Khalid El Paisano, esordiente stellare di ‘Marbella’: “Noi marocchini abbiamo un’immagine criminale, ma facciamo anche cose professionali”

Khalid El Paisano, esordiente stellare di ‘Marbella’: “Noi marocchini abbiamo un’immagine criminale, ma facciamo anche cose professionali”
Khalid El Paisano, esordiente stellare di ‘Marbella’: “Noi marocchini abbiamo un’immagine criminale, ma facciamo anche cose professionali”

Khalid El Paisano in una scena di ‘Marbella’ (Movistar Plus+)

“I veri cattivi sono in giacca e cravatta e gli altri cercano di guadagnarsi da vivere”, dice. Con una felpa di Hugo Boss e una borsa a tracolla di Louis Vuitton, Khalid El Paisano si fonde (anche se solo stilisticamente) con Yassim, il personaggio in cui interpreta Marbellala nuova serie di Dani de la Torre e Alberto Marini (Unità E L’Unità di Kabul) che sarà presentato in anteprima questo giovedì 2 maggio su Movistar Plus+. Esordisce come attore, “un dieci per me”, e nella sua presentazione ai media, nonostante sembri fare i conti con la fama da anni per la facilità con cui affronta l’intervista con Infobae Spagna. “Non gli do molta importanza”, dice a proposito della pomposità monetaria che circonda il suo personaggio e della finzione che ritrae l’ostentazione di Puerto Banús.

Un Patek Philippe a sei cifre, un debole per la stampa leopardata e il lusso. Molto lusso. Notti eterne e convenzioni che si chiudono nelle zone vip delle discoteche più esclusive, una sorta di conclavi papali in cui i delitti assumono un tono etico e morale. Sono come una sessione di cura della pelle per i criminali più ambiti dalla Costa del Sol. Esatto Marbellauna fiction che prende spunto da un articolo di Paese scritto da Nacho Carretero e Alberto Lezcano nel 2021 e intitolato Marbella, quartier generale mondiale della criminalità organizzataper parlare (in tono più leggero del solito nella fiction) di come la città andalusa ospiti i boss delle grandi mafie mondiali.

Potrebbe interessarti: Dora, la star atipica del clan Bosé: “Ho frequentato una scuola privata britannica per tutta la vita e volevo andare alla scuola pubblica di Malasaña”

Armi, droga e criptovalute: i criminali più ricercati d’Europa si bagnano nelle lagune dell’illegalità di Marbella, un loro ecosistema alimentato e protetto da avvocati e agenti di polizia che ballano con la corruzione. Yassim Si tratta di un olandese che sbarca nella città andalusa per portare a termine una gigantesca operazione in cui sono coinvolte diverse bande. Per diventare il nuovo re marbelli Assume César (interpretato da Hugo Silva), un avvocato con pretese di successo e reputazione che farà tutto il possibile per compiacere il suo cliente.

“Dani de la Torre mi ha dato un’opportunità e ne ho approfittato”dice, consapevole che il suo lavoro in Marbella Va oltre indossare una tuta Versace e innumerevoli catene d’oro. Il giovane rapper marocchino, cresciuto in Spagna e la cui famiglia vive a Tangeri, ricalca perfettamente l’accento olandese e ha il coraggio di un artista che esercita la professione da anni. “È stato un sogno”, ammette durante gran parte della sua intervista Infobae Spagna.

Ana Isabelle e Khalid El Paisano, attori di ‘Marbella’, la nuova serie Movistar Plus

“Tutti sanno che esistono”, ha ammesso Hugo Silva a proposito dei gruppi criminali organizzati che popolano quotidianamente Marbella. “Non è un posto dove operano, vanno a Marbella per riposarsi, divertirsi, spendere i loro soldi”ha ammesso in un’intervista a Infobae Spagna. Sebbene l’ecosistema di Puerto Banús operi liberamente dietro le quinte del turismo e del tempo libero locale, Khalid El Paisano non era estraneo a tutto ciò che stava accadendo (e sta accadendo) sulla Costa del Sol. I suoi versi sono stati uno specchio della realtà della città in cui vive.

“Nel mondo della musica si parla tanto, il rap nasce dalla strada”, ammette. “Ci sono molti film d’azione e di mafia, ma ora ne abbiamo parlato”, dice con la convinzione di chi svela la Stele di Rosetta. Marbella È “una serie che mostrerà la realtà di ciò che c’è”, oltre ad avere una massiccia base giornalistica e di ricerca. I creatori e gli attori della fiction hanno incontrato i personaggi che ogni giorno partecipano al pool criminale della città, storie che hanno incorporato nella serie e che forniscono al progetto un ulteriore livello di veridicità e brillantezza.

Potrebbe interessarti: Rozalén: “Trovo difficile ricevere elogi, dico sempre qualcosa di stupido che rompe la magia”

Khalid El Paisano in una scena di ‘Marbella’ (Movistar Plus+)

Il giovane musicista era conosciuto, fino ad ora, per le canzoni con cui descriveva la sua vita quotidiana, racconto che trasferisce nei titoli di testa di Marbella, dal momento che il suo creatore gli ha dato l’opportunità di fornire una colonna sonora per la serie. “Dani mi ha detto di fare una canzone, io ne ho fatte due e lei le ha prese entrambe”, dice emozionato. “Amava la musica”dice delle canzoni che ha composto durante le riprese delle scene di Yassim nel impostato. Per Khalid El Paisano, l’opportunità che gli è stata data è un’opportunità chiave per farlo “per rappresentare i miei, i ragazzi del mio quartiere, e mostrare loro che possono andare lontano”dice.

L’attuale attore e rapper ha acquisito i suoi valori attraverso la musica: “Veniamo tutti dal basso e io continuerò a essere il ragazzino del quartiere in cui ho iniziato a scrivere”, dice. “I ragazzi con cui mi alleno e con cui giocavo a calcio da bambino, sono molto contenti della serie”, spiega. E che “ancora non lo sanno”. Le tue barre appariranno in ogni capitolo di Marbella.

“Veniamo tutti dal basso e io continuerò ad essere il ragazzino del quartiere in cui ho cominciato a scrivere”

Potrebbe interessarti: Candela Peña: “Fantastico che la gente ricordi Rosario Porto con la mia faccia”

Oltre a dimostrare ai suoi amici d’infanzia che ogni sogno è possibile, Khalid El Paisano vuole “ripulire” “l’immagine” dei marocchini in Spagna, il Paese in cui vive e dove è cresciuto. “Abbiamo un’immagine un po’ criminale, come se fossimo i cattivi, ma facciamo anche cose professionali”, dice con forza. “Siamo nel mondo del cinema, vogliamo andare lontano e ripulire l’immagine che alcuni appannano”conclude.

Trailer di ‘Marbella’, la nuova serie originale Movistar Plus.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Affermano che Britney Spears avrebbe avuto un esaurimento nervoso
NEXT Il padre di Mane Swett è morto a 76 anni, mentre lei lotta per riavere suo figlio a New York Glamorama