Carlos Vives affronta un nuovo tour “nel momento più maturo” della sua carriera

Carlos Vives affronta un nuovo tour “nel momento più maturo” della sua carriera
Carlos Vives affronta un nuovo tour “nel momento più maturo” della sua carriera

Il cantante colombiano Carlo Vives prepara il tour che inizierà a luglio e lo porterà attraverso la Spagna “nel momento più maturo” della sua carriera, ed è felice della risposta che ottiene ovunque vada, perché “anche con culture che non parlano le stesse lingue, la musica ci unisce”.

Lo spiega in un’intervista all’EFE mentre definisce i dettagli del suo tour, pochi giorni dopo essere stato eletto Persona dell’anno 2024 dalla Latin Recording Academy, succedendo così a Laura Pausini, e appena dopo aver presentato in anteprima ‘Santa Marta’ , con il portoricano Luis Fonsi.

Potrebbe interessarti: “Non ho mai avuto nessun tipo di relazione con Olmedo López”: Wadith Manzur

Riguardo a questa canzone sottolinea come lui e Fonsi pongono la questione “perché non riesco a smettere di parlare della mia città”Santa Marta, e la collega ricordando “il grande rapporto” della Spagna con l’America Latina, poiché fu fondata dal sivigliano Rodrigo de Bastidas nel 1526, tanto che sono già immersi nelle celebrazioni del loro quinto centenario.

Pertanto per lui lo è “molto importante ed emozionante” inizierà il tour europeo il 10 luglio a Siviglia, nel sud della Spagna, per poi tappe a Calvià (isola di Maiorca nelle Baleari), Madrid, Marbella (Costa del Sol) e Valencia (est).

La sua storia d’amore con la Spagna

“Sono nel momento migliore, in un punto in cui capisco tante cose e molto meglio, e capisco sempre di più perché ho dovuto intraprendere questa strada della musica”dice il cantante colombiano, il quale assicura che la sua storia d’amore con il pubblico spagnolo è qualcosa che sente “fin dall’inizio, e sembrava qualcosa di molto naturale”molto al di sopra “una questione di marketing”.

Leggi anche: “Il mio governo non compra i deputati”: Petro sulla denuncia di Olmedo López

Questo non gli sfugge “la nostra musica caraibica o la nostra musica tropicale”all’arrivo in Spagna “non è andato oltre (le) Isole Canarie, a causa della cultura, dell’industria o altro”ma quando le loro canzoni cominciarono a diffondersi “Siamo entrati da Madrid, da Barcellona, ​​dai mercatini delle località dell’Andalusia, dove le versioni delle nostre canzoni venivano realizzate anche da gruppi andalusi”.

Ascolta ‘La gota frida’ in versione rumba “È il massimo”confessa Carlos Vives, che ricorda anche come Lola Flores “aveva un rapporto molto profondo con la Colombia”, e in un’occasione in un “Festa Vallanata” Ha ascoltato la canzone di Rafael Calixto Escalona “La casa en al aire” e il nativo di Jerez ha realizzato la sua versione.

Sorride soprattutto ricordando che il flamenco si nutre, in parte, di “cantare avanti e indietro”di cui le donne colombiane sono una delle principali esponenti, ed è sempre molto grata per il loro affetto al pubblico spagnolo: “L’opportunità che ci hai dato è stata molto importante per me”.

Potrebbe interessarti: Due veicoli e armi ritrovati dopo l’aggressione al figlio di Enilce López, primi indizi di un attacco armato

Un menestrello “come quelli di prima”

Nel 1993, Carlos Vives compilò diverse canzoni vallenato nel suo album ‘Clásicos de la Provincia’, con nuovi modelli di suoni moderni, e, improvvisamente, ‘La gota frida’ cominciò ad essere suonata in tutto il mondo, una canzone che rese il popolo spagnolo il è arrivato vallenatos, ma cerca di vederlo in prospettiva.

“Non intendevo essere il nuovo menestrello di vallenato, di quel contadino di provincia”dice, ma lo ricorda con affetto “quei menestrelli della provincia che portavano storie di città in città quando i dischi non venivano registrati”perché per lui “Il folklore, fondamentalmente, è questo”.

“Quando era per tradizione orale, le cumbias che si cantavano non erano destinate a fare canzoni da vendere” o per comparire negli elenchi di vendita, “o vincere il mercato spagnolo”ma piuttosto i vallenatos sono stati realizzati attraverso la tradizione orale, e questo è lo spirito che ha sempre voluto dare alla sua musica.

Leggi anche: Come un film!: Cronologia dell’attacco del commando contro il figlio di Enilce López

Con gli echi del successo della sua canzone con Luis Fonsi e le valigie quasi pronte, Carlos Vives affronta il suo nuovo incontro con il pubblico spagnolo con il tour ‘El rock de mi pueblo’, che, dopo le date in Spagna, lo porterà a Londra e successivamente in cinque città messicane.

EFE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Moria Casán ha rivelato perché non ha mai voluto andare in terapia
NEXT La stampa britannica rivela la fuga dell’Infanta Sofía (con altri reali) dopo l’anniversario della proclamazione