Il regista di “Furiosa” ha fatto riferimento alla polemica sul poco testo di Anya Taylor-Joy nel film

Il regista di “Furiosa” ha fatto riferimento alla polemica sul poco testo di Anya Taylor-Joy nel film
Il regista di “Furiosa” ha fatto riferimento alla polemica sul poco testo di Anya Taylor-Joy nel film

Anya Taylor-Joy aveva appena 30 righe di dialogo nel film “Furiosa”, il prequel di “Mad Max: Fury Road” (Warner Bros.)

Il regista australiano Giorgio Miller ha rivelato che l’attrice protagonista Anya Taylor-Joy aveva in giro 30 righe di dialogo nella tua nuova storia epica Furiosa: una saga di Mad Maxprequel dell’acclamato Mad Max: Furia Strada del 2015.

In un’intervista con Il quotidiano TelegraphMiller ha spiegato che preferisce “cinema puro” senza bisogno di sottotitoliispirato alle opere mute di Buster Keaton E Charlie Chaplin. “Il problema con il dialogo la cosa è tende a rallentare le cosee il cinema è un mezzo che spesso si apprezza meglio ad alta velocità”, ha dichiarato.

Anche se ha riconosciuto che le poche righe di Taylor-Gioia Saranno sicuramente argomento di conversazione quando Furioso verrà rilasciato il prossimo Festival del cinema di Cannes.

Mentre il mondo crolla, la giovane Furiosa viene rapita dal Luogo Verde delle Molte Madri e cade nelle mani di una grande orda di motociclisti guidata dal signore della guerra Dementus. (Warner Bros.)

Il nuovo film copre 15 anni dei primi anni di vita dell’eroina titolare, dal rapimento infantile a una guerra tribale su vasta scala. Miller ha notato di aver concepito Furiosa e Via della Furia contemporaneamente negli anni 2000, inizialmente come storie orali per il cast prima di essere trasformate in sceneggiature.

“All’epoca, mi sentivo come se stessi imparando a raccontare storie. Ora sto cercando di capire perché raccontiamo storie“, riflette il regista 79enne, che ha diretto film tanto diversi quanto Piedi felici E Le streghe di Eastwick.

Quando si è trattato di realizzare questo film, il regista ha insistito per girare le scene praticamente invece di ricorrere agli effetti visivi generati dal computer. “Abbiamo dovuto capire come farlo, perché il cervello è molto bravo a comprendere la fisica. Se i movimenti di questi veicoli non sono del tutto autentici, è meno probabile che il pubblico acquisti il ​​resto“Lui ha spiegato.

Il regista George Miller ha spiegato di preferire il “cinema puro” senza dialoghi, ispirato alle opere mute di Keaton e Chaplin (Warner Bros.)

La soluzione è stata quella di costruire un’enorme struttura di impalcatura su ruote che si muovesse accanto al convoglio di veicoli, con droni appesi a corde manovrabili. Così, sono stati realizzati veri e propri attacchi aerei con paracadutisti, alianti e aquiloni che bombardavano i camion.

Miller ha parlato anche della presunta tensione durante le riprese Mad Max del 2015 tra Tom Hardy E Charlize Theron, che interpretavano rispettivamente Max e Furiosa. “Erano due artisti molto diversi. Hardy ha un lato danneggiato ma anche uno splendore che ne deriva, e qualunque cosa gli stesse accadendo in quel momento, è stato necessario toglierlo dal rimorchio. Mentre Charlize era incredibilmente disciplinata ed era sempre la prima sul set“, ha ricordato.

Il regista australiano ha sottolineato di aver avuto un precedente colloquio con Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth riguardo “l’importanza di riprese fluide e sicure” (Warner Bros.).

Nonostante gli attriti, il regista è ottimista: “Ho visto il loro comportamento come un riflesso dei loro personaggi, dove hanno dovuto imparare a cooperare per garantire la sopravvivenza reciproca. Non ci sono scuse per questo, e penso che ci sia la tendenza in questo settore a usare le grandi performance come scusa per altre interruzioni che potrebbero essere evitate”.

Prima delle riprese Furiosoil direttore ha avuto un colloquio preventivo Anya Taylor-Gioia E Chris Hemsworthche interpreta il leader di un culto motociclistico, sull’importanza di riprese fluide e sicure, sia fisicamente che psicologicamente.

“Dovevamo capire come farlo, perché il cervello è molto bravo a comprendere la fisica”, ha spiegato Miller girando le scene praticamente (Warner Bros.)

“Non è più come ai vecchi tempi”, ha avvertito il regista. “Devi essere ossessivo riguardo alla sicurezza fisico man mano che le riprese avanzano e la stanchezza comincia a farsi sentire, ma anche sicurezza psicologica”.

Furioso segna il ritorno di Miller nella remota città mineraria di Broken Hill, nel Nuovo Galles del Sud, dove ha girato MadMax2 negli anni ’80. Questa volta, la sua squadra arrivò a contare un migliaio di persone, ma il paesaggio arido era ancora l’ideale per il mondo post-apocalittico del franchise.

Miller ha concepito “Furiosa” e “Fury Road” contemporaneamente negli anni 2000 come storie orali prima di trasformarle in sceneggiature (Warner Bros.)

Il regista ha notato che quando arrivò per la prima volta nel 1981, non ha ricevuto un caloroso benvenuto dalla comunità mineraria sindacalizzata. “Alla fine li abbiamo convinti”, ha detto del suo approccio iniziale. La sua squadra ha riproposto una vecchia miniera per rappresentare Bullet Farm, uno dei pochi insediamenti nella Terra Desolata.

“Era quasi perfetto come l’abbiamo trovato. Tutto quello che dovevamo fare era aggiungere una postierla (cancello secondario)”, ha detto Miller.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il braccialetto mestruale è arrivato ai Gardel Awards 2024: il simbolo della salute globale era presente per sensibilizzare
NEXT Live capitolo 40 Challenge 2024: arrivano i nuovi sfidanti della settimana e una squadra viene punita