La Giornata Internazionale del Jazz diventa una settimana di grandi recital

La Giornata Internazionale del Jazz diventa una settimana di grandi recital
La Giornata Internazionale del Jazz diventa una settimana di grandi recital

Antonio Hart e Mariano Loiacono si esibiranno martedì 30 aprile e mercoledì 1 maggio al Bebop Club

IL Settimana della Giornata Internazionale del Jazz si terrà da venerdì 26 aprile a mercoledì 1 maggio, con un programma completo di recital Club Bebop, situato a Uriarte 1658 (CABA). La serie musicale presenterà artisti ed ensemble acclamati, tra cui Suhel Jazz Quintetto, Valentino Jazz Bazar e Carrie Dianne Ward, Mariano Loiacono Grande Orchestra, Romina Fuchs Quartetto e archiil trio di Cirilo Fernández, Vertice dell’altalena e una performance speciale del sassofonista newyorkese Antonio Hart.

Lui Giornata internazionale del jazz è stato istituito dal UNESCO nel novembre 2011 e si celebra ogni anno il 30 aprile. Sotto la presidenza di Audrey Azoulay e l’eccezionale pianista Herbert Hancock, questa data vuole evidenziare il ruolo del jazz come ponte per il dialogo interculturale, promuovendo valori come la pace, la diversità e il rispetto dei diritti umani. La settimana al Bebop Club non solo rende omaggio a quest’arte, ma sottolinea anche la sua continua rilevanza come mezzo di unità ed espressione in tutto il mondo.

Per Mariano Loiacono il jazz è “il genere popolare che più ha trasceso nel mondo”

Venerdì 26 Suhel Jazz Quintetto aprirà il ciclo con un omaggio a Johnny Hartmannalle 20, a seguire uno spettacolo di Valentino Jazz Bazar e Carrie Dianne Ward alle 22:00 Sabato 27 alle 20 sarà la volta del La Grande Orchestra di Mariano Loiácono e domenica 28, dalle ore 19, Romina Fuchs Quartetto e archi renderà omaggio a George Gershwin. Domenica 28 alle 21:30 Cirilo Fernández Trio presenterà il suo nuovo album testardo e lunedì 29 alle 20:00 Lui Swing Summit Trio celebrerà il lavoro di Duca Ellington. La grande chiusura della settimana avverrà con l’esibizione del quintetto del sassofonista americano Quintetto di Antonio Hart -accompagnato soprattutto dal trombettista Mariano Loiacono– martedì 30 aprile e 1 maggio in doppia funzione (alle 20 e alle 22:45).

La celebrazione di Settimana Internazionale del Jazz In Club Bebop Buenos Aires riunisce esponenti di spicco del genere, che condividono la stessa passione e riconoscimento verso questa forma d’arte che ha segnato profondamente la storia e lo sviluppo culturale mondiale. Questa settimana si distingue non solo come un grande evento musicale ma anche come un momento chiave per riflettere sull’impatto e sull’evoluzione del jazz in più di un secolo di esistenza.

COSÌ, Mariano Loiacono sottolinea l’importanza di Giornata Internazionale del Jazz (IJD) come un’opportunità per “onorare la storia, il presente e il futuro” di questo genere. Loiacono, con il suo maestro e amico Antonio Hartpromette di offrire “due bellissime serate” all’insegna del jazz, contraddistinte dalla presenza e dalla collaborazione di musicisti internazionali come Ernesto, Gabriele e Sergioe con l’inserimento della Grande Orchestra. “Tornare al Bebop è sempre una gioia”ha affermato il trombettista, sottolineando il significato speciale di questo incontro annuale per gli amanti e i professionisti del jazz.

Venerdì 26 il Suhel Jazz Quintet renderà omaggio a Johnny Hartman

Suheldal canto suo, riflette sulla costante “magia” e sulle eredità che il jazz ha offerto nel tempo, sottolineando l’importante influenza di Johnny Hartmann, il quale, a suo avviso, “purtroppo solo dopo la sua scomparsa è riuscito a posizionarsi al posto meritato all’interno del genere”. Questa visione evidenzia come il jazz continui a offrire scoperte inaspettate che arricchiscono l’esperienza musicale e culturale.

Valentino fornisce un’altra prospettiva per valutare la Settimana Internazionale del Jazz come celebrazione della “famiglia di questo grande genere” e concentrandosi sul concetto di improvvisazione come contributo cruciale del jazz alla musica universale. Romina Fuchs condivide la sua eccitazione nel presentare un omaggio a George Gershwincombinando il jazz tradizionale con i quartetti d’archi per “far rivivere” la musica composta 100 anni fa e “collocarci in uno spazio, in un momento unico”.

Romina Fuchs e il suo quartetto più una sezione d’archi eseguiranno classici di George Gershwin

La diversità e la ricchezza dei partecipanti sono evidenti anche nella testimonianza di Cirilo Fernándezche rivela la presentazione musicale del suo ultimo album testardoe di Manuel Fragache presenta il suo spettacolo “Ciao, Duca!” in un omaggio a Duca Ellington. La percezione di Fraga del Giornata internazionale del jazz come “stimolo incredibile” per la diffusione globale del jazz evidenzia l’attualità e l’impatto di questa celebrazione.

Ognuno di questi artisti e gruppi porterà la propria visione e il proprio stile unici all’evento, dagli omaggi ai compositori leggendari alle performance originali che abbracciano una vasta gamma di influenze. I biglietti sono già in vendita e l’accoglienza del pubblico si preannuncia particolarmente entusiasta, ribadendo il valore del Bebop Club come punto d’incontro fondamentale per gli appassionati di jazz a Buenos Aires. Questo evento non solo garantisce una settimana ricca di spettacoli eccezionali, ma sottolinea anche l’importanza culturale del jazz e la sua capacità di unire le persone attraverso la sua ricca tradizione musicale.

[Fotos: Laura Tenenbaum; gentileza prensa Bebop Club]

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il momento difficile di Gladys La Bomba Tucumana per la salute del fidanzato: “È stanco di soffrire”
NEXT Il padre di Mane Swett è morto a 76 anni, mentre lei lotta per riavere suo figlio a New York Glamorama