Megabanche nei minimarket | Economia

Megabanche nei minimarket | Economia
Megabanche nei minimarket | Economia

La movimentata offerta di acquisizione della BBVA contro Sabadell continua a generare dibattiti importanti: sulle dimensioni delle banche, sulle fusioni e sulla concentrazione. Le domande fondamentali sono due. 1) In Spagna (e in altri paesi dell’UE) c’è già troppa concentrazione, cioè un piccolo numero di banche, a danno evidente dei consumatori (aziende e famiglie): poche megabanche in ogni minimarket. E 2) Non esiste una banca europea transfrontaliera.

Il presidente …

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

La movimentata offerta di acquisizione della BBVA contro Sabadell continua a generare dibattiti importanti: sulle dimensioni delle banche, sulle fusioni e sulla concentrazione. Le domande fondamentali sono due. 1) In Spagna (e in altri paesi dell’UE) c’è già troppa concentrazione, cioè un piccolo numero di banche, a danno evidente dei consumatori (aziende e famiglie): poche megabanche in ogni minimarket. E 2) Non esiste una banca europea transfrontaliera.

Il presidente della CNMC, Cani Fernández, ha ricordato proprio questa settimana che una maggiore concentrazione può generare distorsioni. E che “potrebbero essere richiesti” [ventas de negocios, sucursales en territorios o sectoriales por actividad] “se si stabilisce che questo è il modo migliore per risolvere il problema osservato.” Conservare l’allusione ad a problema e la necessità di trovare il maniera per risolverlo.

Ci sono precedenti per una soluzione pacifica, quella di Bankia-CaixaBank. Ma difficile da replicare direttamente. Ebbene, il numero degli attori e la concorrenza reale sui mercati rilevanti (nazionale, catalano, valenciano) si sono ridotti… dopo quel precedente: la prova è la rigidità del settore spagnolo nel trasferire gli aumenti dei tassi di interesse ai depositanti. Quindi, con decine di attori, la vendita di filiali o portafogli clienti (PMI) di un amalgama BBVA/Sabadell ai concorrenti potrebbe essere efficace; Con tre giocatori no: farebbe solo ingrassare i restanti due, Santander e CaixaBank. Rafforzerebbe l’oligopolio.

Ci sono anche contributi della Bce. “Ciò che crediamo possa dare origine ad un mercato bancario europeo sono i [fusiones] transfrontaliero”, ha giustamente dichiarato Luis de Guindos. “Ma a volte”, ha sbagliato, “per arrivare al confine bisogna effettuare fusioni nazionali”. Poiché non c’è mai un punto senza filo, lasciamo che ognuno interpreti l’intenzione.

Il fatto è che questa presunta leva di una fusione bancaria nazionale con un’altra europea manca di prove storiche nell’UE. E scientifico? La lettura consigliata è la terza. Relazione sull’integrazione finanziaria, recentemente pubblicato dalla stessa BCE. Rileva che i progressi di questa integrazione sono “deludenti”, propone di rimuovere le “barriere legislative nella gestione delle crisi”, chiede più “trasparenza” nei prodotti “strutturati” e crea una volta per tutte il Fondo comune di garanzia dei depositi.

Il rapporto lamenta inoltre che, nonostante gli straordinari “benefici” raccolti in questi anni, il “consolidamento” bancario non ha funzionato. Egli attribuisce la colpa ai “regimi fiscali divergenti” negli Stati membri, alle diverse leggi sulla concorrenza e anche alle leggi sulla tutela del “credito e dei consumatori”. Nulla a favore di ulteriori fusioni nazionali. Semmai, al contrario: un flusso di “credito transfrontaliero” (la banca nel paese A presta a un cliente nel paese B) potrebbe aiutare a “ridurre la concentrazione e la distorsione nazionale delle sue esposizioni aumentando la diversificazione in diversi paesi”. In argento: l’essenziale per creare campioni europei è cominciare dalla transnazionalizzazione del credito, non dalla fusione tra le megabanche nazionali. Al contrario, un’eccessiva “concentrazione” nazionale e il conseguente “pregiudizio interno” costituiscono un pericolo. Ridurre”. Non aumentare.

Segui tutte le informazioni Economia E Attività commerciale In Facebook E Xo nel nostro notiziario settimanale

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali