Javier Calamaro ha rivelato chi è il famoso attore che lo ha aiutato a uscire dalla droga – GENTE Online

Javier Calamaro ha rivelato chi è il famoso attore che lo ha aiutato a uscire dalla droga – GENTE Online
Javier Calamaro ha rivelato chi è il famoso attore che lo ha aiutato a uscire dalla droga – GENTE Online

Javier Calamaro ha parlato a fondo delle sue dipendenze e ha rivelato che un attore famoso è stato fondamentale nel suo processo di recupero. Inoltre, ha ricordato come ha deciso di cambiare completamente il suo stile di vita.

Javier Calamaro nell’intervista rilasciata giorni fa a Vorterix.

Il racconto di Javier Calamaro sulle sue dipendenze

“Molto meglio che rinunciare allo spinello è rinunciare al mercato…” ha esordito Javier con brutale onestà in un’intervista al programma. Zona Liberata (Vorterix).

E riguardo al momento in cui ha deciso di cambiare completamente vita ha commentato: “Mi sono detto: ‘Non lo voglio per me‘. Quando smetti di prendere Falopa ti rendi conto che la vita non era così… La vita è ciò che accade dopo che smetti di bere“.

A questo proposito ha aggiunto: “Quello che succede è che prendere la merce è il contrario dell’amore per la vita perché ti raffredda. Ti raffredda l’anima…”

Riguardo a come è riuscito a liberarsi dalle sue dipendenze, ha commentato con entusiasmo: “Sai come ho smesso di bere? Sono diventato alpinista…”

Riguardo all’attore che lo ha accompagnato in questo processo, ha rivelato: “Un giorno andai a trovare Facundo Arana e gli dissi: “Voglio scalare l’Aconcagua con te”.. Quel giorno ho smesso e non l’ho più ripreso.”

Facundo Arana e Javier Calamaro hanno scalato insieme l’Aconcagua.

“Ho iniziato ad allenarmi e ad allenarmi. Non è così facile invertire tre decenni di vizi. L’alpinismo è il tuo corpo che resiste alla mancanza di ossigeno, al freddo, al cattivo sonno e al dolore…”, ha spiegato parlando dei passi che ha compiuto per allontanarsi completamente dalle droghe.

E infine, ha riflettuto: “Ciò implica migliorarsi e diventare una persona con il 100% del proprio potenziale. Ho fatto 30 montagne nel 2018 e l’ultima è stata l’Aconcagua.”

La riflessione di Javier Calamaro sugli impatti positivi dell’alpinismo

Qualche tempo fa il musicista ne aveva parlato La nazione di questa attività fisica che lo ha aiutato in tanti aspetti della sua vita.

E sulla profonda trasformazione che l’alpinismo ha generato in lui, aveva riflettuto: “Non ho una squadra di calcio e non ho la religione, perché? Se ho la musica, la famiglia e gli amici. Sai dove ho visto Dio? Nel corso del 2018 ho abbandonato praticamente tutto per dedicarmi all’alpinismo e migliorarmi”.

Riguardo a come ha vissuto quella forte esperienza, ha spiegato: “Quando sali la montagna e inizi a farti male fino al midollo, ti si rivolta lo stomaco e scopri quanti mal di testa puoi avere contemporaneamente, ma continui a salire. “Quando arrivi in ​​cima, è la cosa più vicina a Dio che abbia mai conosciuto in vita mia.”

Javier Calamaro e Facundo Arana in mezzo alla montagna.

Alla domanda su cosa volesse ottenere svolgendo questa ardua attività, ha commentato: “Auto-miglioramento, essere una versione migliore di me stesso. Semplice. Avevo trent’anni di Rock and roll…”.

Inoltre, aveva spiegato: “Ho visto come i ragazzi raggiungono la mia età, se non la raggiungono. “Prima l’ho tagliato, poi l’ho invertito e ho cambiato automaticamente la mia dieta.”

“Per alzare il Aconcagua Devi allenarti almeno due ore al giorno per un anno. Prima di quella salita devi fare tante altre montagne, vai in crescendo nel dolore. Devi imparare a non dormire a causa del disagio“Ha spiegato dell’allenamento impegnativo che ha dovuto fare per essere in forma per un viaggio del genere.

Maggiori informazioni in Persone

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Diego Ramos ha salutato il programma di Carmen Barbieri e ha raccontato le vere ragioni delle dimissioni
NEXT Dopo la separazione, Guillermina Valdés ha festeggiato il suo compleanno circondata da amici: “Regala amore, il resto è bomboniere”