La frase di Chris Hemsworth in ‘Furiosa: From the Mad Max Saga’ uscita da una corrida a Barcellona: “Ho pensato che fosse qualcosa di magnifico”


Quando la telecamera smette di registrare e FOTOGRAMAS si prepara a lasciare il suo spazio nella camera d’albergo di Londra dove si svolgono le interviste per ‘Furiosa: From the Mad Max Saga’, George Miller si scusa con il team tecnico e dice “Potrebbe richiedere più tempo di quanto avevamo previsto, ma Devo spiegare una piccola storia che mi sembra importante..

All’inizio del nostro incontro, il dottor Miller – perché prima di dirigere ‘Mad Max’ nel 1979, che per anni è stato il film più redditizio della storia con oltre 100 milioni di dollari raccolti su un budget di poco più di 300.000, George Miller era un medico d’urgenza in un ospedale di Sydney – aveva sentito con interesse che chiunque avesse firmato questo si era immerso nella saga del deserto di Max Rockatansky noleggiare la VHS delle prime tre rate, fine settimana dopo fine settimana, presso il videonoleggio della cittadina a un’ora da Barcellona dove viveva.

Immagini Getty

Adesso è toccato a Miller spiegare la sua storia: “Vivi ancora a Barcellona? L’ho visitata molti anni fa e ho pensato che fosse una città fantastica. Prima ero stato a Madrid, dove un signore che lavorava per la Warner mi faceva da guida. Juan, si chiamava. Non ricordo il tuo cognome, mi spiace. Mi ha portato a uno spettacolo di flamenco, ma vero, non per turisti., dice. “E a Barcellona mi portò a una corrida, che è uno spettacolo completamente diverso e di cui non ho capito quasi nulla,” ride ricordando un evento che, necessariamente, doveva accadere prima del 25 settembre 2011, data in cui si è svolta l’ultima corrida a Barcellona dopo un decreto della Generalitat della Catalogna all’inizio dell’estate 2010 li ha vietati. “A un certo punto”, spiega Miller, “dopo che tutti tra il pubblico hanno preso dei fazzoletti bianchi e hanno iniziato a sventolarli, hanno rimosso uno dei tori dall’arena e lo hanno graziato. Pensavo fosse una cosa meravigliosa che avessero perdonato il toro per il suo coraggio, ma Juan mi disse che non andava affatto bene, perché sarebbe morto senza onore.”

Warner Bros.

“Immagino che abbia visto che ancora non capivo niente,” continua George Miller, “che non avevo ben capito il codice d’onore, la mistica o il rituale dietro ad esso. E poi Juan mi ha detto qualcosa che mi è rimasto impresso.” testa: “Tutto ciò di cui una corrida ha bisogno per essere qualcosa di unico è che il matador e il toro siano uguali tra loro.” Mi sembrava qualcosa di magnifico, quel legame necessario tra due rivali, tra due esseri condannati a confrontarsi. Per tutto quel tempo l’ho tenuto qui, aspettando di trovare un modo per usarlo in un modo o nell’altro e alla fine ho trovato un modo: L’ho usato nel discorso che Dementus rivolge a Furiosa alla fine del film… cambiando il toro e il matador con i due bastardi che Chris Hemsworth menziona nel suo monologo, ovviamente. Ma l’origine, non so se è rispetto, ma quella connessione, quel legame di sangue tra questi due personaggi, questi due eroi a modo loro, viene da lì.”

pazzo furioso max
Warner Bros.
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Luminosità, trasparenze e glamour: da Pampita a Juanita Tinelli, i look che hanno abbagliato al Teatro Colón
NEXT La drammatica rivelazione di Mercedes Oviedo: “Ho passato 9 giorni ricoverata nell’Unità Coronarica”