La bellezza della settimana: “Le grandi montagne innevate” di Cui Ruzhuo

La bellezza della settimana: “Le grandi montagne innevate” di Cui Ruzhuo
La bellezza della settimana: “Le grandi montagne innevate” di Cui Ruzhuo

“Le grandi montagne innevate”, 2013, di Cui Ruzhuo. China e colore su carta, montata, 299,5×873 cm

Forse perché stiamo attraversando un’onda polare, il lavoro scelto per questa settimana evoca il freddo, la neve, l’inverno. O forse ha semplicemente a che fare con l’immergere lo sguardo in qualcosa di calmo.

Le grandi montagne innevate (noto in inglese come Le grandi montagne innevate), Di Cui Ruzhuo È una delle opere più emblematiche del celebre artista contemporaneo cinese, naturalizzato americano. Questo dipinto, realizzato con inchiostro su carta, è diventato famoso perché è stato venduto all’asta a Hong Kong nel 2016 per la cifra impressionante di 39,6 milioni di dollari, stabilendo un record nel mercato dell’arte.

L’opera ritrae un vasto paesaggio innevato che cattura la maestosità e la serenità delle montagne sotto una coltre bianca. La maestria di Cui Si rivela nell’uso meticoloso dell’inchiostro di china, una tecnica tradizionale che l’artista ha perfezionato nel corso della sua carriera. La sua capacità di combinare la delicatezza e la potenza della natura è stata ampiamente riconosciuta sia nel suo paese natale che all’estero.

Cui Ruzhuo, calligrafo e collezionista, è stato evidenziato come uno dei grandi talenti artistici della Cina. Nato a Pechino nel 1944, ha avuto un ruolo fondamentale nel mercato dell’arte. La traiettoria di Cui Ruzhuo comprende una profonda formazione artistica fin dalla giovane età sotto la guida di rinomati paesaggisti come Qin Zhongwen E Hu Peihenge nel 1981 si trasferisce negli Stati Uniti, dove la sua fama cresce dopo essere stato invitato a tenere una conferenza al Lincoln Center per le Arti di New York. Le sue opere hanno ottenuto riconoscimenti a Taipei, attirando l’attenzione dell’alta società cino-americana. Cui Ruzhuo Ha conseguito il dottorato honoris causa in Arte dell’Arte Dewey University di New York.

I suoi contributi includono una significativa collezione di opere d’arte di varie dinastie cinesi come Song, Yuan, Ming e Qing. Nel 2002, Cui ha annunciato il suo ritiro temporaneo dalla pittura per viaggiare e studiare arte in tutto il mondo e nel 2004 è stato selezionato come uno dei dieci migliori talenti artistici della Cina e il suo lavoro Inno alla pace È stato portato nello spazio a bordo della navicella spaziale Shenzhou VI.

“Nebbia mattutina e neve all’orizzonte”, 2013, di Cui Ruzhuo. Inchiostro e colori su carta, 144 x 74,5 cm

Nel 2011, il Grande Sala del Popolo in Cina ha inaugurato una grande opera di Cuie nel 2013 musei dedicati al suo lavoro sono stati aperti a Hong Kong e Tokyo. La popolarità di Cui Negli anni non è diminuito, anzi.

I risultati di Cui Ruzhuo nella calligrafia e nella pittura sono stati riconosciuti con numerosi premi in tutto il mondo. Dalla sua partecipazione al Prima mostra internazionale di pittura a inchiostro di Pechino nel 1988 fino Biennale Internazionale d’Arte di New York nel 1982, la sua influenza sull’arte contemporanea cinese rimane significativa.

La sua carriera è stata segnata da una profonda dedizione alle tecniche tradizionali, che fonde con una visione moderna, creando pezzi che risuonano sia tra gli intenditori dell’arte classica che tra gli ammiratori del contemporaneo.

Le influenze di Cui Ruzhuo Sono un riflesso dei suoi studi e dell’ammirazione per gli antichi maestri della pittura cinese, in particolare quelli delle dinastie canzone E Yuan. È stato anche influenzato dalla calligrafia tradizionale cinese, integrando armoniosamente questi elementi nel suo lavoro. Il suo approccio all’arte contemporanea è caratterizzato da un profondo rispetto per le tradizioni, pur introducendo una prospettiva fresca e personale.

Attualmente, la posizione esatta di Le grandi montagne innevatedato l’interesse alla privacy dell’acquirente.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Fabio MacNamara prega l’Immacolata Concezione