La storia del mantello del film più corrida di Sharon Stone

La storia del mantello del film più corrida di Sharon Stone
La storia del mantello del film più corrida di Sharon Stone

María del Mar Domínguez |

Málaga (EFE).- Qualche anno prima che Sharon Stone diventasse famosa nel mondo grazie a ‘Basic Instinct’ (1992), girò ‘Blood and Sand’ in Spagna. Uno degli oggetti di scena di quel film conserva per 35 anni un mantello firmato dall’attrice americana, che trovava “affascinante” e “molto divertente”.

L’attore e cantante José Ricardo Truchado, attualmente 61enne, aveva vent’anni quando lavorò come scenografo in questo film diretto da Javier Elorrieta, che racconta il dilemma di un torero di umili origini (Christopher Rydell) diviso tra l’amore per sua moglie (Ana Torrent) e un ricco allevatore (Sharon Stone) con il quale ha una relazione appassionata.

Sharon Stone aveva già girato ‘King Solomon’s Mines’ o ‘Police Academy’, ma “non era così famosa”, poiché ha ricevuto riconoscimenti con ‘Total Challenge’ (1990) e ‘Basic Instinct (1992), entrambi diretti da Paul Verhoeven . Durante la registrazione di “Sangre y arena”, interamente in inglese, Truchado assicura all’EFE di aver stretto una “buona amicizia” con l’attrice, con la quale il trattamento è stato “molto amichevole e intimo”.

“Al lavoro era tutto molto serio” ma poi afferma che l’interprete (Pennsylvania, 1958) lo “cercava sempre per fare una passeggiata” in giro per la città. A Jerez de la Frontera (Cadice), loro due e un traduttore si recarono in una discoteca davanti all’hotel: Sharon “era simpatica e ballava, molto divertente”, ricorda.

Un oggetto da collezione

Quando rimaneva poco tempo per finire le riprese, Truchado, che ora vive a Marbella (Málaga), ha chiesto a Pedro Palomo, un torero semi-in pensione che lavorava come consulente per la corrida, di vendergli un mantello utilizzato nel film, firmato da Sharon Stone, Javier Elorrieta e altri colleghi del team tecnico.

Figlio dell’attore cinematografico, produttore e sceneggiatore spagnolo José Truchado, José Ricardo ha trascorso tutta la sua vita nel mondo dello spettacolo, dove ha svolto anche lavori di produzione e regia.

Anche se ha smesso di lavorare dietro le telecamere tre decenni fa, ha “mantenuto il mantello per tutti questi anni”. Ora, “un po’ seccato fisicamente e finanziariamente”, ha deciso di metterlo all’asta sul portale di Malaga Todocoleccion.net.

Anche se manca un certificato di autenticità, presenta “alcune macchie di sangue” ed è “un po’ scolorito in una zona”, il mantello firmato dal team di ‘Blood and Sand’ è generalmente in buone condizioni. Il prezzo di partenza delle offerte in questo mercato del collezionismo è di 300 euro, anche se “la cosa logica” è che qualcuno paghi di più, confessa.

Il mantello potrebbe interessare sia i seguaci dell’artista, una delle icone sessuali degli anni ’90, sia gli appassionati di cinema o gli appassionati del mondo della corrida.

Nelle foto presenti sul portale Todocoleccion si possono vedere nella parte centrale della fodera gialla la scritta ‘Blood and sand’, nome inglese del film, insieme alla data settembre 1988 e più di venti firme, tra cui l’autografo di Sharon Pietra con due cuori e una stella.

L’impronta della corrida

Queste riprese, in cui Truchado coincise anche con Antonio Flores (1961-1995), gli permisero per la prima volta di vedere da vicino un toro da corrida e di comprendere il mondo della corrida. Sembra che abbia lasciato il segno anche su Sharon Stone, che molti anni dopo difese pubblicamente la corrida in un’intervista.

“Adoro i tori. Fanno parte della cultura storica e anche dei simboli del paese, quindi c’è un aspetto dei tori che è la poesia della Spagna”, ha risposto l’attrice nel 2012 al presentatore Jorge Javier Vázquez su Telecinco.

Truchado, che recentemente ha avuto ruoli da protagonista in musical come ‘Il Dottore’ o ‘L’uomo della Mancia’, non è rimasto in contatto con Sharon Stone dopo le riprese di ‘Blood and Sand’, ma conserva alcuni aneddoti delle riprese in sua memoria a Madrid, Siviglia o Jerez.

Capote autografata dall’attrice Sharon Stone. EFE/Juan Carlos Domínguez

Il trucco del latte in polvere

In una scena del film, la ricca e bella Sol (Stone) doveva apparire mentre sniffava alcune linee di cocaina. Per fare questo, Truchado ha chiesto all’attrice come lo avevano preparato e lei gli ha detto che in un altro film a cui aveva partecipato avevano simulato le dosi con il latte in polvere per neonati.

Mettendosi al lavoro, l’artista preparò le strisce, cosa che li fece scherzare sul caldo e sull’umidità che c’erano in quel momento, poiché il latte poteva liquefarsi: “Pensavo che una piccola goccia bianca gli sarebbe caduta sul naso”. .

Un altro momento comico si è verificato quando lui teneva un cavallo con una mano e lei era seduta a circa due metri di distanza e li osservava entrambi. Ha detto all’attrice: “Il cavallo fa quello che voglio”, e mentre guardava con la coda dell’occhio ha spostato la testa di lato o ha battuto il piede a terra mentre l’animale faceva movimenti simili.

“Stava ridendo” di risate, dice. Risentito per il trattamento da parte della squadra

Un giorno l’artista fu trovata seduta su un ceppo in attesa, “risentita” per il trattamento riservato alla squadra di produzione, poiché l’autista l’aveva lasciata lì e se n’era andato. “Ho preso una sedia dal camion per lei” perché in molti posti non c’erano roulotte, ricorda Truchado, che sottolinea che non si era ancora affermata come attrice e “il trattamento non era esattamente quello di una star”.

Insiste nel dire che lei “non è stata affatto scortese” e l’ha trovata “molto gentile e amichevole”, sebbene avesse precedentemente lavorato con artisti americani e parlasse bene l’inglese, cosa che non l’intero team faceva.

Come “oggetti di scena” aveva “un camion pieno di cose”, molte legate alla corrida, come stampelle, banderillas e “alcune orecchie di toro che volevano fossero vere e dovevano essere disinfettate perché piene di mosche”, cosa che ammette. era “una seccatura”.

Sebbene gli “fa male” lasciare andare il mantello, questo ex interprete che funge sia da attore che da cantante o annunciatore conserva ancora il ricordo di aver condiviso esperienze con la stessa Sharon Stone. EFE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT I fan adorano il waifu di 2.5 Dimensional Seduction – Kudasai