Cosa rivela il trailer del film più atteso dell’anno?

Cosa rivela il trailer del film più atteso dell’anno?
Cosa rivela il trailer del film più atteso dell’anno?
Immagine: YouTube

I fan del regista Ridley Scott sono entusiasti del seguito di uno dei suoi film di maggior successo, Gladiatore. Anche se mancano ancora alcuni mesi all’uscita del film, Con l’uscita del primo trailer, i segnali sono chiari che la scommessa del cineasta 86enne sarà ancora più epica della prima parte della saga ambientata nell’antica Roma.

Italiano:

L’anteprima, di poco più di tre minuti, prevede spettacolari scontri al Colosseo. Viene mostrata anche una battaglia con un rinoceronte e intensi dialoghi in cui interpreta il personaggio centrale, Lucius Paolo Mescal, chiarirà che il suo obiettivo è la vendetta contro l’Impero Romano. La vendetta è ispirata dai suoi ricordi di Massimo, il gladiatore che incarnava Russell Crowe nel primo film, ruolo per il quale vinse l’Oscar come miglior attore protagonista nel 2000.

“Uno schiavo potrebbe vendicarsi dell’imperatore”, racconta Lucius a Macrinus, il potente mercante interpretato da Denzel Washington che in un primo momento sembra condividere il desiderio di ribellarsi al potere di Geta (Giuseppe Quinn) e Caracalla (Fred Hechinger).

di cosa si tratta Gladiatore 2?

La trama scritta da David Scarpa (con il quale Scott ha lavorato su Napoleone) e Peter Craig (Top Gun: La leggenda continua) inizia circa vent’anni dopo la fine degli eventi rappresentati nel film originale. Lucius appariva come il giovane nipote dell’imperatore Commudus, interpretato da attrice-, che per decisione della madre Lucilla (Connie Nielsen) e per mantenerlo in vita venne bandito da Roma.

Da adulto, vive pacificamente con la moglie e il figlio in una città costiera della Numidia, una delle ultime civiltà esistite fuori dal controllo di Roma. Questo finché l’imperatore Geta non ordina l’invasione del territorio del Nord Africa e del generale Marcus Acacius, che lo incarna Pietro Pascalesaudisce i suoi desideri con risultati sanguinosi.

Determinato a vendicarsi, Lucio ritorna a Roma come schiavo e futuro gladiatore determinato a unire il resto dei combattenti contro i loro crudeli padroni. “L’arena trasforma gli schiavi in ​​gladiatori e i gladiatori in uomini liberi”, si sente nel trailer mentre si osservano i progressi di Lucius nell’arena, dove diventa il preferito di Macrimus. «Ho visto qualcosa in te che ti distingue: la tua rabbia. E quella rabbia è il tuo dono.”, dice il mercante machiavellico al personaggio di Mescal che sfoga la sua rabbia e il suo dolore con un colpo netto di spada. O non così tanto.

Paul Mescal e Pedro Pascal

Distribuzione di produzione senza pari

Sebbene l’anteprima si concentri soprattutto sui piani di Lucius e Macrimus, che mirano a distruggere l’impero, le scene, con uno spettacolo produttivo sorprendente, includono anche il personaggio di Pascal, un generale che sembra più allineato con il popolo che con i suoi oppressori.

“Non ucciderò un’altra generazione di giovani per la loro vanità”, Marcus Acacio confessa a Lucilla con la quale, secondo le nuove immagini, potrebbe avere una relazione romantica. Ma le sue intenzioni non conteranno in linea di principio per il nuovo gladiatore che, al grido di “Forza e onore”, cercherà di porre fine al regno di terrore degli imperatori nell’arena. Questo sarà teatro degli scontri che comporteranno lo spargimento di sangue, sudore e lacrime degli eroi della storia.

La strada per il seguito Gladiatore, vincitore del premio Oscar come miglior film nel 2000 e film di maggior incasso di quell’anno, realizzarlo non è stato facile. Sebbene i piani per il lancio siano iniziati poco meno di un anno dopo la sua anteprima, la verità è che Scott e il suo team hanno dovuto affrontare un ostacolo creato da loro stessi. Decidendo che il film si concludesse con la morte del suo protagonista, le possibilità narrative furono limitate se l’intenzione era quella di continuare la storia da dove l’avevano interrotta.

Tuttavia, due decenni dopo, il regista e la sua squadra sembrano aver trovato la strada per tornare a Roma e alla storia di proporzioni epiche che gli spettatori aspettavano da più di vent’anni.

Il giornalismo indipendente ha bisogno del sostegno dei suoi lettori per continuare e garantire che le notizie scomode che non vogliono che tu legga rimangano alla tua portata. Oggi, con il tuo sostegno, continueremo a lavorare duramente per un giornalismo senza censura!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “La mascolinità è molestata da ogni parte”
NEXT Il disastro meteorologico dei Tornado guida le anteprime della settimana