L’errore giudiziario per cui la Spagna ha liberato il miliardario che minacciava la principessa dei Paesi Bassi

L’errore giudiziario per cui la Spagna ha liberato il miliardario che minacciava la principessa dei Paesi Bassi
L’errore giudiziario per cui la Spagna ha liberato il miliardario che minacciava la principessa dei Paesi Bassi

Ascoltare

I funzionari della giustizia in Spagna hanno rilasciato accidentalmente dal carcere un trafficante di droga olandese miliardario in un apparente pasticcio burocratico.

Karim Bouyakhrichan, presunto leader della Mocro Maffia, è stato arrestato a Marbella lo scorso gennaio al termine di un’indagine durata cinque anni per riciclaggio di denaro. Ma è scomparso questo mese dopo essere stato rilasciato accidentalmente in mezzo alla confusione su una richiesta di estradizione dai Paesi Bassi. Le autorità spagnole restano fiduciose di riuscire a trovare il presunto capo del cartello.

Martedì, parlando ai giornalisti, Il ministro della Giustizia, Félix Bolaños, ha ammesso che la fuga è una “notizia preoccupante”, ma ha insistito sul fatto che le forze di sicurezza “consegneranno questa persona alla giustizia il prima possibile”..

Il termine Mocro Maffia è usato per riferirsi ad alcuni dei più grandi cartelli del traffico di cocaina in Europa. Si ritiene che negli ultimi 15 anni abbiano contrabbandato farmaci per un valore di miliardi di euro dal Sud America all’UE.

Si dice che utilizzino gli enormi porti di Amsterdam e Rotterdam per trasportare cocaina attraverso il continente, mentre gestiscono operazioni di riciclaggio di denaro in Europa, Medio Oriente e Marocco.

Si ritiene che la Mocro Maffia sposti tonnellate di cocaina attraverso porti come Amsterdam

I media olandesi hanno anche collegato i cartelli alle minacce contro l’erede al trono di quel paese, la principessa Amalia.

La settimana scorsa è stato rivelato il pericolo di rapimenti da parte del mondo della criminalità organizzata olandese Avevano costretto la principessa ereditaria a vivere in Spagna per almeno un anno.

Le azioni della Mocro Maffia tengono in allerta le autorità olandesigetty

Bouyakhrichan, noto anche come Taxi, è stato arrestato a gennaio insieme ad altri cinque uomini dopo essere stato arrestato accusato di riciclaggio di denaro attraverso l’acquisto di 172 immobili in Spagna per un valore di oltre 50 milioni di euro (53 milioni di dollari).

L’uomo, 46 ​​anni, era uno dei criminali più ricercati in Europa e l’Interpol lo perseguitava da almeno cinque anni. Si ritiene che suo fratello, Samir, abbia fondato una filiale della Mocro Maffia, un’organizzazione olandese-marocchina con sede nei Paesi Bassi e in Belgio, prima di essere ucciso a colpi di arma da fuoco nel 2014.

Si presume che Bouyakhrichan abbia preso il controllo dell’impero di suo fratello dopo la sua morte. Si ritiene che il suo arresto quest’anno abbia calmato una lotta di potere tra fazioni rivali della criminalità organizzata, che aveva visto la morte di diversi uomini.

Dopo aver appreso dell’arresto di Bouyakhrichan, le autorità olandesi hanno presentato una richiesta di estradizione che è stata inizialmente approvata da un tribunale nazionale di Madrid.

Tuttavia, i funzionari locali di Malaga, dove era detenuto il boss del cartello, hanno insistito affinché egli dovesse prima affrontare le accuse in Spagna. I media nazionali hanno riferito che il tribunale nazionale di Madrid ha successivamente annullato la decisione.

Il 22 febbraio, il tribunale di Malaga ha accolto il ricorso presentato dalla difesa di Bouyakhrichan ne ha ordinato la liberazione in attesa dell’estradizione dietro pagamento di una cauzione di 50mila euro (US $ 53.000).

La famiglia reale dei Paesi Bassi, in particolare la principessa Amalia, è stata minacciata dall’organizzazione di Karim Bouyakhrichan

I media spagnoli Paese hanno riferito che i giudici hanno accettato la possibilità che il capo del cartello potesse fuggire dal Paese, ma hanno sostenuto che sarebbero state adottate misure “meno gravose” come la cauzione, il ritiro del passaporto e l’obbligo di comparire in tribunale ogni 15 giorni. sufficiente.

Il giornale aggiunge che Bouyakhrichan è comparso regolarmente in tribunale fino al 1° aprile, dopodiché è scomparso. Martedì il ministro Bolaños si è rifiutato di commentare l’errore burocratico quando è stato interrogato dai giornalisti.

Vincent Veenman, portavoce della procura olandese all’Aia, ha detto che non è noto il motivo per cui Bouyakhrichan sia stato rilasciato dal carcere. Ma ha insistito sul fatto che la cooperazione con il sistema giudiziario spagnolo è “generalmente buona” e ha aggiunto che “ogni anno vengono consegnate decine di sospettati”.

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Rafah: qual è l’importanza strategica di questa città e perché si teme un’offensiva israeliana su di essa?
NEXT Catturano l’ex marito di Ana María Henao, una colombiana scomparsa in Spagna in strane circostanze