Antonella Menem ha risposto a Zulema Yoma

Antonella Menem ha risposto a Zulema Yoma
Antonella Menem ha risposto a Zulema Yoma

“Ne ho parlato molte volte nell’Associazione di mio padre e (Zulema Yoma). Ha già contestato la maternità di mia madre e ha detto che mia madre non era mia madre.. E nel fascicolo Sembra che lei dica che non sono la figlia di mio padre ma che potrei essere la figlia di mio nonno“, aggiunse la donna.

“Mi ha sempre fatto male il fatto che non volesse nemmeno sedersi e prendere un caffè. Anche se dice che non le è mai piaciuto che io esponessi sui media il modo in cui esco per difendermi dalle cose che mi feriscono, sia da parte sua che di mia zia , cosa che non posso menzionare a causa di qualcosa di legale tra noi due,” ha detto.

Ancora una volta, la figlia legalmente riconosciuta di Carlos Menem Jr. ha spiegato come è arrivata al punto in cui poteva usare il cognome paterno: il percorso è iniziato quando aveva 7 anni e ha visto Zulema Yoma e Zulemita Menem per la prima – e forse unica – tempo, che erano tra i parenti con i quali il loro DNA era abbinato.

Il DNA è stato fatto con lei, con Zulema, con sua figlia, c’erano anche Emir Yoma e mio nonno.. E uno dei motivi per cui ho sempre pensato e sperato che mia nonna cambiasse con me è perché mi è rimasta l’immagine di lei quando sono andata a fare il DNA, e mia zia ha detto che non era necessario fare il DNA DNA. Che ero proprio come Carlitos. E non ricorderò mai che Zulema mi abbracciò forte e pianse per me”, ha ricordato Antonella.

Il test del DNA è stato effettuato con i parenti di Carlos Menem Jr. perché Zulema Yoma sosteneva che il corpo che aveva seppellito non era quello di suo figlio. Quindi, Antonella era la presunta figlia postuma di un uomo i cui problemi restavano ancora da risolvere.

So che lui ha perso un figlio, ma io ho perso un padre che non potevo conoscere e che avevo bisogno di avere al mio fianco come figlia. Mi ha fatto molto male che lei, avendo lottato per conoscere la verità, non volesse avere quel pezzettino di suo figlio di ciò che restava di lui qui.. Non mi ha mai dato l’opportunità come nipote di stare con lei, di conoscermi e dirmi “Ciao, sono ciò che resta di tuo figlio”. Datemi un abbraccio, ne ho bisogno anch’io'”, ha detto Antonella.

“Il DNA è stato fatto con mio nonno, con mia zia, con Zulema e con Emir Yoma. E ha rivelato il 99,9% di nonni, il che significa che dovrebbe essere chiaro che è nel fascicolo”, ha aggiunto in un altro punto del parlare.

Incorporare

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Festival del cinema giapponese online: quando, dove e come guardare GRATUITAMENTE i film e le fiction dell’evento
NEXT “Sei andato al funerale di mia figlia…”: Daniella Campos ha fermato Nicole Moreno dopo dure minacce