Quali sono i 3 elettrodomestici che consumano più energia quando sono spenti?

L’eccesso in consumo elettrico possono generare cifre elevate che si riflettono nella ricezione delle fatture, motivo per cui per tenere il più possibile al sicuro le vostre tasche, dovete considerare gli usi che vengono dati a determinati elettrodomesticiEbbene, molti di loro impiegano abbastanza energia nonostante sia spento.

Il fatto che un elettrodomestico, anche se non acceso, continui a consumare energia, è dovuto al fatto che è collegato ad una fonte luminosa, quindi, contrariamente a quanto molti pensano, questo finisce per generare una spesa inutile.

Una spesa energetica eccessiva si riflette sulla bolletta elettrica. Immagine: iStock

L’ora del giorno in cui solitamente il consumo di energia aumenta è la notte, sia con il dispositivo elettronico spento che in modalità ‘standby’, perché anche se non viene utilizzato rimane collegato, un effetto chiamato ‘corrente di vampiro’, quindi per evitare questo , gli esperti suggeriscono di utilizzare più prese poiché permette di spegnerlo oppure consigliano anche quelle dotate di sensori che impediscono il passaggio di energia ai dispositivi non funzionanti.

Questi sono i 3 elettrodomestici che consumano più energia quando sono spenti

Uno studio condotto dal Lawrence Berkeley Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha determinato quali dispositivi consumano più energia sia che siano spenti che in modalità ‘standby’. Questa analisi ha verificato il consumo medio in watt, che ha dato come risultato il decodificatori, computer portatili e il computer desktop Sono quelli che richiedono più energia.

Immagine illustrativa: iStock

Nel caso dei decoder, quegli apparecchi utilizzati per la fruizione della televisione via cavo o satellitare, presentano diverse tipologie di consumo. Secondo lo studio, una delle funzioni di molti di questi dispositivi è quella di poter registrare programmi, quindi è quello che consuma più energia.

I computer portatili, invece, anche se spenti ma collegati, consumano 8,9 watt l’ora e se sono in modalità ‘sleep’ il dato può salire fino a 15,7 watt, una quantità elevata considerando che non vengono utilizzati.

I computer desktop presentano una situazione simile al caso precedente, perché quando non vengono utilizzati di solito entrano automaticamente nella fase di ibernazione in cui il loro consumo raggiunge i 21,1 watt, in modo tale che anche se non occupano l’apparecchio non significa che il dispendio energetico è inferiore.

AG

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Qual è il chip progettato a Balseiro che risolve un problema chiave delle telecomunicazioni?
NEXT Prodotti per la pulizia dell’auto a Dollarcity che sono economici