In Atlas, su Netflix, Jennifer Lopez combatte l’intelligenza artificiale e salva l’umanità senza battere ciglio

In Atlas, su Netflix, Jennifer Lopez combatte l’intelligenza artificiale e salva l’umanità senza battere ciglio
In Atlas, su Netflix, Jennifer Lopez combatte l’intelligenza artificiale e salva l’umanità senza battere ciglio

È chiaro che Netflix scommette e prende sul serio la fantascienza nel 2024. Due film con due star lo confermano. Prima è stato Adam Sandler, con i deboli L’astronautaE ora lo è Jennifer Lopez con Atlanteuna realizzazione più orientata all’azione pura che alla filosofia di vita.

Perché questo e nient’altro lo è Atlante. Un film di fantascienza e d’azione, in cui ci sarà un combattimento “corpo a corpo”, se si può dire, tra umani e robot.

Perché ciò che il movimento pone Atlanteche è il nome del personaggio di Jennifer Lopez, è una guerra totale tra umani e robot, creati e migliorati dall’intelligenza artificiale.

JLo è nel presente (anno 2174) un analista di dati (“rigido e ostile”, dicono) che vuole bere un caffè forte con molto zucchero, forse per addolcire una vita piena di traumi.

Atlas è stata allevata da sua madre insieme a un robot, che è quello che si ribellerà anni dopo. Foto Netflix

Sua madre, Val (Lana Parilla), aveva sviluppato il primo essere dotato di intelligenza artificiale, Harlan (Simu Liu, da Shang-Chi e la leggenda dei dieci anelli E Barbie), quando Atlas era solo una ragazzina. La madre ha cresciuto Harlan e Atlas “insieme”, ma la ragazza si è presto resa conto della preferenza della madre per il robot.

Passano gli anni e Harlan diventa, dal nulla, il capo di una rivoluzione ribelle, che fraintende il significato del suo creatore e con tutti i dispositivi di Intelligenza Artificiale a disposizione vuole spazzare via l’umanità.

O con una parte di esso, come si vedrà nelle due lunghe ore che dura Atlante.

L’azione si svolge nel futuro, nell’anno 2174.

Nella galassia di Andromeda

Com’è? Harlan lasciò la Terra e si stabilì su uno strano pianeta, come abbiamo detto, nella galassia di Andromeda, che a Rosario sembra Buenos Aires. Ma qui, sulla Terra del futuro, c’è un’organizzazione che riunisce tutti i paesi – no, non si dice quali, è stata inclusa la Russia – che cattura Casca (Abraham Popoola). È allora che il Generale Jake Boothe (un Mark Strong sempre in bilico, senza la follia del suo personaggio nel primo Shazam!) chiede ad Atlas di entrare nel cervello di Casca per scoprire dove diavolo si nasconde Harlan e, alla fine, eliminarlo.

Atlas, che ha poche pulci, a questo punto vuole viaggiare per uccidere il suo fratellastro Harlan, ma il colonnello Elias Banks (Sterling K. Brown, che non è un bastardo anche se viene letto in quel modo) prima non la vuole. in missione, ma poi sì, perché altrimenti non ci sarebbe il film.

Simu Liu (“Shang-Chi” e “Barbie”) è Harlan, il robot.

Il fatto è che Atlas non vuole avere niente a che fare con l’entrare in uno degli ingombranti robot di intelligenza artificiale, perché perché funzioni deve esserci un “collegamento neurale” tra uomo e macchina. COME? Con dispositivo vicino all’orecchio.

C’è molto combattimento, molta distruzione, troppo eroismo nei ranger, ma il fatto è che la mancanza di idee finisce per giocare contro il film. Tutto è una lotta, Jennifer generalmente appare arrabbiata, e quindi sola, a condurre il film e in piedi sulle spalle c’è l’attrice e cantante.

Jennifer Lopez soffre per quasi tutto il film.

Sì, proprio come il suo personaggio, che deve salvare l’umanità in una produzione in cui tutto è d’effetto e artificioso, come tanto, tantissimo green screen e quasi nessuna ambientazione reale. È, in questo fine settimana freddo, per passare il tempo chiacchierando sul divano del salotto o a letto.

Fantascienza/Azione. Stati Uniti, 2024. 118′, SAM 13. Di: Brad Peyton. Con: Jennifer Lopez, Simu Liu, Sterlin K. Brown, Mark Strong, Abraham Popoola. Disponibile in: Netflix.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I 4 segni che riceveranno un regalo da un milione di dollari entro il 30 giugno grazie all’Universo
NEXT Drago di Legno: questo è il segno che riceverà novità inaspettate nella restante parte di giugno, secondo l’astrologia orientale