Come potrebbe essere il mercato dei capitali se uscisse dalla trappola, secondo l’analista che gestisce un portafoglio di 120.000 milioni di dollari

Come potrebbe essere il mercato dei capitali se uscisse dalla trappola, secondo l’analista che gestisce un portafoglio di 120.000 milioni di dollari
Come potrebbe essere il mercato dei capitali se uscisse dalla trappola, secondo l’analista che gestisce un portafoglio di 120.000 milioni di dollari

Ascoltare

“Se la moneta cade dalla parte giusta della storia, l’Argentina ha un’ottima opportunità”, ritiene. Cristian Lopez, recentemente entrato a far parte come nuovo direttore e partner di Novus Asset Management, la società di gestione del Personal Investment Portfolio Group (PPI). Dopo anni di restrizioni e restrizioni valutarie, l’analista ritiene che il percorso di deregolamentazione aumenterebbe le opportunità di investimento per le aziende locali.

Al momento, Novus AM Gestisce asset che superano i 120.000 milioni di dollari e quest’anno ha quasi triplicato il suo patrimonio gestito. Tuttavia, le alternative di investimento a disposizione del gestore del fondo si contano sulle sue mani, in linea con le condizioni che oggi il mercato dei capitali consente. Fondi comuni di investimento affinché i risparmiatori possano proteggersi dalla svalutazione (dollaro collegato), inflazione (strumenti CER), o per chi ha bisogno di liquidità immediata (mercato monetario).

“Nel settore dei fondi, l’Argentina ha la possibilità di avere società più divertenti e con maggiore valore aggiunto. Finora vi direi che dalla metà del governo di Néstor Kirchner fino all’inizio del Cristina o del 2009 in poi, c’è stato un mercato falciato da una regolamentazione dopo l’altra. Domanda e offerta erano bloccate in uno zoo e c’era un mondo pieno di pesos. Si è tentato di offrire prodotti che non fornissero una copertura perfetta contro l’inflazione o la svalutazione del tasso di cambio ufficiale, ma hanno lasciato morto l’universo internazionale. Le persone si sono abituate a un settore piatto e poco dinamico“, ha analizzato López, commercialista con 20 anni di esperienza nel settore finanziario, in dialogo con LA NACION.

Per l’analista, se il mercato dei capitali si normalizza, il governo annuncia l’uscita del tasso di cambio e la National Securities Commission (CNV) elimina le restrizioni esistenti quando si opera, molti hedge fund “cesseranno di avere motivo di esistere”. Invece, l’industria inizierà a concentrarsi sul lancio di nuovi prodotti che generino valore aggiunto.

Il mercato si aspetta che la National Securities Commission elimini alcune restrizioni di mercato. ARCHIVIO

Fino all’eliminazione del sistema pensionistico a capitalizzazione, nel quale operavano i Retirement and Pension Fund Administrators (AFJP), queste entità di investimento avevano la possibilità di posizionarsi, ad esempio, in materie prime, azioni internazionali e asset emergenti a reddito fisso. In questo modo, gli investitori Potrebbero diversificare i propri asset e non avere posizioni al 100% in Argentina.

Per López questa strada potrebbe essere ripresa se le restrizioni venissero eliminate, cosa che nel medio-lungo termine incoraggerebbe i progetti di investimento delle imprese. Come primo passo, di recente Novus ha lanciato FCI HouseView, “il fondo della casa”, che investe costantemente in diverse alternative di reddito fisso, a seconda della visione macroeconomica degli analisti. Si sta anche studiando la possibilità di lanciare un fondo in dollari sul mercato, ma la decisione resta in attesa di cosa accadrà con il tasso di cambio.

“Penso che stiamo tutti aspettando segnali politici, guardando la stessa moneta. Naturalmente ci saranno delle tensioni, ma alla fine del percorso sono molto costruttivo. Se si fa un passo indietro e si guarda l’intero film, se le cose vengono fatte bene c’è un’industria energetica che potrebbe generare un enorme afflusso di dollari. E quella mancanza di dollari che ci affligge sempre dovrebbe essere risolta. Sembra che la società argentina abbia capito che il deficit fiscale è un problema e ci ha portato all’inflazione negli ultimi 100 anni.; ed è per questo che sta digerendo con tanta importanza il mega aggiustamento avvenuto, come un passo fondamentale per raddrizzare una nave che andava nella direzione sbagliata”, ha concluso.

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali