Il disastro di Wom in Colombia, un’azienda da 6,4 milioni di utenti che il governo non salverà

Il ministro Mauricio Lizcano ha negato la possibilità di utilizzare risorse per finanziare il settore privato che ha bisogno di un’iniezione di 30 milioni di dollari per sopravvivere

Wom, la società di telecomunicazioni famosa per la sua pubblicità rischiosa rivolta soprattutto al pubblico giovanile, ha già completato due mesi di processo di riorganizzazione in cui la Soprintendenza alle Imprese guidata da Billy Escobar l’ha aiutata a normalizzare le sue operazioni. Questa situazione ha generato incertezza tra i quasi 6 milioni di utenti del Paese, che non hanno ben chiaro cosa accadrà al loro servizio telefonico.

Anche se per il momento Wom continua a fornire il servizio normalmente, il suo proprietario, l’islandese Thor Björgólfsson, sta cercando di raccogliere investimenti per poter continuare a farlo a lungo termine. Ma non è così facile come sembra, poiché oltre all’attività avviata in Colombia, deve salvare anche quella in Cile, entrata in legge fallimentare ad aprile per non aver potuto rifinanziare un debito di 348 milioni di dollari.

Era presente ad una riunione guidata dal Ministro delle TIC, Mauricio Lizcano, due settimane prima dell’inizio della riorganizzazione, il cui obiettivo era trovare soluzioni alla situazione dell’azienda per non incidere sugli utenti, che a quel tempo erano solo cominciando a godere della tecnologia 5G che Wom ha potuto iniziare a implementare grazie alla partecipazione all’asta del dicembre 2023 e allo sborso di oltre 300 miliardi di dollari del costo del blocco dello spettro.

Le cose si complicano per Wom

Ora, è stato lo stesso Lizcano a dar loro la brutta notizia assicurando che il governo colombiano non avrebbe dato loro un peso per salvarli e che, al contrario, erano già pronti ad un’eventuale liquidazione in cui gli utenti dovrebbe essere migrato verso altre società di telecomunicazioni. Da parte sua, la Soprintendenza all’Industria e al Commercio, presieduta da Cielo Rusinque, ha smentito quest’ultima ipotesi e ha assicurato che non esiste alcun piano migratorio già stabilito.

Wom viene da un anno difficile che, seppur chiuso con la buona notizia dell’ingresso nella tecnologia 5G, è stato segnato da grosse perdite che trovano riscontro nell’ultimo rapporto della Sovrintendenza alle Imprese. Secondo questa entità, il suo utile operativo è stato di 873 miliardi di dollari, una cifra inferiore alle sue perdite di 874 miliardi di dollari.

Segui Las2orillas.co su Google News

-.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Questi titoli possono battere il mercato secondo Investing.com
NEXT Il dollaro ha aperto la giornata in ribasso, dopo le dichiarazioni del presidente della Fed