garage trasformati in gallerie d’arte

garage trasformati in gallerie d’arte
garage trasformati in gallerie d’arte

I milionari hanno così tanti soldi che le ville non li riempiono più. Adesso fanno una pazzia trasformando i loro garage in “batcaverna”

Quando pensiamo alle case delle persone più ricche del pianeta immaginiamo architetture impossibili, case costruite sui sogni di chi ha un portafoglio illimitato. Tuttavia, qualcosa sembra cambiare nel modo in cui costruiscono i loro “palazzi”. Se prima sognavamo le case dei milionari, ora lo faremo con i loro garage, trasformati in una sorta di caverne esclusive dove mostrare le loro meraviglie su quattro ruote.

Garage trasformati in gallerie d’arte. Gil Dezer, promotore immobiliare e miliardario, ha detto alla CNN che la cosa meno importante nella sua torre residenziale è la vista su una spiaggia di Miami. Ciò che gli piace davvero è ammirare le sue auto attraverso le grandi finestre interne: tutte le stanze hanno una vista diretta per ammirare le sue undici auto preferite, tra cui una McLaren Speedtail o una Bugatti Chiron, ciascuna valutata più di un milione di dollari.

Come vedremo di seguito, non ci sono limiti alla trasformazione dei garage in spazi lussuosi quando non devi preoccuparti dei soldi. Dai grattacieli con ascensori “solo” per auto, ai pavimenti riscaldati, luci personalizzate o addirittura televisori che magari costano più di casa tua. Una vena che alcuni studi di architettura hanno individuato prima degli altri.

Schermi impossibili. Uno degli studi più attenti a questo nuovo “bisogno” dei milionari è stato SHH Architecture and Interior Design, con sede a Londra e fondato da Graham Harris. La tendenza ha dato loro libero sfogo per innovare in spazi dove non era mai stato fatto prima, convertendo e mescolando concetti come covi di lusso per uomini e garage, il tutto per creare spazi dove rilassarsi e riporre l’auto.

Harris ha spiegato che fondendo il garage e il tradizionale soggiorno nel seminterrato americano, queste “grotte esclusive” di super lusso possono spaziare da simulatori di corse automobilistiche avanzati con schermi immersivi o visori per realtà virtuale, a tutti i tipi di bar elaborati, bowling a grandezza naturale vicoli, simulatori di golf o schermi giganti per guardare gli sport. Infatti, il capo dello studio afferma che uno degli schermi più richiesti è il Samsung ‘Wall’ (un LED fatto su misura), con un prezzo di partenza di 385.000 dollari.

Dezervator. Dezer era così ossessionato dall’idea di poter salire a bordo del suo veicolo da casa che nel 2017 ha preso la decisione “più semplice”. La sua azienda Dezer Developments ha brevettato, insieme allo studio di architettura Sieger Architects (SSA), un concetto di ascensore per auto. Sì, l’uomo ha costruito una torre o un grattacielo chiamato Porsche Design Tower, e su ogni piano c’è un garage con una stazione di ricarica elettrica. Il Dezervator, l’ascensore brevettato, porta i proprietari direttamente a casa con la propria auto.

COME? A quanto pare, nella tecnologia utilizzata, i residenti della Torre possono accedere all’ascensore grazie ai tag RFID che vengono scansionati attraverso il sistema. Una volta entrati nel grattacielo con il veicolo, la tecnologia guida i conducenti utilizzando le luci verso l’ascensore corretto che li porta a casa. Tra le altre celebrità, quando Messi firmò per la squadra di Miami andò a vivere nella Torre.

Progetto Residenze Bentley

Residenze Bentley. E poiché non c’è nessuno senza due, Dezer ha lanciato un altro complesso a Miami con caratteristiche simili. Si tratterà di una torre di 62 piani alta più di 200 metri, dove invece di uno ci saranno fino a quattro Dezervator. Non solo quello. Gli ascensori saranno più grandi e potranno ospitare fino a quattro veicoli. In totale, 216 appartamenti (con piscina) con prezzi che vanno dai cinque ai 35 milioni di dollari. Il complesso Bentley Residences dovrebbe essere completato entro il 2026.

Progetto Residenze Bentley

Più lusso in città. Viene da Londra anche un’altra delle aziende leader nella trasformazione dei garage in spazi maestosi. Thorp Design, uno studio di architettura e interior design, ha costruito un garage in cui il cliente desiderava tutti i comfort, “con una cucina e un bagno nascosti dietro scaffalature personalizzate progettate per esporre una meravigliosa collezione di letteratura automobilistica. È anche ecologico con i pannelli solari sul tetto e le batterie Tesla nascoste nel legno», spiega lo studio.

