espone il proprio archivio e opere di artisti locali nella capitale federale – El Eco

espone il proprio archivio e opere di artisti locali nella capitale federale – El Eco
espone il proprio archivio e opere di artisti locali nella capitale federale – El Eco

Lui Ministero dell’Arte Tandilil gruppo creato da María Menegazzo e Paula Jaureguiberry Da 6 anni organizzano mostre, incontri e tante altre attività in cui promuovono e rendono visibile la scena delle arti visive della città. In una nuova tappa della loro carriera, da metà giugno fino al prossimo 7 settembre saranno presenti al Centro Culturale Spagnolo della Capitale Federale con Rapporto Ministeriale. In una stanza appositamente designata per il progetto Espongono non solo il lavoro di 14 artisti di Tandil e della regione, ma anche il loro archivio, una preziosa testimonianza del percorso artistico e della gestione culturale con una prospettiva situata.

“Noi siamo molto felici. Da un lato si trattava di condividere la scena di Tandil con un nuovo pubblico, cioè devi vedere molte persone interessate a leggere quell’archivio e chiedere informazioni sul lavoro. Nella sala c’è lavoro di materiali diversi, di generazioni diverse, che è anche un po’ il taglio che cerchiamo, c’è il lavoro in pietra, c’è il ricamo, il video, la pittura, la serigrafia, l’incisione, c’è è un po’ di tutto”hanno detto i curatori.

In dialogo con El Eco de Tandil, Paula Jaureguiberry e María Menegazzo hanno condiviso i dettagli del Rapporto Ministeriale, la mostra che allestiranno fino al 7 settembre presso il Centro Culturale di Spagna a Buenos Aires. Oltre alla mostra, hanno proposto diverse attività, sia con alcuni degli artisti partecipanti, sia con gruppi provenienti da altre zone del Paese che sono in ricerche simili riguardo alle scene artistiche regionali.

“Il Ministero è un progetto emerso come piattaforma di pensiero, diffusione e rivitalizzazione della scena delle arti visive a Tandil. È cresciuto anche verso una piattaforma di gestione. Per ciascuno dei progetti, lavoriamo con gli artisti in diverse campagne per diffondere ciò che fanno”, hanno commentato i curatori alcune delle proposte che sviluppano da 6 anni.

Il Rapporto Ministeriale espone opere in vari formati e materiali di Paula Aldea, Pablo Añeli, Juan Cufré Hoffman, Daneri Jr., Mariana Debaz, Mariana Hoffmann, Soledad Moisas, Cecilia Pagliaro, Federico Pose, Augusto Rossanigo, Jose Rossanigo, Carolina Shedden, Gastón Urdampilleta e Ana Valle,

La scena tandilense nel Capitale

Era lo scorso dicembre quando i rappresentanti del Ministero dell’Arte vennero a conoscenza del bando per il Centro Culturale di Spagna a Buenos Aires. Contro il tempo hanno presentato una proposta poiché le basi “coincidono molto con gli interessi del Ministero. Si trattava, in altre parole, di un open call per progetti che esplorassero, o abitassero, il mondo dell’arte contemporanea, in modo più diverso rispetto a quello tradizionale. E attenzione ai territori e alla federalizzazione delle proposte”, hanno spiegato.

A fine dicembre hanno ricevuto il bando che confermava di essere stati tra i 9 progetti selezionati tra più di 150 presentati da tutto il Paese. L’iniziativa proposta nel bando è stata quella di raccontare, oltre al lavoro di 14 artisti della città e della regione, anche i loro sei anni di lavoro.

Foto: Noelia Urbina

“Si trattava di pensare all’archivio in termini di contenuto e anche in termini estetici”, hanno notato a proposito dell’intervento effettuato nella stanza in cui erano esposti “appunti di diario, progetti di workshop, foto di azioni, foto di gruppo, cose che hanno stato fatto, ci sono screenshot di Drives, screenshot di WhatsApp, visualizzazioni molto diverse” che hanno a che fare con la gestione quotidiana”, hanno indicato.

Hanno organizzato la loro partecipazione nei tre assi in cui lavorano. L’articolazione tra formazione artistica e pratiche artistiche contemporanee, gestione collettiva e patrimonio sia architettonico che naturale della città. “Siamo molto felici, molto felici. All’inaugurazione sono accorse tantissime persone”, hanno concluso i curatori.

La mostra della Relazione Ministeriale può essere visitata presso il Centro Culturale di Spagna nella Capitale Federale, situato in Paraná 1159, dal lunedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:00 e il sabato dalle 10:00 alle 18:00.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV l’artista messicano che ha ispirato il mondo intero
NEXT Glendor Díaz ritrae i segreti della notte e li mostra in Ciaño