Daddy Yankee lascia il reggaeton e inizia una nuova “vita per Cristo”

Daddy Yankee lascia il reggaeton e inizia una nuova “vita per Cristo”
Daddy Yankee lascia il reggaeton e inizia una nuova “vita per Cristo”

Daddy Yankee gli cambia la vita. Colui che è stato padrino del reggaeton e idolo di una generazione di musica urbana, se ne va. Così, dopo aver completato il suo quinto concerto “La Meta” a Porto Rico, ha concluso la sua carriera artistica e lo ha annunciato “una storia è finita e una nuova storia sta per iniziare, un nuovo inizio”, quello di vivere la propria vita per Cristo. “Popolo mio, questo giorno per me è il giorno più importante della mia vita. E voglio condividerlo con voi, perché vivere una vita di successo non è la stessa cosa che vivere una vita con uno scopo”, ha esordito Daddy Yankee in un messaggio di quasi tre minuti, dopo aver concluso lo spettacolo davanti a migliaia di persone al Colosseo di Porto Rico, a San Juan.

“Per molto tempo ho cercato di riempire un vuoto nella mia vita che nessuno poteva colmare. Ho cercato di riempire e trovare un significato alla mia vita. A volte sembravo molto felice, ma mancava qualcosa per completarmi. E devo confessare che quei giorni sono finiti”, ha continuato l’artista nelle dichiarazioni riportate da EFE. Ha assicurato che “qualcuno è stato in grado di riempire quel vuoto che sentivo da molto tempo” e ha riconosciuto “che per tutti ero qualcuno, ma io non ero niente senza di Lui.” “.

“Ho potuto girare il mondo per anni, vincere tanti premi, applausi e lodi, Ma ho capito una cosa che dice la Bibbia: ”Che giova all’uomo guadagnare il mondo intero se perde l’anima sua?” Perciò stasera riconosco e non mi vergogno di dire al mondo intero che Gesù vive. in me e che vivrò per Lui”, ha confessato. “La Bibbia dice che chiunque lo riconoscerà in pubblico, qui sulla terra, lo riconoscerà anche davanti a mio Padre”, ha aggiunto Raymond Ayala, questo il nome dell’artista 46enne.

“Ora, chiunque mi conosca come Daddy Yankee dovrebbe dire: ‘Daddy Yankee in Cristo, Raymond Ayala a Porto Rico’. Una storia è finita e una nuova storia sta per iniziare, un nuovo inizio”, ha detto. Ha anche assicurato che “tutti gli strumenti che ho in mio potere, come la musica, i social network, le piattaforme, un microfono, tutto ciò che Gesù mi ha dato, ora è per il Regno”. {{#values}} {{#ap}} {{/ap}} {{^ap}} {{/ap}} {{/valori}}

“Grazie mille Porto Rico e spero che camminerai con me in questo nuovo inizio e spero che venga registrato qualcosa di molto importante per te: Non seguire nessun uomo. Sono umano. A tutte le persone che mi hanno seguito, seguite Gesù Cristo, perché Lui è la via, la verità e la vita”, ha detto il cantante.

“Cristo ti ama e Cristo viene, non dimenticare. Allo stesso modo, Gesù, come mi hai permesso, per la tua misericordia, di viaggiare per il mondo, permettimi di partire da Porto Rico per evangelizzare il mondo. Alla fine, ho raggiunto la meta. “Sono libero. Amen!”, ha concluso il suo messaggio. In questo modo Daddy Yankee si unisce a Héctor “El Father”, Farruko, Voltio, Gocho, Jomar “El Caballo Negro”, Larry Over ed El Sica tra i vari artisti urbani che hanno deciso di abbandonare la musica e seguire il Gospel.

Al concerto di questa domenica, Daddy Yankee ha chiesto a Luis Fonsi di eseguire ‘Despacito’ e Rauw Alejandro di cantare diverse canzoni, tra cui ‘Agua’, ‘Panties y brassieres’, tra le altre.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Silvia Pinal è ricoverata d’urgenza, cosa le è successo? – Notizie sul cinema