Con una lettera aperta Emilia Attias ha rotto il silenzio dopo la separazione da Turco Naím

Con una lettera aperta Emilia Attias ha rotto il silenzio dopo la separazione da Turco Naím
Con una lettera aperta Emilia Attias ha rotto il silenzio dopo la separazione da Turco Naím

“Quando qualcosa arriva così in alto. Così sublime. Diventa intoccabile. Chiudo i miei occhi. Tregua. E sento la mia anima cadere nel vuoto. Come se dall’altezza in cui si trova cadesse attraversando una tempesta”.disse l’artista.

Embed – emiliaattias su Instagram: “Quando qualcosa arriva così in alto. Così sublime. Diventa intoccabile. Chiudo gli occhi. Respiro. E sento la mia anima cadere nel vuoto. Come se da quell’altezza in cui si trova, Caduta, attraversando una tempesta, non ho paura. Preferisco la consapevolezza. Sentire quel vento freddo sul viso. I miei muscoli rigidi. Apro gli occhi e stabilisco la direzione, attraverso tutta quella nebbia, ad ogni respiro. Con umiltà, sintonizzati sul tuo perdono e su quello degli altri. Cresci più forte. È ora di vivere, almeno così mi dà la forza. Ti accompagno, ovunque tu sia, mano nella mano. Ogni notte ti mando angeli per proteggerti e illuminarti per come affrontiamo molte cose con quanta dedizione risolviamo le nostre complesse umanità. Ricordo che giovedì sera, mentre il telegiornale diffondeva sui media, e i nostri cellulari esplodevano, abbiamo parlato in videochiamata, per circa 1 ora… accompagnandoci, ridendo con una certa tristezza, e rassegnazione, per niente quelle bugie e quei condimenti che offuscavano la realtà, tipici di chi ha tra le mani una verità per quarti. Scorticare tale intimità. In un modo così leggero e disordinato. A proposito di te Su di me. Per fortuna sappiamo chi siamo. E quanto siamo fortunati a essere calmi. Solo noi conosciamo il percorso intrapreso. Solo noi conosciamo questa verità. E questa benedetta comprensione profonda dell’altro, che non ha dato luogo a risentimento, rabbia. Tutto ciò che è bello ti aspetta. Distribuisci quel magnetismo. Quella intelligenza. Quella capacità immensa. Quel potere, quindi tuo. Che calore dentro quel cuore. Ho sempre ammirato molto te. Non meriti che quelle parole che fluttuano tra alcune persone oggi siano quelle che ti definiscono. Accetto tutto. Decido anch’io. Scelgo il perdono. E amore. Il tempo e la vita lo diranno più tardi. E calmati. Che nessuno può togliermi la forza che ho. Nemmeno tu. L’ho vista con i miei occhi. Più di una volta.”

Lettera aperta di Emilia Attias dopo la separazione da Turco Naím

“Quando qualcosa arriva così in alto. Così sublime. Diventa intoccabile.

Chiudo i miei occhi. Tregua. E sento la mia anima cadere nel vuoto. Come se dall’altezza in cui si trova fosse caduto, attraversando una tempesta. Non ho paura. Preferisco la coscienza. Senti quel vento freddo sul viso. I miei muscoli sono rigidi, la pelle secca. Apri gli occhi e stabilisci la direzione, attraverso tutta quella nebbia. Riconoscere ciascuno dei suoi angoli. Guardali dritto. Assumere la proprietà, con ogni respiro, di questa ostilità, per trasformarla. Accettare. Con umiliazione. Accorda l’antenna della saggezza. Del perdono. Proprio e straniero. Accettare. Per integrare. Crescere. Rafforzare. Temperati.

Se questo è il momento che devo vivere adesso, almeno così mi dà forza.

Ti accompagno, ovunque tu sia, mano nella mano. Ci conterai sempre. Sempre.

Ogni notte ti mando angeli per proteggerti e illuminarti.

Mi sento orgoglioso di entrambi. Perché attraversiamo molte cose. Con quanto consegna. Ordinare le nostre complesse discipline umanistiche.

Ricordo che giovedì sera, mentre il telegiornale diffondeva sui media, e i nostri cellulari esplodevano, abbiamo parlato in videochiamata, per circa 1 ora… accompagnandoci, ridendo con una certa tristezza, e rassegnazione, per niente quelle bugie e quei condimenti che offuscavano la realtà, tipici di chi ha tra le mani una verità per quarti. Scorticare tale intimità. In un modo così leggero e disordinato. A proposito di te Su di me.

Per fortuna sappiamo chi siamo. E quanto siamo fortunati a essere calmi. Solo noi conosciamo il percorso intrapreso. Solo noi conosciamo questa verità.

E questa benedetta comprensione profonda dell’altro, che non ha dato luogo a risentimento, rabbia.

Tutto ciò che è bello ti aspetta. Distribuisci quel magnetismo. Quella intelligenza. Quella capacità immensa. Quel potere, quindi tuo. Che calore dentro quel cuore. Ho sempre ammirato molto te. Non meriti che quelle parole che fluttuano tra alcune persone oggi siano quelle che ti definiscono.

Accetto tutto. Decido anch’io. Scelgo il perdono. E amore.

Il tempo e la vita lo diranno più tardi.

E calmati. Che nessuno può togliermi la forza che ho. Nemmeno tu. L’ho vista con i miei occhi. Più di una volta.”.

Incorporare

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Cambiamento di cambio pesante”: la scena emozionante tra Mariela Sotomayor e Camila Recabarren scatena meme sugli spettatori
NEXT Ángela Aguilar e Christian Nodal si baciano per la prima volta sul palco – El Financiero