Trump ha deciso di non testimoniare in chiusura del processo per corruzione di un’ex attrice porno | L’ex presidente degli Stati Uniti potrebbe essere condannato fino a quattro anni di carcere

Trump ha deciso di non testimoniare in chiusura del processo per corruzione di un’ex attrice porno | L’ex presidente degli Stati Uniti potrebbe essere condannato fino a quattro anni di carcere
Trump ha deciso di non testimoniare in chiusura del processo per corruzione di un’ex attrice porno | L’ex presidente degli Stati Uniti potrebbe essere condannato fino a quattro anni di carcere

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha deciso di non testimoniare al processo per falsificazione di documenti contabili a New York, che questo martedì ha concluso la sua fase testimoniale e si avvicina al verdetto. Sono state cinque settimane in cui hanno fatto sfilare 19 testimonianze, centinaia di documenti e perfino dichiarazioni di contenuto sessuale esplicito, nel primo processo penale contro un ex presidente americano. Trump è accusato di aver falsificato documenti per mettere a tacere un’attrice porno e proteggere la sua corsa presidenziale.

Il giudice Juan Merchan ha annunciato che da martedì prossimo inizieranno le discussioni finali e le giurie inizieranno a deliberare. La giuria deve decidere se Trump è colpevoleal di là di ogni ragionevole dubbio, di 34 falsificazioni contabili legate al pagamento di 130mila dollari all’ex attrice porno Stormy Daniels per comprarne il silenzio ed evitare un possibile scandalo sessuale alla fine della campagna presidenziale del 2016. L’attrice, il cui vero nome è Stephanie Clifford, afferma di aver avuto una relazione sessuale con Trump nel 2006, quando questi era già sposato con l’attuale moglie Melania. Donald Trump lo nega.

Nonostante il processo non venga trasmesso in diretta televisiva a causa della legge di New York, l’imminente verdetto rappresenta un momento delicato per Trump, che aspira a tornare alla Casa Bianca alle elezioni di novembre, nelle quali dovrà affrontare ancora una volta il democratico Joe Biden. .

Perché il candidato repubblicano venga dichiarato colpevole è necessaria l’unanimità dei giurati.. Al suo arrivo in tribunale, il miliardario 77enne ha sparato: “Tutti dicono che non esiste alcun reato. Tutti gli esperti dicono che non esiste alcun reato e che non ho fatto nulla di male”. Se condannato, Trump potrebbe ancora candidarsi alla presidenza.

Lo spettacolo Cohen

Gli interrogatori si sono conclusi con un testimone della difesa, l’avvocato Roberto Costelloun veterano dei tribunali che Ha messo in dubbio la versione del principale accusatoreex avvocato e confidente di Trump, Michael Cohen. Costello, che aveva iniziato a testimoniare lunedì, ha fatto perdere la pazienza al giudice Merchan, normalmente imperturbabile. In tono colloquiale e teatrale, senza nascondere la sua esasperazione per gli interventi del magistrato, Costello venne rimproverato e richiamato all’ordine.

Il giudice Merchan ha sottolineato che le sue regole devono essere seguite nella sua aula del tribunale penale. Costello rispose affermativamente, ma alzò gli occhi al cielo, fece un gran sospiro e fissò Merchan. “Mi stai sfidando con gli occhi?”, gli ha chiesto Merchan e ha immediatamente chiesto ai giornalisti e al pubblico civile di lasciare l’aula. Quando la stampa è tornata in sala Costello era ancora seduto sulla tribuna, ma con un’espressione molto più seria.

Costello Sostiene che l’ex avvocato e braccio destro di Trump gli ha detto che il magnate repubblicano non sapeva di aver pagato Stormy Daniels affinché lei non rivelasse la loro relazione. In questo senso, ha testimoniato di aver incontrato Cohen per due ore nell’aprile 2018 e che l’ex avvocato ha giurato che Trump non era coinvolto nei pagamenti.

Testimone chiave e contenuto sessuale esplicito

La dichiarazione di Costello contraddice la testimonianza di Cohen, che la settimana scorsa ha dichiarato che Trump gli aveva ordinato di pagare i 130.000 dollari sotto esame, e ha spiegato in dettaglio come lo stesso ex presidente gli abbia poi rimborsato le spese. Per l’accusa la questione centrale è che questo trasferimento è stato camuffato come “spese legali” nei conti della Trump Organization.

