Taglio del tasso della Fed sul rame | Corso minerario

Taglio del tasso della Fed sul rame | Corso minerario
Taglio del tasso della Fed sul rame | Corso minerario

Il rame è sceso dello 0,7% a 9.877 dollari la tonnellata. Gli acquirenti di rame non sono ancora tornati sul mercato, anche se i prezzi sono scesi dell’11% rispetto al massimo storico raggiunto a maggio.

Reuters.- Il rally dei prezzi del rame è rallentato giovedì poiché il dollaro si è stabilizzato dopo che la Federal Reserve ha rinviato il taglio dei tassi di interesse fino alla fine dell’anno.

Alle 10.32 GMT, il rame trimestrale sul London Metal Exchange (LME) era in ribasso dello 0,7% a 9.877 dollari per tonnellata.

Mercoledì il metallo rosso è salito sopra i 10.000 dollari, dopo che l’inflazione di maggio negli Stati Uniti era inferiore alle attese, rafforzando le aspettative di tagli dei tassi.

“Avevamo un sentiment rialzista dopo i dati sull’inflazione di ieri, ma poi la dichiarazione della Fed dopo la chiusura del LME ha suggerito che ci sarebbe stato un solo taglio quest’anno”, ha affermato Robin Montefusco di Sucden Financial.

Nelle ultime settimane si sono registrate prese di profitto ed è probabile che i prezzi del rame rimangano all’interno di un range, con un livello di supporto chiave a 9.500 dollari.

Il dollaro si è stabilizzato dopo che la Fed ha mantenuto i tassi stabili mercoledì. Un biglietto verde più forte rende il prezzo dei metalli più caro per i possessori di altre valute.

Gli acquirenti di rame non sono ancora tornati sul mercato, anche se i prezzi sono scesi dell’11% rispetto al massimo storico raggiunto a maggio.

Negli altri metalli di base, l’alluminio al LME è sceso dello 0,5%, a 2.563,50 dollari la tonnellata; il nichel è sceso del 2%, a 17.700 dollari; lo zinco ha perso lo 0,7%, a 2.874,5 dollari; il vantaggio è aumentato dello 0,3% a 2.179 dollari; e lo stagno veniva scambiato a $ 33.400.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali