni sul mercato sta sicuramente scommettendo su quel tipo di casa. Si tratta di Diza Real Estate Consultants, fondata da Adolfo Diéguez e David Zafra e si concentra sui suoi clienti latinoamericani, compresi i colombiani.

Coloro che cercano un alloggio esclusivo fuori Madrid hanno l’offerta di Berkshire Hathaway HomeServices. È la società immobiliare del magnate Warren Buffet che nel luglio 2019 ha costituito una joint venture con la spagnola Larvia del Gruppo Petrus, con 55 anni nel mercato spagnolo, di proprietà della famiglia Rabassa.

Con lo sguardo rivolto alle Isole Canarie, alle Isole Baleari e all’arco del Mediterraneo, ha uffici ad Altea, Denia, Barcellona, ​​Madrid (3), Málaga, Maiorca (2) e Marbella. Si vocifera che Buffett voglia entrare in America Latina attraverso la sua azienda spagnola che possiede già 2.300 case, il 65% delle quali costano più di un milione di dollari e si trovano sulla Costa del Sol, nelle Isole Baleari e a Madrid.

Leggi anche: Warren Buffett, l’instancabile uomo d’affari americano dietro Berkshire Hathaway

Segui Las2orillas.co su Google News

-.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Prodotti per la pulizia dell’auto a Dollarcity che sono economici