Inondazioni in Brasile: due persone morte per una malattia trasmessa dall’acqua e si avvertono ulteriori casi

Inondazioni in Brasile: due persone morte per una malattia trasmessa dall’acqua e si avvertono ulteriori casi
Inondazioni in Brasile: due persone morte per una malattia trasmessa dall’acqua e si avvertono ulteriori casi

Cittadini riposano in un rifugio (AP Photo/Carlos Macedo)

Le autorità brasiliane hanno riferito mercoledì il primi due decessi dovuti a una malattia batterica trasmesso dall’acqua nel sud del Brasile, dove le inondazioni si ritirano gradualmente. Hanno però avvertito che c’è di più vittime.

Il Ministero della Sanità dello stato di Rio Grande do Sul mercoledì è stata confermata la morte di un uomo di 33 anni leptospirosi. Lunedì le autorità hanno registrato la morte di un uomo di 67 anni a causa della stessa malattia. Lo stato ha confermato 26 casi di malattia dall’inizio di maggio.

Almeno Sono morte 161 persone e 82 risultano ancora disperse dopo l’inondazione durata circa due settimane, hanno detto mercoledì funzionari statali. Più di 600.000 persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case, tra cui decine di migliaia ancora nei rifugi.

Gli esperti sanitari avevano previsto un aumento delle malattie infettive come leptospirosi ed epatite B nelle due settimane successive alle inondazioni, una volta i liquami si mescolarono con l’acqua dell’alluvione.

“C’è chi muore durante l’alluvione, ma poi arrivano le conseguenze”, ha detto. Paolo Saldiva, professore presso la Facoltà di Medicina dell’Università di San Paolo che ricerca l’impatto dei cambiamenti climatici sulla salute pubblica. “La stessa mancanza di acqua potabile farà sì che le persone inizieranno a utilizzare l’acqua degli stagni, che non è di buona qualità”.

Un cittadino porta con sé parte dei suoi averi recuperati dopo le inondazioni (AP Photo/Carlos Macedo)

Il disastro ha colpito oltre l’80% dei comuni dello stato e ha danneggiato le infrastrutture critiche. Secondo un rapporto pubblicato martedì dall’istituto di ricerca sanitaria Fiocruz, più di 3.000 strutture sanitarie – ospedali, farmacie, centri sanitari e cliniche private – hanno subito danni.

“L’epidemia di leptospirosi era prevista a causa del numero di casi di leptospirosi persone esposte all’acqua, così come altre malattie”, ha detto Carlos Machado, un esperto di salute pubblica e ambiente incaricato da Fiocruz di valutare l’impatto dell’alluvione. “Non abbiamo mai visto un disastro di questa portata in Brasile con una popolazione esposta così numerosa”.

Machado ha affermato che, nonostante gli effetti sulle infrastrutture, sui controlli di base e sui servizi sanitari, il dipartimento sanitario locale lavora per prevenire le malattie infettive e per guidare le persone che tornano a casa su come ridurre i rischi di esposizione.

Anche l’impatto sui servizi sanitari può avere a impatto duraturo sui pazienti con malattie croniche, poiché il trattamento e la cura dei pazienti cronici sono stati interrotti, ha detto Machado. Le persone in genere non portano con sé prescrizioni o documenti d’identità quando escono di casa durante un disastro climatico.

“Il dipartimento sanitario lavora duramente per garantire farmaci ai pazienti affetti da malattie croniche”, ha affermato.

(Con informazioni da AP)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza