Almeno 50 morti nell’attacco israeliano al campo profughi di Rafah

Almeno 50 morti nell’attacco israeliano al campo profughi di Rafah
Almeno 50 morti nell’attacco israeliano al campo profughi di Rafah

Almeno 50 abitanti di Gaza sono morti lunedì mattina presto (domenica pomeriggio in Cile) in un bombardamento israeliano su un campo per sfollati nel nord-ovest di Rafah., nel quartiere Tal al Sultan; attacco confermato dall’esercito israeliano e diretto contro due alti funzionari di Hamas.

“Un altro atroce massacro è stato commesso dalle forze israeliane a Rafah, che finora è costato la vita a 50 martiri e decine di feriti, la maggior parte sono bambini e donne”ha detto un portavoce del Ministero della Sanità di Gaza, controllato da Hamas.

Da parte sua, l’esercito israeliano ha confermato l’attacco dei suoi aerei nella zona di Tal al Sultan, “basato su un’intelligenza precisa” e diretto contro due alti funzionari del gruppo islamico Hamas, comandante della sua divisione per la Cisgiordania, Yassin Rabia; e un altro alto comando della stessa divisione, Khaled Nagar.

“L’ala di Hamas in Giudea e Samaria (Cisgiordania occupata) è responsabile della pianificazione, del finanziamento e dell’esecuzione di attacchi terroristici in tutta la Giudea e Samaria e all’interno di Israele”ha indicato una dichiarazione militare sull’attacco a Tal al Sultan, un quartiere di Rafah che le forze israeliane non avevano ancora ordinato di evacuare e che ospitava centinaia di sfollati.

Questo bombardamento è avvenuto due giorni dopo Corte internazionale di giustizia (ICJ) ha chiesto la cessazione “immediata” della sua offensiva a Rafah, da dove sono già fuggite circa un milione di persone.

Le immagini diffuse sui social network palestinesi mostrano a grande incendio causato dal bombardamento aereo sulle tende temporanee di Tal al Sultan.

“Siamo a conoscenza di notizie che indicano che, a seguito dell’attacco e dell’incendio scoppiato, diversi civili della zona sono rimasti feriti. L’incidente è in fase di revisione”, ha sottolineato l’esercito israeliano riguardo all’attacco.

Secondo Israele, Yassin Rabia “ha gestito l’intera attività terroristica di Hamas in Giudea e Samariahanno trasferito fondi a obiettivi terroristici e ad attacchi terroristici pianificati”, anche in passato, compresi nel 2001 e nel 2002 – nel bel mezzo di Seconda Intifada– “in cui furono uccisi soldati delle forze di difesa israeliane”.

Da Nagar lo hanno sottolineato “ha condotto attentati e altre attività terroristiche in Giudea e Samariae ha trasferito fondi destinati alle attività terroristiche di Hamas nella Striscia di Gaza” e che in passato ha compiuto numerosi attacchi mortali tra il 2001 e il 2003, che hanno causato la morte di numerosi civili e soldati israeliani.

QUASI 200 PALESTINESI MORTI IN 24 ORE

“Mai prima nella storia è stato utilizzato davanti al mondo un numero così elevato di strumenti di uccisione di massa come sta accadendo ora a Gazadove la popolazione è privata di acqua, cibo, medicine, elettricità e carburante, schiacciando le infrastrutture e distruggendo tutte le istituzioni”, ha denunciato il Ministero della Sanità di Gaza.

Secondo i tuoi dati, nelle ultime 24 ore, 190 palestinesi sono morti in nuovi massacri, compreso questo nella presunta “zona sicura” dei campi a ovest della città di Rafah, ha aggiunto.

L’attacco israeliano a Rafah avviene poche ore dopo che Hamas ha lanciato da quel punto della Striscia, secondo l’esercito, otto razzi verso il centro di Israele, compresa Tel Aviv, per la prima volta in circa quattro mesi, che non hanno causato danni gravi o feriti.

Anche il portavoce del presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Nabil Abu Rudeinaha condannato questo “Attacco deliberato da parte dell’esercito di occupazione” sulle tende degli sfollati a Rafah, provocando a “Strage che ha superato ogni limite e richiede un intervento urgente per fermare immediatamente questi crimini contro il popolo palestinese.”

In Cisgiordania, centinaia di palestinesi sono scesi in piazza in varie città, compresi luoghi caldi come Jenin e Tulkarem, per protestare contro questo attacco.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT L’ONU e l’Unione Europea hanno manifestato il loro sostegno alla nuova proposta israeliana di cessate il fuoco a Gaza