L’UNESCO denuncia l’omicidio di 44 giornalisti dediti all’ambiente

Altri 24 professionisti della stampa sono sopravvissuti agli attacchi, si legge nel rapporto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura.

L’UNESCO ha scelto il Cile come sede della 31esima edizione della Giornata mondiale della libertà di stampa, dedicata in questa occasione all’analisi della violenza contro i comunicatori che trattano questioni relative all’ambiente e alla disinformazione sull’agenda climatica.

Dal 2009, almeno 749 giornalisti e mezzi di informazione che hanno riferito su questo argomento sono stati attaccati in 89 paesi.

Hanno coperto una vasta gamma di storie, dalle cause del cambiamento climatico, all’estrazione illegale, alla deforestazione e ai combustibili fossili, alle questioni che riguardano le comunità a cui appartengono.

Questi ultimi includono l’agroindustria, l’accaparramento di terreni, i megaprogetti infrastrutturali e le conseguenze di eventi meteorologici estremi.

Lo studio pubblicato oggi si basa su un sondaggio condotto dall’UNESCO e dalla Federazione internazionale dei giornalisti, che ha ricevuto risposte da 905 professionisti della stampa provenienti da 129 paesi di tutti i continenti.

Oltre il 70 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver subito attacchi, minacce o pressioni mentre si occupavano di questioni ambientali, cosa che ha avuto ripercussioni sulla salute mentale di molti di loro.

Quasi la metà degli intervistati ha dovuto praticare l’autocensura per paura di possibili attacchi, che le loro fonti fossero esposte a danni e della possibilità che la loro copertura fosse in conflitto con gli interessi dei loro datori di lavoro o inserzionisti.

Di tutti questi problemi si dibatterà nel corso del convegno Stampa per il pianeta: il giornalismo di fronte alla crisi ambientale, che sarà inaugurato domani dal direttore generale dell’UNESCO, Audrey Azoulay, e dal presidente cileno, Gabriel Boric.

lam/macchina

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Questa è l’impressionante parata di un portiere venezuelano, considerato uno dei migliori nella storia della Copa América
NEXT L’Argentina chiede spiegazioni alla Bolivia per l’accordo militare con l’Iran