Il 74% del settore dell’ospitalità effettua investimenti tecnologici per migliorare l’esperienza del cliente

Il 74% degli albergatori sta facendo investimenti tecnologici e dichiara che continuerà a farlo nel breve periodo. Queste informazioni emergono dai risultati dello Studio ‘Le chiavi della digitalizzazione nell’ospitalità’, preparato da EY per ConnectadHosla piattaforma composta da Ospitalità della Spagnainsieme a tre tra le principali aziende fornitrici del settore: COCA-COLA e MAHOU SAN MIGUEL; rappresentanti delle categorie di bevande analcoliche e birra, insieme a MAKROazienda multicanale di vendita all’ingrosso per l’ospitalità.

L’indagine aggiorna i risultati 2021, con l’obiettivo di acquisire una conoscenza approfondita dei progressi in un’area chiave per il settore, come la digitalizzazione, nonché delle principali sfide e opportunità.

Guillermo Arrieta, Vice Direttore Generale della Trasformazione di Mahou San Miguelafferma che “Il fatto che il 76% degli albergatori intervistati affermi di avere oggi un livello avanzato di digitalizzazione, dato quasi quattro volte migliore rispetto a quello del 2021, è un’ottima notizia, che conferma l’impatto di quanto contribuito in questi anni e ci incoraggia a continuare a promuovere una trasformazione che genererà valore e garantirà un futuro forte alle imprese del settore”

Nel 2021 solo il 20% ritiene di avere un rendimento notevole/eccellente nella digitalizzazione, mentre attualmente Il 38% ritiene che la propria attività abbia raggiunto un livello elevato.

Il settore dell’ospitalità ha a grado di maturità digitale quasi un punto sopra il 2021con una media di 5,3 rispetto alla media di 4,5 emersa dai risultati della precedente indagine. La ristorazione (con un punteggio medio di 6,4) e le strutture ricettive di fascia alta (che arriva a 7,2 negli alberghi di fascia alta) sono quelle che presentano un maggior grado di digitalizzazione, mentre in All’estremo opposto ci sono i caffè e i bar, che presentano un grado di sviluppo digitale più basso, pur ottenendo consensi.

Sfide e opportunità della digitalizzazione

L’86% degli intervistati ritiene che il La digitalizzazione è fondamentale per affrontare le sfide aziendali. Continua il trend rispetto al 2021 riguardo all’importanza della digitalizzazione, e va notato che la percentuale di coloro che hanno implementato azioni per avanzare nella tecnologia è aumentata di quasi dieci punti al 32% rispetto al 21% che rappresentavano nel 2021.

In bar, caffè e tempo libero, c’è una percezione positiva sui vantaggi della digitalizzazionela sua attuazione è ancora limitata, ma è percepita come un’opportunità di crescita e competitività.

In questo senso, per Eva Zaera, Direttore Associato Sviluppo Commerciale Digitale di Coca Cola Europacific Partners Iberia, Gli strumenti digitali sono un chiaro alleato per la crescita delle imprese e dobbiamo continuare a lavorare su soluzioni adatte a ogni tipo di struttura, come sostiene il 32% degli intervistati. Trattandosi di un settore molto atomizzato e composto principalmente da microPMI, il 27% chiede strumenti focalizzati sulla conoscenza delle tendenze e dei bisogni del settore.”

Entrambi in zone rurali così come le città, mancanza di budget (35% degli intervistati in aree urbane, 38% rurali), di tempo (22% urbano, 20% rurale), sono i principali barriere che gli albergatori esprimono nell’implementazione delle soluzioni tecnologiche. Da parte loro, gli albergatori delle zone rurali sottolineano il timore che la digitalizzazione implichi la perdita dei contatti personali (19%).

L’aumento delle vendite guida le motivazioni degli albergatori quando si parla di digitalizzazione, poiché il 75% degli intervistati opta per soluzioni mirate al miglioramento della marginalità (39%) e strumenti per aumentare il fatturato (36%), mentre il marketing digitale (in attesa del passaggio alla pubblicità online) è la principale motivazione per 43% degli intervistati.

Principali strumenti di digitalizzazione applicati al settore alberghiero

Per quanto riguarda gli strumenti digitali con la maggiore implementazione nel settore dell’ospitalità, si distinguono in sportello tutto relativo a marketing digitale nel rapporto con i clienti, in primo piano i social network, utilizzati dal 64% degli intervistati, seguiti da sito e lettere digitali (51%) e pubblicità e promozione online (38%).

Oltre agli strumenti di marketing digitale, a livello di front-office, “Il software POS/POS consente di ottimizzare la gestione aziendale e il servizio clienti, migliorando l’efficienza e l’esperienza nel settore dell’ospitalità. Anche se c’è ancora spazio per migliorare la percentuale di utilizzo, questi vantaggi non sono estranei agli albergatori, dato che il 54% degli intervistati dichiara di utilizzare questo tipo di software. Tuttavia, il 58% ritiene che si debbano migliorare funzionalità ed efficienza, ed è su questo che le aziende del settore devono lavorare per soddisfare le loro esigenze. sottolinea Yury Schevchenko, Direttore delle vendite e delle operazioni di Makro. ENel caso del ripristino del marchio, la percentuale di utilizzo raggiunge il 70%, coloro che stanno già iniziando a scommettere su nuove soluzioni, come il cloud-based (lavorare nella nuvola), di cui affermano di utilizzare il 15% delle aziende, rispetto a 6% di implementazione nel restauro tradizionale.

D’altra parte, L’86% degli intervistati dichiara di utilizzare pagamenti digitali e contactlesscon un alto grado di soddisfazione per il 42%.

Kit Digitale e Intelligenza Artificiale (AI)

L’intelligenza artificiale sta raggiungendo tutti i settori, anche se nel settore dell’ospitalità gli imprenditori nutrono ancora qualche perplessità a causa della limitata applicabilità associata ai costi elevati. Solo il 35% sta considerando di implementare l’intelligenza artificiale per l’automazione dei processi o è in fase di valutazione.

Tra gli strumenti già utilizzati, la consultazione dei dubbi su strumenti come Chat GPT (Generative AI) (18%), assistenti virtuali (13%), software AI per la gestione dell’inventario e delle prenotazioni (12%) e l’uso dell’AI algoritmi per l’analisi dei dati (10%).

Kit digitale, un’iniziativa del governo spagnolo, che mira a sovvenzionare il implementazione delle soluzioni digitali disponibili sul mercato per realizzare progressi significativo nel livello di maturità digitale, è a programma conosciuto da 6 albergatori su 10 intervistato.

Emilio Gallego, Segretario Generale dell’Ospitalità della Spagna insiste su questo punto “Questo programma è un spinta importante per la digitalizzazione del settore, nonostante fino ad ora solo il Il 17% dichiara di averne tratto beneficio, di cui il 37% manifesta un elevato grado di soddisfazione, mentre il 22% non ha potuto beneficiare dei sussidi perché non soddisfa i requisiti”.

Dati tecnici dello studio

EY ha predisposto lo Studio basandosi su un totale di 16 domande suddivise in tre blocchi: profilazione, digitalizzazione e maturità del settore e barriere e future iniziative di digitalizzazione. Il sondaggio è stato effettuato dal 3 aprile al 21 maggio, attraverso le aziende promotrici del progetto, ricevendo un totale di 1.827 risposte. La partecipazione è distribuita tra aree urbane e rurali. L’indagine si è chiusa con un dato di fiducia nazionale del 99% e un margine di errore di campionamento del 3%.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Banco Estado annuncia i massimali per trasferimenti e vaglia postali