Durante il processo, la difesa di Trump ha cercato di screditare Cohen, dipingendolo come un ex dipendente abbandonato in cerca di vendetta. Ha sottolineato la storia di inganni dell’ex avvocato, condannato a tre anni di carcere nel 2018 per aver mentito al Congresso e per frode elettorale e fiscale in questo caso.

Il processo ha intervallato momenti più tecnici e momenti più effervescenti, soprattutto con la testimonianza dell’ l’ex attrice porno DanielsQuello Ha raccontato dettagliatamente il presunto incontro sessuale con il presidenterivelando, tra l’altro, gli abiti che indossava, la posizione sessuale e il fatto che non aveva utilizzato il preservativo.

Trump ha finito per scegliere di non testimoniareCome molti esperti avevano previsto, probabilmente per evitare di esporsi al controinterrogatorio spietato da parte dell’accusa. L’ex presidente sostiene che il processo ha una valenza politica e ha lamentato più volte che l’obbligo di comparire alle udienze presso il tribunale di New York gli impedisce di fare campagna elettorale. “Non mi è permesso fare politica, perché nelle ultime quattro settimane sono stato seduto in una stanza fredda e buia (del tribunale).. “È molto ingiusto”, ha detto. briscola ai giornalisti questo lunedì.

La prossima settimana, dopo la chiusura delle discussioni che inizieranno martedì, la giuria composta da 12 persone dovrà concordare all’unanimità il verdetto. Se, ad esempio, 11 giurati concordano su una condanna e uno non è d’accordo, Merchan probabilmente chiederà a tutte e 12 le persone di continuare a deliberare fino a raggiungere una decisione. Se i giurati non riuscissero ancora a raggiungere un consenso, Merchan potrebbe essere costretto a dichiarare un errore giudiziarioche avviene quando un processo si conclude senza che sia stata raggiunta una sentenza congiunta.

Trump è accusato in questo processo di 34 reati di falsificazione di documenti aziendali e potrebbe essere condannato alla libertà vigilata o fino a quattro anni di prigione. Durante queste sei settimane era normale vederlo seduto sul banco degli imputati, con la fronte corrugata o gli occhi chiusi. “Contrariamente a quanto dicono i FAKE NEWS MEDIA, non mi addormento durante la caccia alle streghe. del pubblico ministero corrotto. Chiudo semplicemente i miei bellissimi occhi azzurri. “A volte ascolto intensamente e assimilo TUTTO!!!”, ha scritto il politico sul suo Truth Social network.

Giuliani respinge i brogli elettorali

In un altro caso che confina con l’ex presidente, Rudy Giulianiex avvocato personale di Trump, Si è dichiarato “non colpevole” di tutte le accuse contro di lui per presunta interferenza elettorale nelle elezioni presidenziali del 2020 in Arizona. Giuliani, 79 anni, è comparso virtualmente davanti al tribunale di Phoenix incaricato del caso.

L’ex sindaco di New York è accusato di aver diffuso informazioni false su presunte irregolarità nel voto del 2020 in Arizona, una battaglia chiave nelle elezioni americane, e per fare pressione sulle autorità affinché cambino il risultato che ha assegnato la presidenza al democratico Joe Biden. La corte ha ordinato a Giuliani di comparire di persona nei successivi 30 giorni e pagare una cauzione di 10.000 dollari, dopo settimane in cui aveva eluso la giustizia.

Giuliani è uno dei 18 imputati nel caso, e la sua udienza ha fatto seguito a quella di John Eastman, un avvocato accusato di essere l’architetto del piano per alterare il risultato elettorale, e che venerdì si è dichiarato non colpevole. Biden alla fine ha vinto in Arizona con poco più di 10.000 voti ma i repubblicani hanno insistito, senza prove, che c’era stata una frode e che Trump era stato il vincitore.

L’Arizona è il quarto stato a sporgere denuncia contro persone che hanno tentato di formare una lista elettorale alternativa, dopo Michigan, Georgia e Nevada. Biden e Trump si affronteranno nuovamente nelle elezioni presidenziali di novembre.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza