La donna più ricca d’Australia chiede che il suo ritratto venga rimosso dalla mostra

La donna più ricca d’Australia chiede che il suo ritratto venga rimosso dalla mostra
La donna più ricca d’Australia chiede che il suo ritratto venga rimosso dalla mostra

(CNN) — L’arte è soggettiva. E anche se molti artisti desiderano condividere il proprio lavoro con il mondo, non c’è garanzia che il pubblico lo capisca, o addirittura gli piaccia.

Questo sembra essere il caso del dipinto dell’artista indigeno Vincent Namatjira: un ritratto della persona più ricca d’Australia, la magnate mineraria Gina Rinehart.

Secondo quanto riferito, Rinehart ha chiesto alla National Gallery of Australia (NGA) di rimuovere il suo ritratto, una delle 21 opere individuali che compongono la mostra “Australia in Colour” di Namatjira.

La mostra è allestita da marzo presso la galleria di Canberra, la capitale australiana.

Altri soggetti dell’opera includono la defunta regina Elisabetta II, il musicista americano Jimi Hendrix, l’attivista per i diritti degli aborigeni australiani Vincent Lingiari e l’ex primo ministro australiano Scott Morrison.

Il dipinto di Rinehart è uno dei 21 ritratti dell'artista Vincent Namatjira presenti nella sua mostra

Il dipinto di Rinehart è uno dei 21 ritratti dell’artista Vincent Namatjira presenti nella sua mostra “Australia in Colour”. (Credito: Vincent Namatjira)

I media australiani hanno riferito che Rinehart si è rivolto al direttore e al presidente della NGA per richiedere la rimozione del dipinto.

Giovedì la NGA ha dichiarato in una dichiarazione alla CNN che “accoglie con favore il pubblico affinché possa dialogare sulla nostra collezione e sulle mostre”.

“Dal 1973, quando la National Gallery acquisì Blue Pollocks da Jackson Pollocks, c’è stato un dibattito dinamico sui meriti artistici delle opere nella collezione nazionale e/o in mostra alla Galleria”, continua la dichiarazione della NGA. “Presentiamo opere d’arte al pubblico australiano per ispirare le persone a esplorare, sperimentare e conoscere l’arte.”

Namatjira ha detto in una dichiarazione che dipinge “persone ricche, potenti o significative, persone che hanno influenzato questo paese e me personalmente, direttamente o indirettamente, nel bene e nel male”.

“Dipingo il mondo come lo vedo”, ha spiegato. “Non è necessario che alla gente piacciano i miei dipinti, ma spero che si prendano il tempo per guardarli e pensare: ‘perché questo aborigeno ha dipinto queste persone potenti? Cosa sta cercando di dire?'”

“Ad alcuni potrebbe non piacere, altri potrebbero trovarlo divertente, ma spero che le persone guardino sotto la superficie e vedano anche il lato serio”, ha aggiunto Namatjira.

Rinehart è l’amministratore delegato di Hancock Prospecting, una società mineraria privata fondata da suo padre, Lang Hancock.

La CNN ha contattato Hancock Prospecting per un commento ma non ha ricevuto risposta.

Secondo Forbes, Rinehart ha un patrimonio netto stimato di 30,2 miliardi di dollari. Rinehart “rimane stabile” in cima alla lista dei 50 più ricchi australiani stilata da Forbes per il 2024, secondo quanto riportato dalla pubblicazione a febbraio.

La National Association for the Visual Arts of Australia (NAVA) si è espressa a sostegno di Namatjira, ha riferito 9News, affiliato della CNN.

“Anche se Rinehart ha il diritto di esprimere le sue opinioni sull’opera, non ha l’autorità di fare pressione sulla galleria affinché rimuova il dipinto semplicemente perché non le piace”, ha dichiarato Penelope Benton, direttore esecutivo della NAVA, secondo 9News.

La NAVA ha offerto il suo “incrollabile sostegno” alla National Gallery of Australia, ha riferito 9News, e ha dichiarato di essere preoccupata che la richiesta di Rinehart di rimuovere il ritratto “costituisca un pericoloso precedente di censura e soffocamento dell’espressione creativa”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chi è Fabin Pérez, il pittore argentino emigrato a Los Angeles che ora affascina Javier Milei
NEXT In memoriam, in memoria di Juan Carlos Matilla