Allarme nei Paesi baltici per l’iniziativa russa di rivedere i confini marittimi

Allarme nei Paesi baltici per l’iniziativa russa di rivedere i confini marittimi
Allarme nei Paesi baltici per l’iniziativa russa di rivedere i confini marittimi

Il Mar Baltico, che dà accesso marittimo alla città di San Pietroburgo e all’enclave di Kaliningrad, è praticamente circondato dai membri della NATO (REUTERS/Janis Laizans)

I leader della regione del mare baltico mercoledì ha reagito con cautela alla notizia La Russia potrebbe rivedere i limiti delle sue acque territoriali nell’area, e il ministro degli Esteri di Lituania Ha detto che si tratta di una “chiara escalation” che deve ricevere una “risposta adeguatamente forte”.

Nella bozza di proposta riportata da diversi media russi, il Ministero della Difesa suggerisce di aggiornare le coordinate utilizzate per misurare la fascia di acque territoriali che va dalla sua costa continentale a quella delle sue isole nel Baltico. Quelle attuali sono state approvate nel 1985, secondo il Ministero, che lo ha constatato “si basano su carte di navigazione nautica su piccola scala” e non corrispondono alla “situazione geografica moderna”.

Il documento non chiariva se le modifiche proposte avrebbero spostato il confine o lo avrebbero chiarito.

Il Primo Ministro svedese, Ulf Kristersson, ha affermato che Mosca una volta ha firmato una convenzione delle Nazioni Unite che regola il modo in cui vengono apportati questo tipo di cambiamenti. “Sia noi che la Finlandia presupponiamo che la Russia, che è firmataria della convenzione, adempia a tale responsabilità”, ha detto, secondo l’agenzia di stampa svedese. TT.

Se i russi sfidano i confini, “allora la Russia violerà una convenzione dell’ONU, allora la Russia avrà tutto il mondo contro”, ha detto il ministro degli Esteri finlandese. Elina Valtonen, Lo riferisce la televisione finlandese YLE. Tuttavia, ha aggiunto, si è trattato probabilmente di un atto di routine e non di una provocazione.

Da parte sua, il presidente della Finlandia, Alexander Stubb, ha scritto sul social network X che Mosca non ha contattato il suo Paese a riguardo. “La Finlandia agisce come sempre: con calma e basandosi sui fatti”, ha detto.

Anche in X, il ministro degli Esteri della Lituania, Gabrielio Landsbergis, ha affermato che il Cremlino “sta cercando di seminare paura, incertezza e dubbio sulle sue intenzioni nel Mar Baltico”. Gli ultimi avanzamenti delle truppe russe nel nord-est dell’Ucraina hanno suscitato grande preoccupazione in Lituania.

Secondo un rapporto di Servizio di notizie balticoLa Lituania ha convocato il rappresentante diplomatico russo nel Paese per chiedere spiegazioni dettagliate.

Kaliningrad si trova tra la Lituania a nord e ad est e la Polonia a sud. È il quartier generale della flotta russa del Baltico (Ministero della Difesa della Federazione Russa tramite globallookpress.com)

Ma l’agenzia di stampa russa Interfaccia cLo ha affermato più tardi mercoledì una fonte diplomatica militare anonima Mosca non ha intenzione di controllare il confine né l’ampiezza delle sue acque territoriali.

Portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov, ha detto ai giornalisti che nella proposta del Ministero della Difesa Non c’era “niente di politico”.

“Vedete come le tensioni e il livello di confronto stanno aumentando, soprattutto nella regione baltica. “Ciò richiede misure adeguate da parte dei nostri organi competenti per garantire la nostra sicurezza”, ha detto il portavoce.

Da quando la Russia ha iniziato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022, Finlandia e Svezia sono entrate nel territorio NATO. Il Mar Baltico, che fornisce l’accesso marittimo alla città di San Pietroburgo e all’enclave di Kaliningrad, è praticamente circondato dai membri dell’alleanza militare.

Kaliningrad si trova tra la Lituania a nord e ad est e la Polonia a sud. È il quartier generale della flotta baltica russa.

(Con informazioni da AP)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Un giovane ha dovuto sottoporsi ad un intervento chirurgico al cuore d’urgenza perché si era mangiato le unghie