Lo scienziato cinese che creò i primi bambini geneticamente modificati riprende le ricerche | I problemi etici del progresso scientifico

Lo scienziato cinese che creò i primi bambini geneticamente modificati riprende le ricerche | I problemi etici del progresso scientifico
Lo scienziato cinese che creò i primi bambini geneticamente modificati riprende le ricerche | I problemi etici del progresso scientifico

Lui Lo scienziato cinese He Jiankuidiventato famoso alla fine del 2018 dopo aver affermato di aver raggiunto i risultati creare i primi bambini geneticamente modificatiah Dopo il periodo in prigione, ha ripreso le sue ricerche sull’editing del genoma degli embrioni umani per la cura delle malattie genetiche.

Lui, condannato a tre anni di carcere nel 2019 dalle autorità del suo paese, che ritenevano di aver realizzato il progetto illegalmente a fini riproduttivi, ha dichiarato in un’intervista al quotidiano giapponese Mainichi Quello il loro lavoro attuale è conforme agli standard internazionali e che la società alla fine accetterà questa pratica.

Lo scienziato ha assicurato che i media in un’intervista pubblicata questo lunedì Il suo obiettivo è curare malattie genetiche rare come la distrofia muscolare di Duchenne o l’Alzheimer geneticamente determinato. modificando il genoma degli embrioni umani e che per la sua ricerca utilizzerà embrioni scartati e si atterrà agli standard locali e internazionali.

Secondo Mainichi, avrebbe aperto tre laboratori in Cina dopo il suo rilascio nel 2022, tra cui Pechino e Wuhan.

Nel novembre del 2018, lo scienziato cinese sorprese la comunità internazionale affermando di essere riuscito a creare i primi gemelli geneticamente manipolati per resistere all’HIV, cosa che suscitò numerose critiche, soprattutto per questioni etiche.

I gemelli facevano parte di tre bambini nati a seguito di un progetto di editing genetico durante la fecondazione in vitro di otto coppie in cui solo i mariti erano infetti dall’HIV, per prevenire la trasmissione del virus.

Lo scienziato si è poi detto “orgoglioso” del suo lavoro e ha sottolineato che il suo studio non aveva l’obiettivo di eliminare le malattie genetiche ma di “dare alle ragazze la capacità naturale” di resistere a possibili future infezioni da HIV.

Le autorità cinesi hanno stabilito dopo un’indagine che ha realizzato il progetto illegalmente per ottenere fama e guadagno finanziario.

Dei bambini, ha detto durante l’intervista: “Sono perfettamente sani e non hanno problemi di crescita”. Ha anche riferito che i gemelli, che ora hanno circa 5 anni, frequentano l’asilo nido e che anche un’altra bambina nata nel 2019 era una femmina.

Lo scienziato ha detto di essere orgoglioso dei suoi risultati e ha assicurato che le analisi delle sequenze genetiche complete dei piccoli dimostrano che “non ci sono state modifiche genetiche oltre l’obiettivo medicofornendo la prova che l’editing del genoma era sicuro.”

Riflettendo sulle critiche ricevute, si è rammaricato che la sua indagine sia stata così “affrettata”, ma non ha spiegato perché ha deciso di portarla avanti in violazione degli standard internazionali.

Lo scandalo ha portato le autorità cinesi a rivedere le loro normative riguardanti la modificazione genetica negli esseri umani, che ora richiedono l’approvazione nazionale per la ricerca clinica in quel campo o in altre “tecnologie biomediche ad alto rischio”.

Il controverso ricercatore dichiarò nel 2023 che intendeva condurre ricerche sull’editing genetico a Hong Kong utilizzando l’intelligenza artificiale, piani che sono stati frustrati dopo che le autorità di Hong Kong hanno annullato il suo visto di lavoro.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Gli Stati Uniti hanno distrutto più di 80 droni e almeno 6 missili balistici provenienti da Iran e Yemen che prendevano di mira Israele
NEXT Il Nicaragua sostiene la pace e critica l’inerzia delle Nazioni Unite