Gala Alvear, la salnitro che fa moda e avvia un’attività con il proprio nome | Persone | Divertimento

Gala Alvear, la salnitro che fa moda e avvia un’attività con il proprio nome | Persone | Divertimento
Gala Alvear, la salnitro che fa moda e avvia un’attività con il proprio nome | Persone | Divertimento

Gala Alvear ha 24 anni, è originaria di Salitre e ha iniziato la sua attività di moda nel 2019.

Vendeva su ordinazione cinture e guaine, che andava a consegnare porta a porta insieme a Daniela, la sua figlioletta.

Dopo essere rimasta incinta a 18 anni, sto iniziando a curare molto di più il mio fisico. IO Ho usato queste guaine per poter ritornare alla mia vecchia figura e le persone che sono venute a casa mia a Daule, dove ho messo le extension alle ciglia, me lo chiedevano sempre da dove li ha presi e Cosa avevo fatto per perdere così tanto peso? se non fosse passato tanto tempo dall’ultima volta che aveva partorito”, ricorda la giovane.

“Ho viaggiato per tutta la Zona 8 nei fine settimana e ho consegnato i pacchi richiesti di casa in casa. Successivamente mio marito mi ha incoraggiata e ho aperto un account Instagram dove mi scrivevano da altre province. All’inizio mi rifiutavo di spedire fuori dalla mia città perché non volevo che qualcosa andasse storto, ma è arrivata la pandemia e ho dovuto adattarmi. Ero completamente nuovo in questo mondo.“, spiega il suo processo.

È nata così l’idea di commercializzare quel capo specifico che lo ha aiutato a ritrovare fiducia. Trovò successo nei cinturini e un anno dopo ampliò il suo catalogo e iniziò a integrare altri capi di abbigliamento.

“Decido di fare a esce l’armadio dei miei vestiti e li ho venduti come usati. È andata bene e mio marito mi ha suggerito di comprare nuovi vestiti e di aggiungerli alle guaine”, racconta.

È stata sua suocera a prestarle 100 dollari per acquistare vestiti online. “Ho pregato che tutto fosse venduto perché avevo molta paura di perdere la faccia con lei. Il primo acquisto è stato da Shein e ho venduto tutto. Poi ho portato Fornitori colombiani e da siti web come Nova di moda E Zaful poco a poco”, spiega.

Aveva già uno stile di abbigliamento definito, ma le guaine erano ancora e continuano ad essere sue Best seller. “Sono il mio mondo e il mio pane quotidiano. “Sono quelli che vendono meglio”, aggiunge ridendo.

Il tuo laboratorio

Attualmente ha un laboratorio dove si dedica alla produzione e alla progettazione di capi. Alla pari, studia Taglio e Sartoria presso il Centro Formazione Artigianale Silvia.

Iniziare a vendere vestiti con la mia etichetta è nato anche a causa della forte richiesta che avevo: i capi erano esauriti non appena caricavo le foto sui social network. “Ho avuto un problema molto serio perché avevo pieno clienti, ma non abbastanza prodotti. “Comprerei 50 o 60 vestiti, ad esempio, e finirebbero molto rapidamente.”

Ma è successo anche a causa dei commenti negativi che ha iniziato a ricevere. “Ho attraversato un momento di crisi. Non ho mai voluto esserlo influenzatore nemmeno conosciuto, volevo semplicemente che il mio marchio si distinguesse e lascia che sia ciò di cui la gente parla. Quando ho reso pubblica la mia vita, ho incontrato molte critiche”, dice.

C’erano persone che, quando ancora vendevo vestiti di Shein, dicevano che ne assumevo la proprietà e li spacciavo per miei. Ma non è mai stato così, perché li ho venduti ma erano arrivati ​​con la loro etichetta originale. “Non capivo quale fosse il problema se non avevo mai mentito”, dice.

Tutte queste opinioni l’hanno portata a voler chiudere il negozio e a dubitare delle sue capacità, perché si è resa conto che riceverle la influenzava e si è messa sulla difensiva. “Leggevo qualcosa di brutto, impallidivo e piangevo. Dovevo capire che se volevo andare avanti dovevo cambiare quel chip. Adesso guardo solo quelli belli, perché ce ne sono tanti”Egli afferma.

In questo modo, suo marito le ha suggerito di dare una svolta al negozio e di aprire un proprio laboratorio. “Ne abbiamo preso uno piccolo e abbiamo già realizzato il 50% dei nostri vestiti. Nel 2023 il team è cresciuto e ci siamo trasferiti in uno più grande, ora produciamo tutti i capi, dalla progettazione alla realizzazione”, chiarisce.

Oggi ci sono 22 persone che lavorano al fianco di Gala, che è stupito dalla rapidità con cui si sono espanse. “Non ricordo quando abbiamo acquistato così tante macchine, presentato così tante collezioni e come è cambiata l’intera routine del negozio”, aggiunge.

Abiti per stilizzare le curve

Da quando ha iniziato, Gala ha scoperto ciò che il suo marchio vuole trasmettere: che esistono abiti per donne curve come lei. “Cerco di offrire un luogo sicuro dove possiamo trovare abiti o top che ci lusingano. Questa è la mia cosa e non me ne allontanerò”, dice.

Gala di famiglia

“Come ho detto, All’inizio eravamo solo noi tre: mio marito, mia figlia ed io. Erano e sono presenti in tutto ciò che faccio”, spiega.

È un ingegnere elettrico e gestisce l’area amministrativa di Gala. In precedenza ha lavorato nell’azienda elettrica, azienda dalla quale si è dimesso per dedicarsi completamente all’azienda che ha costruito insieme a lei, la sua fidanzata dai tempi della scuola.

Gala sostiene di essersi già abituata a gestire allo stesso tempo anche la sua parte di madre. “La porto a scuola, la vado a prendere e lei mi accompagna sempre. Ma ci sono certi momenti del lavoro in cui non la coinvolgo per non farla annoiare”.

Quando era a scuola avrebbe voluto studiare Medicina o Pedagogia, ma è grato di non aver deciso lui per loro. “Ora sono felice, faccio quello che mi piace e questo mi ha dato opportunità incredibili, come poter dare un lavoro alla mia famiglia”, dichiara.

Gala in futuro

Puoi trovare i prodotti nel loro negozio online e nei loro punti vendita fisici nei negozi multimarca a Manta e Machala. Lei conferma con entusiasmo che è vicina all’apertura del suo primo negozio a Guayaquil.

“Siamo sulla strada giusta per realizzare il mio sogno di aprire negozi in posti come New York o la Spagna. “Voglio continuare a farlo finché non potrò più muovere un dito”, conclude. (E)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Nancy Dupláa ha sorpreso confessando chi è l’attore che bacia meglio nella narrativa argentina