La prima delegazione keniana arriva ad Haiti

La prima delegazione keniana arriva ad Haiti
La prima delegazione keniana arriva ad Haiti

La delegazione di Nairobi verrà a ispezionare e valutare la costruzione di una base che ospiterà le sue truppe e dell’aeroporto internazionale di Port-au-Prince, ha riferito il quotidiano Le Nouvelliste.

Nella nazione caraibica, l’arrivo dei membri dell’Unità di ricognizione della polizia del Kenya, della Forza di dispiegamento rapido e del Gruppo per le operazioni speciali è previsto per il 26 maggio.

Saranno 200 in totale gli ufficiali che costituiranno l’avanguardia del contingente africano, che partirà per il paese caraibico il 22 maggio, anche se potrebbe essere prima.

Molti di questi soldati – sottolinea il quotidiano Haiti Libre – hanno la fama di combattere il gruppo terroristico Al-Shabaab al confine tra Kenya e Somalia.

Recentemente, l’ambasciatore degli Stati Uniti ad Haiti, Dennis Hankins, ha dichiarato che questa forza del continente africano sarà la prima a schierarsi qui alla fine di questo mese.

Finora, sette paesi in Africa, Asia e Caraibi hanno mostrato la loro volontà di fornire uomini per la missione multinazionale di sostegno alla sicurezza, che combatterà le bande criminali ad Haiti.

Kenya – che si è offerto di guidare le operazioni -, Benin e Ciad tra gli africani; Bahamas, Giamaica e Barbados tra i paesi caraibici, oltre al Bangladesh. Il Suriname ha recentemente annunciato che invierà un gruppo di truppe.

Tuttavia, i media locali hanno riferito che Washington ha fatto sbarcare con successo molte navi militari all’aeroporto internazionale di Toussaint Louverture da aprile, quindi il Kenya non è in realtà il primo paese a schierarsi.

È previsto l’arrivo di più di 100 aerei dell’Aeronautica Militare e noleggiati dal Dipartimento di Stato del Nord America.

Washington – ricordano alcuni media – è qui considerata la colpevole del caos economico, politico e sociale vissuto dal paese caraibico nel quale intervenne militarmente nel 1915 e lo avrebbe abbandonato nel 1934.

La maggior parte delle armi e delle munizioni utilizzate dai membri delle bande che tormentano la popolazione provengono dagli Stati Uniti.

jha/joe

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Anche i Giochi Olimpici di Parigi 2024 sono colpiti dalla crisi politica
NEXT Il Presidente del Perù partecipa alla cerimonia per ricevere le prime gru dal porto di Chancay