È morto all’età di 53 anni il regista del documentario Super Size Me

È morto all’età di 53 anni il regista del documentario Super Size Me
È morto all’età di 53 anni il regista del documentario Super Size Me

Nel 2019, Morgan Spurlock ha pubblicato il sequel Super Size Me 2: Holy Chicken, incentrato sul consumo di pollo fritto.

Il regista Morgan Spurlockche è stato nominato all’Oscar per il suo documentario fammi ingrassaremorto a 53 anni.

La sua famiglia ha riferito che Spurlock è morto per complicazioni dovute al cancro, accompagnato da tutti i suoi cari a New York.

“È stato un giorno triste quello in cui abbiamo salutato mio fratello Morgan. Ha dato tanto attraverso la sua arte, le sue idee e la sua generosità. Il mondo ha perso un vero genio creativo e un uomo speciale. Sono molto orgoglioso di aver lavorato al suo fianco“, ha detto Craig Spurlock.

Inoltre fammi ingrassareSpurlock ha diretto un documentario sulla caccia a Osama bin Laden e un concerto degli One Direction. Oltre a questo, è stato il conduttore della serie della CNN, Morgan Spurlock Dentro l’uomo.

fammi ingrassare È stato il suo primo lungometraggio e lo ha presentato in anteprima al Sundance Film Festival nel 2004, dove ha vinto il premio per la migliore regia, a cui si è aggiunto il premio della Screenwriters Guild of America per la migliore sceneggiatura di un documentario.

In esso rivela la sua esperienza mangiando i menu di McDonald’s per 30 giorni, con l’impossibilità di rifiutare l’opzione di “super ingrandire” il proprio ordine se fosse offerto dai lavoratori della catena di fast food.

In questo modo, ha mangiato le combo di McDonald’s a colazione, pranzo e cena, prendendo più di 11 chili e mostrando gli effetti che avevano sul suo corpo.

Nel 2019, Morgan Spurlock ha pubblicato il sequel Super Size Me 2: Santo Polloincentrato sul consumo di pollo fritto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV María Becerra: i primi ostacoli, quanto è difficile allontanarsi dai propri amori e come gestisce lo stress
NEXT Celine Dion ha pubblicato il documentario sulla sua grave malattia