Il regista di “Super Size me” muore di cancro all’età di 53 anni

Il regista di “Super Size me” muore di cancro all’età di 53 anni
Il regista di “Super Size me” muore di cancro all’età di 53 anni

Il regista americano Morgan Spurlock, noto per il documentario ‘Super Size Me’ (2004) in cui ha mangiato tutti i giorni al McDonald’s per un mese, è morto giovedì all’età di 53 anni a causa di “complicazioni derivate dal cancro”, ha riferito la sua famiglia. questa settimana.

“È stato un giorno triste quello in cui abbiamo salutato mio fratello Morgan. Ha contribuito tantissimo attraverso la sua arte, le sue idee e la sua generosità. Il mondo ha perso un vero genio creativo e un uomo speciale”, ha dichiarato suo fratello Craig Spurlock, che ha lavorato con Morgan su vari progetti.

Spurlock ha ottenuto il riconoscimento internazionale dopo il rivoluzionario “Super Size Me”, che ha ricevuto una nomination all’Oscar, ha aperto il dibattito sui problemi alimentari e sui rischi dell’abuso di fast food negli Stati Uniti e funge ancora da strumento educativo nelle scuole e negli istituti di tutto il paese. .

Il documentarista, originario del West Virginia, ha filmato la seconda versione del suo pezzo audiovisivo premio Oscar, intitolato “Super Size Me 2: Holy Chicken” (2019), concentrandosi sulle pressioni delle grandi catene di fast food sui piccoli allevamenti di pollame a conduzione familiare , ma questa seconda puntata non è stata così ampiamente accettata.

L’eredità di Spurlock condensa decine di progetti in cui ha affrontato questioni controverse per la società americana che includevano il lavoro della popolazione migrante (’30 Days’), la guerra in Afghanistan (‘Dove diavolo è Osama Bin Laden?’), il potere del marketing nel sistema capitalista (“Il più grande film mai venduto”) e la moda delle modifiche corporee (“7 Deadly Sins”), tra gli altri.

La scommessa di Spurlock, secondo i suoi parenti, è sempre stata la stessa: “sfidare senza timore le convenzioni moderne usando umorismo e arguzia per far luce sui problemi”, si legge nel comunicato.

Attraverso la sua società di produzione Warrior Poets, Spurlock ha anche sviluppato dozzine di serie televisive trasmesse a livello nazionale negli Stati Uniti per più di 13 anni.

La famiglia di Spurlock ha chiesto nella sua dichiarazione di venerdì che coloro che lo desiderano possano fare donazioni all’American Cancer Society – Hope Lodge (New York) “in onore di Morgan”.

  • Per saperne di più su ciò che sta accadendo nel mondo della scienza e della cultura, unisciti alla nostra comunità Cultívate, la newsletter di El Mostrador su questi argomenti. Iscriviti gratis QUI.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Il film vincitore del BAFICI 2024 sarà presentato in anteprima a Buenos Aires