Chris Hemsworth riceve la sua stella a Hollywood con Elsa Pataky e le battute degli attori di ‘Avengers’: “È il secondo miglior Chris”

Chris Hemsworth riceve la sua stella a Hollywood con Elsa Pataky e le battute degli attori di ‘Avengers’: “È il secondo miglior Chris”
Chris Hemsworth riceve la sua stella a Hollywood con Elsa Pataky e le battute degli attori di ‘Avengers’: “È il secondo miglior Chris”

Chris Hemsworth sulla Hollywood Walk of Fame con Elsa Pataky

È stato un hacker esperto, l’assistente di un cacciatore di fantasmi, un pilota di Formula 1 o addirittura il dio del tuono. A 40 anni, potrebbe sembrare che l’attore Chris Hemsworth abbia raggiunto tutto ciò che si era prefissato, ma gli mancava un riconoscimento che è sempre la ciliegina sulla torta per qualsiasi attore di Hollywood: una stella sulla Walk of Fame. Non è del tutto facile ottenerlo, ma negli ultimi anni sono stati diversi i grandi attori del nostro tempo che ci sono riusciti: i defunti Carrie Fisher E Ray Liotta, Willem Dafoe O Marco Ruffalotra gli altri.

Proprio quest’ultimo, socio e grande amico di Hemsworth, era presente alla cerimonia della stella insieme a tanti altri colleghi del performer australiano. Sia Ruffalo che altri attori di I Vendicatori COME Robert Downey Junior. O Chris Evans erano presenti, oltre all’attrice spagnola e alla moglie di Hemsworth, Elsa Pataki. Inoltre, gli attori dell’universo Marvel hanno colto l’occasione per descrivere Hemsworth a modo loro, lasciandogli ovviamente qualche messaggio scherzoso di tanto in tanto.

Potrebbe interessarti: Recensione | “Furiosa: Dalla saga di Mad Max”, un rullo compressore di azione incendiaria

“Cos’è Chris Hemsworth?”, ha chiesto Downey Jr., a cui ha risposto ciascuno dei membri del gruppo. I Vendicatori originali. “Assurdamente, fastidiosamente incredibile”direbbe Jeremy Renner, ormai ripresosi dall’incidente. “Un amico dal lavoro”Aggiungerebbe Mark Ruffalo. Scarlett Johansson, dal canto suo, ha scherzato dicendo che era “un’attrice protagonista sensibile”. Il culmine sarebbe un Thor inseparabile come Capitan America, che lo battezzerebbe come “secondo miglior Chris”, poiché Chris Evans si considera il primo.

Già facendo sul serio, l’attore Hombre de Hierro Ha servito come maestro di cerimonie e ha tenuto il discorso al ricevimento di Hemwsworth. “Ho scritto io stesso tutti i miei commenti, quindi saranno piuttosto penetranti e brillanti. Al di là del mantello e del martello c’è un contagioso fascino australiano. Sei un essere umano straordinario. È una leggenda. È difficile descrivere Chris. È molto sfuggente a causa della sua graziosa confezione. Tuttavia, ad un esame più attento… in fondo… hai una vera intelligenza e una profondità d’animo ed è stato un sincero piacere conoscerti. “Mantieni noi gente di Hollywood con il fiato sospeso perché sei reale”, ha detto Downey Jr.

Chris Hemsworth sulla Hollywood Walk of Fame

L’attore recentemente vincitore dell’Oscar per Oppenheimer Nel suo discorso ha anche menzionato la première dell’ultimo film di Hemsworth, Furiosa: dalla saga di Mad Max. Perché l’attore si è imbarcato in una nuova avventura oltre l’universo Marvel, in cui resta da vedere come proseguirà il personaggio di Thor. Nel frattempo, l’australiano ha scambiato martello e mantello con le auto del deserto che hanno già fatto parlare di sé Mel Gibson e più tardi a Tom Hardy con Mad Max: Furia Strada.

Accompagnato da Anya Taylor-Gioia, Hemsworth interpreterà Warlord Dementus, un personaggio potente e imponente quanto Thor ma molto lontano in termini di personalità. Un uomo malvagio e completamente pazzo, che trascinerà la giovane Furiosa in una guerra tra clan per prendere il controllo del deserto e rovesciare Immortan Joe. E un ruolo in cui Hemsworth è del tutto irriconoscibile, con un naso protesico che gli cambia completamente aspetto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV È apparso un video controverso di Juliana che rompe l’isolamento e le prove scandalose avrebbero costretto il Grande Fratello a rimuoverla, qualunque cosa accada.
NEXT ‘Testamento’: Denys Arcand dice addio con una satira reazionaria contro il ‘woke’ | Cultura