Israele ha sospeso le trasmissioni in diretta e ha confiscato le telecamere di una delle principali agenzie di stampa del mondo

Israele ha sospeso le trasmissioni in diretta e ha confiscato le telecamere di una delle principali agenzie di stampa del mondo
Israele ha sospeso le trasmissioni in diretta e ha confiscato le telecamere di una delle principali agenzie di stampa del mondo

Ascoltare

GERUSALEMME.- L’agenzia di stampa americana L’Associated Press (AP) ha riferito questo martedì che Israele ha interrotto la sua trasmissione in diretta dalla Striscia di Gaza e ha confiscato l’attrezzatura fotograficasostenendo che l’agenzia di stampa aveva violato la nuova legge sui media di cui aveva già utilizzato per chiudere il canale televisivo Al Jazeera.

Ore dopo, il ministro israeliano delle Comunicazioni ha ordinato il reso ritardo dell’attrezzatura fotografica sequestrata ad AP dopo aver bloccato il suo video in diretta da Gaza martedì scorso.

La Casa Bianca considerata come “preoccupante” ha interrotto l’alimentazione live dell’AP dall’enclave palestinese e ha chiesto che l’alimentazione live fosse ripristinata, mentre l’ONU ha criticato la decisione come “terribile”.

In questa immagine video, funzionari israeliani confiscano l’attrezzatura video AP in un condominio a Sderot, nel sud di Israele, martedì 21 maggio 2024.Josphat Kasire – AP

“L’Associated Press condanna nei termini più forti le azioni del governo israeliano volte a chiudere la nostra trasmissione in diretta” che mostrava una vista di Gaza e “la confisca delle nostre attrezzature”, ha detto l’agenzia di stampa in un comunicato.

L’agenzia ha attribuito la decisione a “un uso abusivo da parte del governo israeliano” di una legge votata all’inizio di aprile che autorizza il divieto di trasmissione in Israele di media stranieri che minano la sicurezza dello Stato.

L’organizzazione di difesa dei giornalisti Reporter Senza Frontiere (RSF) considerata la decisione delle autorità israeliane a “censura scandalosa”.

L’agenzia di stampa sostiene che i funzionari israeliani hanno consegnato un documento, firmato dal ministro delle Comunicazioni Shlomo Karhi, in cui si sostiene ciò violava la nuova legge sulla radiodiffusione.

Il Ministero delle Comunicazioni israeliano ha affermato in un comunicato che l’AP scattava regolarmente foto della Striscia di Gaza dal balcone di una casa a Sderot, al confine con l’enclave palestinese, “concentrandosi anche sulle attività dei soldati (israeliani) e sulla loro posizione”.

La censura militare israeliana vieta la pubblicazione di immagini o informazioni che potrebbero portare alla localizzazione di soldati o strutture militari israeliane.

“AP è conforme alle regole di censura militare israeliane, che vietano la ritrasmissione di dettagli come i movimenti delle truppe che potrebbero mettere in pericolo i soldati”, ha affermato l’agenzia.

Lo ha indicato anche il ministero israeliano La stampa associata stava “infrangendo la legge” permettendo Al Jazeera “ricevere il suo contenuto.”

I palestinesi feriti nel bombardamento israeliano della Striscia di Gaza vengono portati all’ospedale Al Aqsa a Deir al Balah, Striscia di Gaza, martedì 21 maggio 2024 (foto AP)Abdel Kareem Hana – AP

“Nonostante gli avvertimenti degli ispettori del Ministero delle Comunicazioni secondo cui stavano infrangendo la legge e avrebbero dovuto smettere di fornire i loro contenuti ad Al Jazeera (…), hanno continuato a farlo”, ha aggiunto il ministero.

AP ha risposto che la rete del Qatar lo è “uno delle migliaia di clienti delle dirette video inviate dall’agenzia.”

Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ai giornalisti sull’aereo del presidente Joe Biden “Ovviamente questo è preoccupante e vogliamo scoprire cosa è successo”.

L’AP “dovrebbe poter svolgere il suo lavoro liberamente e senza restrizioni”, ha dichiarato Stéphane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

Il direttore delle notizie globali dell’agenzia francese Agenzia France-Presse (AFP)Phil Chetwynd ritiene che la decisione di Israele sia valida “Un attacco alla libertà di stampa”.

Il fumo si alza dopo un’esplosione nella Striscia di Gaza, vista dal sud di Israele martedì 21 maggio 2024 (foto AP)Leo Correa – AP

“La libera circolazione di informazioni e immagini verificate provenienti da fonti affidabili è vitale nel contesto attuale”, ha dichiarato in una nota.

Leader dell’opposizione israeliana Yair Lapidha reagito alla decisione nella causa X, affermando quanto segue Il governo “è impazzito”.

“Questo non è Al Jazeeraè un media americano che ha vinto 53 premi Pulitzer”, ha scritto.

Al Jazeera Ha smesso di essere trasmesso in Israele questo mese dopo che il governo del primo ministro Benjamin Netanyahu ha votato per chiuderlo a causa della copertura della guerra di Gaza.

La guerra a Gaza è scoppiata quando il gruppo palestinese Hamas ha attaccato Israele, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo circa 250 in ostaggi. Israele ha risposto con una forte offensiva che ha provocato più di 35.000 morti, secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che non fa distinzioni. tra civili e combattenti.

Agenzie Reuters e AFP

LA NAZIONE

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza