Irriconoscibile: ecco come appare oggi Bambino Veira, dopo essersi allontanato dalle telecamere

I tempi dei media sono veramente tirannici. Molte volte, puoi stare sulla cresta dell’onda per anni ma poi esserne spiazzato e/o relegato, per vari motivi. Un esempio di ciò è il Bambino Veira.

Ettore Bambino Veira È stato una stella del calcio argentino, dove si è distinto nei più grandi club del nostro Paese, ma al San Lorenzo ha trovato il suo posto nel mondo sia come calciatore che come allenatore. “Non ho mai detto una parola contro l’altro. Non ho mai offeso il tifoso del rivale quando ho vinto una classica. E di questo, alla lunga, la gente tiene conto”, ha dichiarato in una delle sue ultime note a El Grafico.

Ettore Bambino Veira.

La sua personalità carismatica e travolgente lo ha portato ad andare oltre il mondo del calcio per entrare a far parte dell’immaginario popolare collettivo, grazie a frasi come “Capisco la crisi del club, ma ho chiesto un quattro e mi hanno dato un pompelmo” oppure “Per per me il calcio è bellezza”.

Al di là delle sue doti in ambito sportivo, seppe riempire le riviste di gossip di amori e romanzi popolari che spaziavano da Carmen Barbieri a Mirtha Legrand.

El Bambino ha anche pubblicato un libro: “Personaje de Buenos Aires”, che è stato messo in vendita nel 2008.

Quando lasciò i campi, approfittò del suo lato da showman e nel 2013 fece parte di “Buenos Muchachos”, un programma al quale partecipò con Beto Casella, Guillermo Coppola, Cacho Castaña e Coco Basile che ebbe successo su C5N e divenne uno spettacolo teatrale.

“Good Boys” di C5N ha avuto un finale controverso.

Nel 2014 il programma è stato cancellato e da allora il Bambino Veira Si allontanò dalla televisione. Sporadicamente collabora ad “Acá Hay Fútbol”, un ciclo di mezzanotte su Radio La Red.

Senza social network e con poca presenza nell’alta mostra, Minuto Neuquén ha avuto accesso per vedere come appare oggi la gloria di San Lorenzo ed è sorprendente. Lungi dall’essere l’uomo che si mostrava in abito e accessori dorati, oggi opta per un look più rilassato e lascia che il passare del tempo copra i suoi capelli tinti di biondo, quasi rosso, per portare molto bene i suoi capelli grigi.

Bambino Veira oggi.

La cancellazione

Il 17 ottobre 1987, Ettore Veira è stato denunciato per abusi su minori da Sebastián Candelmo, un adolescente di 13 anni che oggi si chiama Praxedes Candelmo e lavora come infermiere all’Ospedale Argerich. All’immensa gravità dell’evento si aggiungeva la totale copertura mediatica del caso.

Nell’ottobre 1991 Veira entrò in prigione per scontare una pena di sei anni. È stato detenuto per 11 mesi, finché la Corte Suprema ha ripreso il caso declassandolo a tentato stupro, fissando la pena a 3 anni e rilasciandolo.

I media hanno dato una copertura molto forte al caso.

“Credo che il mio valore sia nel presente. La cosa ‘quetejedi’ (di Veira) è un argomento del passato e non posso restare nel passato”, ha dichiarato Candelmo alla rivista Gente. Sebbene dopo quell’orribile episodio Veira sia riuscita a continuare la sua vita normalmente, è chiaro che l’avanzata del femminismo e della cultura dell’annullamento ha aiutato questo iconico personaggio del calcio nazionale a scomparire dai media.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Elsa Pataky e il suo sorprendente doppio ruolo in ‘Furiosa: From the Mad Max Saga’: l’attrice spagnola dimostra la sua potenza con il marito Chris Hemsworth a Cannes
NEXT Fran García Huidobro analizza la storia d’amore di Kaminski e Andrade