sono raddoppiati nella prima metà del 2024

  • Al 24 giugno 2024, gli aggressori erano fuggiti con l’equivalente di 1,38 miliardi di dollari in token

  • Nello stesso periodo del 2023 avevano rubato 657 milioni di dollari al cambio di allora

Nella prima metà dell’anno i criminali informatici hanno fatto fortuna rubando criptovalute. L’ultimo rapporto di TRM Labs indica che, al 24 giugno 2024, gli aggressori avevano ottenuto l’equivalente di 1,38 miliardi di dollari in gettoni. Il dato evidenzia un notevole incremento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, quando la somma di denaro rubata, al cambio di allora, ammontava a circa 657 milioni di dollari.

Dalla società di sicurezza specializzata in criptocrimini, spiegano che la maggior parte del bottino è il prodotto di un numero limitato di grandi attacchi, una realtà che è costante da tempo. In questo caso, i primi cinque furti hanno rappresentato il 70% dell’importo rubato dai criminali informatici nei primi sei mesi del 2024, una percentuale notevole che ha una vittima importante.

Uno scambio giapponese, il più colpito

DMM Bitcoin è menzionato da TRM Labs come il più colpito del periodo trattato nel suo rapporto. Questo scambio di criptovaluta con sede a Tokyo è stato testimone di come lo scorso maggio più di 300 milioni di dollari nel bel mezzo di un incidente di sicurezza. La società Chainalysis ha definito l’episodio il settimo più grande attacco alle piattaforme di criptovaluta nella storia.

L’exchange giapponese si è affrettato a pubblicare una dichiarazione in cui spiegava che era stata rilevata “una fuga non autorizzata” di asset. Di conseguenza, ha limitato l’uso della sua piattaforma per evitare che i criminali informatici continuassero a danneggiarla. In ogni caso, questo è diventato un incubo per gli utenti, che non hanno potuto operare normalmente, anche se i loro fondi sono teoricamente “garantiti”.

DMM Bitcoin, che sta ancora indagando sulle cause dell’incidente, ha promesso che i suoi clienti avrebbero recuperato il denaro, ma non immediatamente. L’azienda ha dovuto uscire prendere in prestito denaro ad altre società della sua società madre per rispondere del furto. Tutto questo, sotto il controllo della Financial Services Agency del Giappone, che ha richiesto dettagli sul processo di risarcimento dei clienti.

TRM Labs aggiunge che in ciascuno dei primi sei mesi del 2024 è stato rubato più denaro che nei corrispondenti mesi del 2023, anche se nelle statistiche entra in gioco anche l’aumento generale del prezzo delle criptovalute. I token si sono ripresi dai minimi raggiunti molto tempo fa, ad esempio quando l’exchange FTX di Sam Bankman Fried è crollato.

Immagini | Galleria NFT rc.xyz (1, 2)

A Xataka | La libertà di Assange è costata 8 bitcoin: ecco come è stato effettuato il pagamento per rimpatriare in Australia il fondatore di Wikileaks

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Dior fa pagare 2.800 dollari per una borsa che costa solo 57 dollari? L’inchiesta che mette in discussione i prezzi dei marchi del lusso
NEXT la moto più cercata nel giorno del suo lancio