Jacqueline Gaete | “Sono venuta tre mesi e sono rimasta”: lei è cilena, è stata in tv e oggi è una figura in Ecuador

Jacqueline Gaete | “Sono venuta tre mesi e sono rimasta”: lei è cilena, è stata in tv e oggi è una figura in Ecuador
Jacqueline Gaete | “Sono venuta tre mesi e sono rimasta”: lei è cilena, è stata in tv e oggi è una figura in Ecuador

Questo martedì, La Roja affronta l’Ecuador e uno dei cileni che sa perfettamente come vivere una partita di ‘Tri’, lo è Jacqueline Gaete (36). La conduttrice televisiva, riconosciuta nel nostro Paese per la sua partecipazione a programmi come Calle 7 e Año 0, vive a Quito dal 2013. “Sono venuto per tre mesi e sono rimasto. Oggi ho mio marito e due figli ecuadoriani. Qui conduco Telerama, sono conduttore di Esta Es Tu Casa e ho uno spezzone di programmi al telegiornale”.

In un’intervista ad AS, la modella, che conta più di 700mila follower su Instagram, svela quale è l’atmosfera che si respira nella capitale ecuadoriana in vista del duello che il Cile affronterà oggi allo Stadio Rodrigo Paz Delgado. “Qui c’è della follia. Nei parchi vengono allestiti schermi giganti. Le persone sono molto fiduciose, ci sono grandi aspettative”, dice.

– Perché hai deciso di andare in Ecuador?

– Le cose stavano accadendo, non era mia idea restare. Più che per lavoro volevo conoscere la cultura, essere in un altro paese e tre mesi mi sembravano sufficienti. Ma è stato appena presentato un altro progetto con contratto di un anno. Successivamente ho studiato Comunicazione scenica, cosa che mi ha fatto rimanere per altri due anni. Poi ho messo insieme un progetto di café-theatre e questo ha aggiunto più tempo. Giuro che ho provato ad andare in Cile tre volte (ride), ma succedeva sempre qualcosa. E quando ho incontrato mio marito, sono rimasta sicuramente.

– Ti manca il Cile?

– Naturalmente sempre. È la propria terra. Non importa quanto viaggi per il mondo, è lì che sei nato, dov’è la tua famiglia. E questo è ciò che mi fa più male, non credo che sarei completo senza di loro al mio fianco. Ti mancano momenti. A volte dici “ne varrà la pena?” Io, ad esempio, non ero alla nascita di mio nipote, che era in piena pandemia e non c’era modo di viaggiare. Quindi questo ti rende nostalgico. Ma le cose accadono per una ragione, la vita ti mette in un posto e le cose sono successe qui, c’erano più opportunità e devi viverle.

– In Ecuador sei una figura molto riconosciuta, come gestisci questa cosa?

-

– Sai una cosa, ad un certo punto, ho dovuto sperimentarla anche in Cile, soprattutto quando ho lasciato il reality Anno 0. Mi sento come se fossi sempre rimasta bene, non mi sono mai offuscata dalle cose. Quando ho iniziato qui, cioè quando ho prestato giuramento per il programma Apuesta Por Ti, che è una franchigia cilena, infatti, non mi sono mai offuscato, sono sempre stato lo stesso di sempre e così sarà per il resto della mia vita.

-

Jacqueline Gaete e come l’Ecuador vede il Cile dopo il “caso Byron Castillo”

– Voglio chiederti del gioco Red. Lì in Ecuador, com’è l’ambiente?

– Qui danno tutte le possibilità alle persone di guardare la partita. C’è una buona squadra, che sta dando risultati. Mi hanno detto “vieni al programma questo martedì con la maglia che vuoi”, e ovviamente andrò con quella del Cile (ride). Per me sarebbe bello se ci fosse un pareggio, perché ho una famiglia ecuadoriana, quindi qualunque delle due vittorie va bene. Il mio Paese è il mio Paese (ride), mi batte forte il cuore, ma un pareggio sarebbe l’ideale. È difficile, perché il Cile non è più quello di una volta, e in più sono arrivate le dimissioni dell’allenatore, che destabilizzano. Vedo una corrispondenza uniforme.

– Vede un po’ di antipatia nei confronti dei cileni a causa del processo “caso Byron Castillo”?

– Ti dico di sì, perché le persone a cui piace il calcio sono appassionate e, quando succedono queste cose, dicono “perché piangono?”, oppure perché cerchiamo di entrare dove non dovremmo entrare al Mondiale. Questo esiste, ma non perché è il Cile, ma sarebbe successo con qualsiasi paese. D’altro canto, penso che accadrebbe la stessa cosa se l’Ecuador facesse causa al Cile per qualcosa. Vabbè…

-Quali sono i tuoi prossimi progetti?

– Sono in un momento molto appagante, ho realizzato cose meravigliose, in TV, sui social, ma si vuole sempre qualcosa in più. Ora sto pensando di fare cose nuove, come un podcast, ma vado per gradi. Vorrei fare qualcosa di innovativo. Non posso stare fermo. Questo periodo ci fa bene, perché ci sono tanti eventi, tanto lavoro, quindi ora che questa data rivoluzionata è passata, penserò a un progetto specifico che voglio realizzare.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

-

PREV Che fine ha fatto María Esteve, la figlia di Marisol che passò dall’essere nominata ai Goya alla direzione della fondazione di beneficenza del padre
NEXT Sira Martínez rivela com’è il suo rapporto con suo padre, Luis Enrique