Ufficiale in Francia la lista dei candidati alle elezioni europee

Ufficiale in Francia la lista dei candidati alle elezioni europee
Ufficiale in Francia la lista dei candidati alle elezioni europee

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica si riflettono questo sabato tre forze politiche in più rispetto alle elezioni del 2019, anche se i sondaggi concedono la possibilità di ottenere seggi nella legislatura 2024-2029 del Parlamento europeo solo a sette dei 37 iscritti.

Oltre ai partiti tradizionali, che hanno senatori, deputati, sindaci o consiglieri, sono state iscritte liste con le cause più diverse, dalla libertà della Palestina e la difesa dei bambini e degli animali alla promozione dell’esperanto come lingua comune e al rifiuto dell’Unione Europea e della NATO.

Secondo i sondaggi, il Gruppo nazionalista Nazionale, identificato con l’estrema destra, dominerà facilmente le elezioni, con il 30-32% delle intenzioni di voto, che gli garantirebbero una trentina di seggi al Parlamento europeo, contro i venti attuali.

Per il secondo posto sembrano favoriti il ​​partito di governo Renacimiento e i suoi alleati e il tandem Partito Socialista/Piazza Pubblica, con un leggero vantaggio per il primo, anche se nessuna delle due proposte raggiunge il 20% dei probabili voti.

Più lontani, ma con la possibilità di raggiungere una parte degli 81 deputati assegnati alla Francia nella nuova legislatura, che avrà 720 seggi, i sondaggi collocano La Francia Insumisa, Los Republicanos, Europa Ecología, i Verdi e Reconquista, tutti sotto il 10% dei voti. intenzioni di voto.

Per aspirare a un seggio al Parlamento europeo, una lista deve ottenere almeno il 5% dei voti, in un appuntamento alle urne al quale saranno chiamati il ​​9 giugno quasi 50 milioni di francesi, con un alto tasso di astensione che sarebbe secondo studi d’opinione, circa la metà dell’elettorato.

ode/wmr

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza