Il messaggio di Xi Jinping in codice russo in Europa

Il messaggio di Xi Jinping in codice russo in Europa
Il messaggio di Xi Jinping in codice russo in Europa

Il capo di Stato cinese, Xi Jinping, durante la sua visita nei Pirenei francesi, nel suo giro d’Europa (Reuters)

Le lettere di Xi Jinping Di solito non sono frequenti nella stampa internazionale. Ecco perché ha attirato l’attenzione su questo Politicail giornale più emblematico del Serbiapubblicherà un articolo firmato dal capo del regime cinese, che questo martedì visiterà quel paese in un tour molto panoramico Europa dopo cinque anni di assenza dal continente a seguito della calamità umana causata dalla pandemia di COVID-19. COVID-19 ha avuto origine in Cina.

Sotto il titolo “Possa la luce della nostra forte amicizia risplendere sul cammino della cooperazione tra Cina e Serbia“, Xi Jinping ha segnato non solo la solida comunione che mantiene con il presidente nazionalista Aleksandar Vucic -anche vicino a Vladimir Putin– ma ha elaborato concetti in cui delimita molto chiaramente ciò che il termine “amicizia” per lui. Vucic è sinonimo di terraferma Xi: sostiene implicitamente l’invasione cinese del Taiwan e ogni volta che può si fa portavoce Europa.

Un proverbio cinese dice che “gli amici sono coloro che la pensano allo stesso modo”, mentre i serbi dicono che “gli amici sono il tesoro più grande della vita”. Gli scambi amichevoli a lungo termine tra Cina e Serbia e la cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra le due parti indicano pienamente che il continuo approfondimento e sviluppo delle relazioni tra i due paesi è in linea con la tendenza storica e gli interessi fondamentali delle persone, contribuendo a progresso comune da entrambe le parti”, ha scritto Xi In Politica.

Questo è il primo avvertimento che l’onnipotente leader cinese lancia nei suoi scritti: Considera amici solo quei paesi, governi o stati che la pensano come lui, che condividono la loro visione del mondo. E solo gli amici meritano un trattamento adeguato e i benefici di quel pensiero. Questa visione del mondo risponde a sistemi politici autocratici o populisti, come nel caso della Serbia, tra molti altri esempi. “L’amicizia d’acciaio tra Cina e Serbia è stata temprata dal sangue e dal fuoco, quindi risplende più luminosa nella nuova era“, dice Xi.

Ma in quel messaggio si difendeva anche Serbia di fronte alle critiche internazionali per gli abusi di potere vissuti nel Paese. “La Cina rispetta e sostiene la scelta del popolo serbo sulla via dello sviluppo, sostiene gli sforzi della Serbia per preservare la sovranità nazionale e l’integrità territoriale e si oppone all’ingerenza di qualsiasi forza negli affari interni della Serbia.”, ha sottolineato il capo del regime cinese.

Nei paragrafi successivi, Xi Ha lanciato il suo messaggio in codice russo. Musica per le orecchie di Mettere in, un altro partner e amico temperato nel sangue e nel fuoco. Soprattutto negli ultimi due anni Ucraina. Le sue parole puntano contro NATOil blocco militare guidato da Stati Uniti d’America E Europa che cerca di fermare i crimini russi sul suolo ucraino con l’aiuto delle armi.

Xi Jinping ha scritto un articolo sul quotidiano serbo Politika (Infobae)

25 anni fa, la NATO bombardò palesemente l’ambasciata cinese nella Repubblica Federale di Jugoslavia, uccidendo tre giornalisti cinesi, vale a dire Shao Yunhuan, Xu Singhu e sua moglie Zhu Ying. Non dobbiamo mai dimenticarlo. Il popolo cinese apprezza la pace, ma non permetterà mai che una tragedia storica si ripeta“, ricorda e promette Xi. Il visitatore fa riferimento ad un attentato accidentale avvenuto il 7 maggio 1999 a Belgrado. Stati Uniti d’America ha riconosciuto pubblicamente il fatale errore, si è scusato e ha risarcito le famiglie per la tragedia. Nel suo testo, di passaggio, Xi lancia un avvertimento: “Non permetteremo mai che si ripeta”. Il leader comunista si percepisce militarmente molto più potente rispetto a 25 anni fa. Cosa faresti in caso di un altro errore?

Ma è a NATO chi incolpa, in una colonna con concetti ripetuti come “multilateralismo” E “mondo multipolare”, offrendo la sua amicizia a chi la pensa come lui. Tuttavia, la sua menzione di quell’organizzazione durante il suo viaggio a Serbia Non è innocente. IL NATO È uno dei principali supporti di Kiev e un bersaglio continuo del capo di Stato russo nei suoi discorsi. IL “società senza limiti” che continua con Mettere in Ciò si riflette anche nella narrativa del leader cinese.

È anche curioso che, avendo un amico così bellicoso, Xi Ho parlato nella stessa pubblicazione di “preservare la pace e la stabilità del mondo”. Altrettanto sorprendente è quest’ultimo concetto: un’invasione di Taiwan -oltre al dramma umano che ciò significherebbe- il commercio internazionale crollerebbe, causando una grave distorsione dei prezzi in tutto il mondo e generando carenze di prodotti in gran parte del globo.

Inoltre, una guerra in quello stretto implicherebbe un’azione immediata da parte dei vicini asiatici. In Hawaiiappena quattro giorni fa Stati Uniti d’America, Giappone, Australia E Filippine hanno rafforzato il loro impegno per l’aiuto reciproco di fronte alle ostilità Pechino. La preoccupazione è cresciuta nelle ultime settimane a causa delle continue vessazioni che subiscono le navi filippine guardia Costiera Cina. Solo poche ore fa, da parte sua, Australia ha riferito di aver sparato razzi contro il suo elicottero che stava sorvolando la città Mar Giallo. Un errore di calcolo potrebbe portare a un confronto aperto. Cosa intende Xi per stabilità? Mistero.

Xi Jinping visita Europa cercando di convincere i loro governanti che è necessario un riavvicinamento Pechino. Soprattutto considerando che negli ultimi anni”L’atteggiamento europeo nei confronti della Cina si è inasprito in modo significativo, alimentato dall’approfondimento delle divisioni commerciali e dall’espansione della cooperazione economica e militare di Pechino con Mosca in seguito all’invasione dell’Ucraina.“, pubblico Cristina Lu In Politica estera. Ma non è solo questo a generare sfiducia: nelle ultime settimane entrambi Germania Come il Regno Unito hanno accusato Cina di spionaggio. E lo scandalo cresce.

Questa sfiducia europea si ripete in tutto il mondo. Negli ultimi sei anni, il supporto per Cina sono stati ridotti, secondo un sondaggio pubblicato da Gallup questo lunedì 6 maggio. Nel 2018, 54 paesi si sono allineati, con un grado di impegno minore o maggiore Pechino. Nel 2023 quel numero era sceso a 22 nazioni. Questa dovrebbe essere la preoccupazione principale di Xi.

In questo contesto, gli avvertimenti lanciati da Xi mantenere amicizie solo con autocrati che la pensano come lui e condividere con loro Mettere in lo stesso prisma sul NATO Non serviranno a invertire le percezioni cementate negli ultimi cinque anni. Non importa quanto parli di stabilità, multilateralismo e pace nel mondo.

X: @TotiPI

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Nel paesaggio sostanziale del materno
NEXT Settimana Mondiale sul Consumo di Sale: sfida sanitaria per Cuba