Nasdaq e S&P 500 ai massimi storici in attesa degli annunci sui tassi della Fed

Loro Gli indici S&P 500 e Nasdaq operano ai massimi storici questo martedì 9 lugliotrainato dai titoli dei semiconduttori e delle mega cap e in reazione alle dichiarazioni del presidente dell’ la Federal Reserve (Fed), Jerome Powell, davanti al Congresso degli Stati Uniti. Il funzionario ha accolto con favore i dati recenti del inflazione nel paese settentrionale e ha affermato che se continueranno ad arrivare dati positivi, sarà più chiaro quando abbassare i tassi di interesse.

Powell ha dichiarato nella sua apparizione davanti al Congresso che, anche se l’inflazione “resta al di sopra” dell’obiettivo di atterraggio morbido del 2%, è migliorata negli ultimi mesi e “dati più validi rafforzeranno” le ragioni a favore di un abbassamento dei tassi.

Quindi, la media industriale Il Dow Jones perde 147,89 punti, pari allo 0,38%, a 39.196,90 unità; L’S&P 500 ha guadagnato 11,96 punti, ovvero lo 0,21%, a 5.584,81 unità, e il Nasdaq Composite è salito di 86,31 punti.ovvero lo 0,47%, a 18.490,05 unità.

Nvidia, la favorita dei chip di intelligenza artificiale (AI), vola del 4%mentre Applied Materials e Micron Technology migliorano rispettivamente del 2% e del 3%, portando il Philadelphia SE Semiconductor Index ai massimi storici.

Anche il settore informatico dell’S&P 500 è scambiato a livelli record, insieme ai titoli a mega capitalizzazione come Alphabet e Apple, mentre Meta Platforms e Amazon.com sono aumentati rispettivamente dello 0,9% e dello 0,3%.

L’intelligenza artificiale guida l’indice S&P500

Alla vigilia, L’S&P 500 segna la sua 35a chiusura record dell’anno, trainato da forti guadagni legati all’intelligenza artificiale e altri titoli tecnologici, compensando l’incertezza sul percorso di taglio dei tassi da parte della Fed.

Nel frattempo, il Dow Jones è crollato, gravato dal calo del 2% di Salesforce.

“Sembra che Powell si aspetta ancora qualche mese di dati decenti sull’inflazione avere la fiducia necessaria per iniziare a tagliare, il che potrebbe mettere in gioco un taglio dei tassi a settembre”, ha affermato Brian Jacobsen di Annex Wealth Management.

Gli investitori Hanno celebrato il fatto che Powell fosse favorevole a un taglio dei tassi a seguito dell’evidenza che il mercato del lavoro statunitense si sta raffreddando.

Powell apparirà davanti al Congresso questo martedì e mercoledì, in un’udienza in cui analizzerà se i recenti segnali di raffreddamento dell’inflazione e di rallentamento del mercato del lavoro porteranno la banca centrale ad accelerare i suoi piani di taglio dei tassi di interesse.

La scommessa degli investitori è su tassi più bassi

Dopo quello che ha detto Powell, Gli investitori scommettono che i recenti dati deboli sul mercato del lavoro hanno aumentato la probabilità di un taglio tassi nel mese di settembre vicino all’80%.

Anche i rendimenti obbligazionari dell’Eurozona salgono in vista della testimonianza di Powell. Il rendimento dei titoli tedeschi a 10 anni, il punto di riferimento del blocco dell’eurozona, è salito di 1 punto base al 2,53%.

L’indice Nikkei giapponese è salito dell’1,96%, toccando il massimo storico, sostenuto dai titoli dei semiconduttori e dal calo dello yen, che sta incrementando i profitti delle società giapponesi all’estero.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La batosta che Emirates ha dato ad Avianca verso la stessa destinazione
NEXT Il dollaro blu ha chiuso saldamente sopra i 1.450 dollari, ma si sta dirigendo verso il suo primo calo settimanale in due mesi e mezzo