Anche lo studio di design ND Studios si è unito a questo boom: “abbiamo un garage che circonda una sala giochi con vetrate, trasformando la collezione di auto del cliente in una colorata mostra d’arte. Il garage in sé è uno spettacolo, con il soffitto illuminato, giradischi dinamici e una parete piena di televisori”.

Garage che profumano di 007. Lo studio n. 1, sempre in città, spiega che a Mayfair, dove camminare è già un lusso, i proprietari di un complesso di 44 appartamenti possono lasciare le loro auto nel Vault, un sistema di parcheggio automatizzato uscito direttamente da un film di James Bond, “Drivers entrare a livello della strada e parcheggiare il proprio veicolo in un ampio spazio. “Il veicolo viene poi portato quattro livelli sotto terra, prima di essere parcheggiato in una delle 47 stazioni.”

Non solo, Vault dispone di un sistema automatizzato in cui i veicoli sono pronti a tornare in cima in base all’ora in cui i proprietari iniziano la giornata, ha un sistema intelligente che utilizza il riconoscimento automatico della targa ed è protetto da password per la massima sicurezza.

Gli extra di avere queste flotte. Lo abbiamo detto in più di un’occasione, queste auto da sogno che ormai sembrano “vivere” meglio di milioni di persone, non solo hanno il costo iniziale per averne una, ma sono molti altri extra. Infatti, a volte la cosa difficile non è acquistare un’unità di lusso, ma mantenerla. Il costo per averla “pronta” è irrealizzabile per la maggior parte delle persone e, se sei abbastanza sfortunato da farla passare in un negozio, la riparazione può facilmente costare quanto una normale berlina.

Studio: automobili, ricchi e felicità. Giungiamo alla fine di questa passeggiata attraverso il lusso più estremo dei milionari e delle loro vetture, ponendoci la grande domanda: perché tanta ostentazione? Ti dà la felicità? Alcuni anni fa, due ricercatori americani, Thomas J. Stanley e William D. Danko, sorpresero gli Stati Uniti con il loro libro The Millionaire Next Door,

In esso, hanno intervistato 1.000 americani con un patrimonio netto medio di 3,7 milioni di dollari. Ogni intervista consisteva in 249 domande. Praticamente tutti si consideravano frugali e, quando interrogati sulle loro abitudini, hanno riscontrato quanto segue:

  • Il 50% dei milionari ha pagato 399 dollari o meno per l’abito più costoso mai acquistato e il 75% non ha mai pagato più di 599 dollari.
  • Il 50% dei milionari intervistati non ha mai speso più di 140 dollari per un paio di scarpe e il 75% non ha mai speso più di 199 dollari.
  • Il 50% dei milionari non ha mai speso più di 235 dollari per un orologio da polso in vita sua e il 75% ha pagato solo meno di 1.125 dollari.
  • Il 50% dei milionari non ha mai speso più di 29.000 dollari per un veicolo a motore e il 95% non ha mai speso più di 69.000 dollari.

Infine, escludendo il 14% dei milionari che hanno ereditato la propria ricchezza (e che in media hanno speso più di 36.000 dollari per un’auto), i milionari analizzati nello studio hanno speso in media appena 27.000 dollari per i loro veicoli a motore più costosi.

Secondo studio. Un decennio dopo, Stanley interrogò nuovamente i “benestanti” dello studio precedente. È emerso che negli ultimi dieci anni più del 99% dei milionari intervistati non aveva acquistato o noleggiato nessuno dei seguenti veicoli a motore: Aston Martin, Lamborghini, Lotus, Ferrari, Rolls Royce e Bentley. Inoltre, il 79% non aveva acquistato o noleggiato una BMW, il 79% non aveva acquistato una Lexus e il 75% non aveva noleggiato una Mercedes. Sorprendentemente, l’auto più comune guidata dai milionari americani non era un’auto di lusso, ma una normale Ford.

Tutto ciò ci porta ad un’altra domanda. Quindi, c’è meno “Gil Dezer” nel mondo di quanto pensiamo? È possibile, anche se è anche possibile, che anche se sei milionario ci siano “classi e classi”.

Immagine | Porsche Design Tower, Dezer Developments, British Land

A Xataka | Il Magarigawa Club: il circuito privato di lusso dove i milionari guidano le loro supercar

A Xataka | I grandi atleti tendono ad essere milionari stravaganti ed esclusivi. Anche le loro macchine

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali