Il Café Tacvba lancia l’inno per gli immigrati ‘La bas(e)’: ascoltatelo qui

Persia Campbell

I Café Tacvba hanno pubblicato mercoledì (22 maggio) “La bas(e)”, la loro prima uscita in sette anni dopo l’ottavo album in studio, Jei Beibi. La nuova canzone è stata coprodotta dalla band messicana e dal loro collaboratore vincitore del Grammy, Gustavo Santaolalla.

Esplorare

Esplorare

Guarda gli ultimi video, grafici e notizie

Guarda gli ultimi video, grafici e notizie

Il singolo presenta ritmi rock tonificanti che combinano una chitarra elettrica Fender e una risonante, creando un suono elettrico.vibrante che stona con il dinamismo della batteria. I testi, con consapevolezza sociale, esprimono solidarietà agli immigrati. “Rotolarsi e rotolarsi/ Cercare un posto dove lavorare/ Notte e giorno, giorno e notte/ Nessuno è illegale, il mondo è la nostra casa”, canta il cantante dei Tacvba Rubén Albarrán.

Secondo un comunicato, “La bas(e)” difende i temi di “unità, libertà, fraternità e uno stile di vita sicuro per gli immigrati, eliminando le frontiere”, mentre “sogna un mondo in cui tutti gli esseri umani si prendano cura gli uni degli altri”. .” Il ritornello (“1, 2, 3 per te, 1, 2, 3, per me”) è ispirato a un popolare gioco per bambini messicano.

Servendo come anteprima del loro prossimo tour negli Stati Uniti con i Caifanes, la canzone porterà la band in luoghi iconici come l’Hollywood Bowl a Los Angeles e il Central Park SummerStage a New York. Per vedere tutte le date del tour, clicca qui.

Il bassista Quique Rangel ha condiviso con Cartellone spagnolo il messaggio scioccante di “La bas(e)”: “Durante i nostri tour negli Stati Uniti nel corso degli anni abbiamo incontrato persone del nostro paese e di altri paesi del sud [de la frontera] che hanno deciso di cercare opportunità per prosperare, vivendo e lavorando in quel territorio, i loro figli e le loro famiglie”.

“Nei nostri concerti scopriamo che il nostro popolo festeggia con la nostra musica, quella che ci ha permesso di accompagnarlo durante le riprese e le riprese in terre che non sono più così strane”, continua. “’La bas(e)’ è il posto sicuro dove non si perde.”

Sostenitori di lunga data della diversità culturale e della giustizia sociale, i membri del gruppo Albarrán, Emmanuel del Real, Enrique e Joselo Rangel usano la loro musica e la loro presenza pubblica per combattere le disuguaglianze e difendere gli emarginati.

Quest’anno festeggiano il loro 35° anniversario. Ascolta “La Bas(e)” di Café Tacvba qui sotto:

Locandina di YouTube
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Evaluna e Camilo hanno rilasciato per la prima volta un’intervista insieme in televisione e hanno parlato di Amaranto, il loro figlio non ancora nato
NEXT Il film vincitore del BAFICI 2024 sarà presentato in anteprima a Buenos Aires